Chick-fil-A

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chick-fil-A
Chick Fil A - Cranberry TWP, PA - panoramio.jpg
L'ingresso di una sede del ristorante
StatoStati Uniti Stati Uniti
Forma societariasocietà privata
Fondazione1946 a Atlanta
Fondata daSamuel Truett Cathy
Sede principaleCollege Park
Persone chiaveDan T. Cathy presidente
Settoreristorazione rapida
Prodotti
Fatturato5,1 mld $
Sito web

Chick-fil-A è una catena statunitense di fast food, specializzati nel servire cibi a base di pollo.

Storia [1][2][modifica | modifica wikitesto]

L'azienda ha origine nel 1946 quando il fondatore S. Truett Cathy aprì un fast food chiamato Dwarf Grill. Circa quindici anni dopo Cathy iniziò a vendere anche pollo fritto e per via del successo qualche tempo dopo cambiò il nome del locale in quello attuale. Nel 1967 aprì il suo secondo locale e durante gli anni '70 e '80 la catena si espanse arrivando agli attuali quasi duemila ristoranti[3].

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda è presente solo negli Stati Uniti d'America con oltre 2.000 locali[4].

[modifica | modifica wikitesto]

Il nome dell'azienda è legato a diverse attività sportive. Dal 1997 è lo sponsor stabile del Peach Bowl[5], ovvero il superbowl del campionato universitario di football, è anche sponsor delle competizioni di atletica leggera della Southeastern Conference e della Atlantic Coast Conference.

Nell'ambito motoristico è sponsor della Kyle Petty Charity Ride Across America, una corsa motociclistica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) History, su Chick-fil-A. URL consultato il 19 novembre 2018.
  2. ^ (EN) This Is How It Started, su Chick-fil-A, 6 luglio 2018. URL consultato il 19 novembre 2018.
  3. ^ (EN) Kate Taylor, The incredible story of how Chick-fil-A took over fast food, su Business Insider, 25 gennaio 2016. URL consultato il 19 novembre 2018.
  4. ^ (EN) Franchising and Licensing, su Chick-fil-A. URL consultato il 19 novembre 2018.
  5. ^ (EN) Who We Are, su Chick-fil-A. URL consultato il 19 novembre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN123193540