Chilomys instans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chilomys instans
Immagine di Chilomys instans mancante
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Euarchontoglires
Ordine Rodentia
Famiglia Cricetidae
Sottofamiglia Sigmodontinae
Tribù Thomasomyini
Genere Chilomys
Thomas, 1897
Specie C.instans
Nomenclatura binomiale
Chilomys instans
Thomas, 1895
Sinonimi

C.fumeus

Chilomys instans (Thomas, 1895) è un roditore della famiglia dei Cricetidi, unica specie del genere Chilomys (Thomas, 1897), diffuso nell'America meridionale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Roditore di piccole dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 86 e 99 mm, la lunghezza della coda tra 105 e 130 mm, la lunghezza del piede tra 22 e 25 mm, la lunghezza delle orecchie tra 14 e 18 mm e un peso fino a 22 g.[3]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio presenta una scatola cranica alquanto grande, robusta e rotonda, un rostro sottile, mentre è privo di creste sopra-orbitali. Le placche zigomatiche sono dritte, i fori palatali sono molto corti. Gli incisivi superiori sono vistosamente proodonti, ovvero inclinati in avanti, quelli inferiori sono invece lunghi e molto sottili. Il terzo molare è ridotto.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 0 0 1 1 0 0 3
3 0 0 1 1 0 0 3
Totale: 16
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è lunga, soffice e lanosa. Il colore generale del corpo è grigio scuro con la punta dei peli del dorso bianco-argentata. Le orecchie sono relativamente corte, prive di peli e grigiastre. Le zampe sono brunastre. Il quinto dito del piede raggiunge la base della seconda falange del quarto dito. La coda è più lunga della testa e del corpo e finemente rivestita di piccoli peli ed è uniformemente marrone.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

È una specie terricola e notturna e spesso si trova insieme a Thomasomys hylophilus alla quale è somigliante.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

È onnivora.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa nelle Ande settentrionali, dal Venezuela occidentale e attraverso la Colombia centrale e settentrionale fino all'Ecuador centrale.

Vive nelle foreste umide tra 1.100 e 3.700 metri di altitudine.

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa e la presenza in diverse aree protette, classifica C.instans come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Aguilera, M., Gómez-Laverde, M., Tirira, D., Pacheco, V. & Rivas, B. 2008., Chilomys instans, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.3, IUCN, 2017.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Chilomys instans, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Tirira, 2007

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Diego S. Tirira, Mamíferos del Ecuador: Guía de campo, Ediciones Murciélago Blanco, 2007. ISBN 9789978446515

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi