Chiesa di San Gottardo (San Gottardo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Gottardo
Chiesa di San Gottardo, altare (San Gottardo, Sospirolo).jpg
Chiesa di San Gottardo
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàSospirolo
Coordinate46°10′05.27″N 12°06′50.08″E / 46.16813°N 12.11391°E46.16813; 12.11391
Religionecattolica
TitolareSan Gottardo
Diocesi Belluno-Feltre

La chiesa di San Gottardo è un luogo di culto cattolico situato nella frazione omonima del comune di Sospirolo (provincia di Belluno).

È compresa nella parrocchia di Mas-Peron, appartenente alla diocesi di Belluno-Feltre[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'intitolazione fa pensare al transito di mercanti tedeschi che ridiscendevano la valle del Cordevole per raggiungere Venezia[2].

L'edificio è citato per la prima volta nel 1577 ma è certamente di origini più antiche. È noto, infatti, che fu costruita sulle rovine di una più antica chiesa di San Marco, oratorio di un omonimo ospizio che sorgeva nelle vicinanze. Come testimoniato dalle linee architettoniche, rimaste pressoché intatte sino ad oggi, l'opera dovrebbe risalire alla metà del Quattrocento[1][2].

Edificio[modifica | modifica wikitesto]

San Gottardo si articola in un'unica navata lunga 17,35 m e larga 8,70 m. All'estremità orientale, introdotto da una balaustra in legno, si trova il presbiterio dove si collocano il coro e l'altare maggiore[1][2].

Su quest'ultimo ha trovato posto una pala raffigurante l'Incoronazione della Vergine, i santi Bruno e Gottardo e l'offerente Diana Grini, opera di Francesco Frigimelica il vecchio (1614-1616). Incastonata nel tabernacolo è una tavola attribuita a Jacobello del Fiore (XV secolo) con San Gottardo[1][3].

Per quanto riguarda gli altri due altari, quello di sinistra l'uno ornato da una pala con un Santo Vescovo (forse San Salvatore), l'altro da un dipinto raffigurante i Santi Bruno e Gottardo; sarebbero entrambe opere del Frigimelica coeve alla precedente. Presso l'entrata laterale ha trovato posto una Vergine con Bambino e San Giovannino[1][3].

Gli esterni sono molto semplici e mettono in risalto il campanile con cuspide a cipolla databile al XVIII secolo. Sino agli inizi del Novecento l'ingresso dalla parete laterale, quella rivolta a nord, era anticipato da un portico costituito da una fila di quattro colonne tuscaniche su cui si impostavano archi a tutto sesto[1][2].

La chiesa è stata recentemente restaurata dopo un lungo periodo di abbandono[1][2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Chiesetta di San Gottardo, su parrocchiamasperon.it, Parrocchia di Mas-Peron. URL consultato il 9 maggio 2021 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2013).
  2. ^ a b c d e Chiesa di San Gottardo, su comune.sospirolo.bl.it, Comune di Sospirolo. URL consultato il 10 luglio 2013.
  3. ^ a b Maria Elena Massimi, Francesco Frigimelica, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 50, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1998. URL consultato il 12 luglio 2013.