Cheratomalacia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Cheratomalacia
Classificazione e risorse esterne (EN)
ICD-9-CM 264.4 e 371.45
ICD-10 E50.4
MeSH C536156

La cheratomalacia è una sindrome da carenza di vitamina A che interessa la cornea e la congiuntiva.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Generalmente colpisce i bambini denutriti o le persone affette da malattie da malassorbimento intestinale.

Presentazione clinica[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente la cheratomalacia porta alla perdita di brillantezza della congiuntiva, che diviene opaca, secca e perde la sensibilità; sulla cornea compare una macchia opaca e delle macchie biancastre dell'epitelio corneale. Se non si attua una terapia adeguata, la cornea diviene opaca e facilmente attaccabile da batteri, a cui può fare seguito una infezione con conseguente ulcerazione e perforazione, fino alla cecità.

Diagnosi[modifica | modifica wikitesto]

La malattia si diagnostica durante una visita oculistica con un semplice esame obiettivo oftalmico e tramite l'anamnesi.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Nelle fasi iniziali è possibile far regredire la malattia somministrando la vitamina A sia per via locale, sia sistemica e con gli integratori, nelle forme più avanzate invece le terapie sono poco efficaci.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina