Centre de recherche en astronomie astrophysique et géophysique

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Centro di ricerca in astronomia, astrofisica e geofisica
CRAAG - Bouzareah.jpg
L'osservatorio del CRAAG a Bouzareah
Codice008
StatoAlgeria Algeria
LocalitàAlgeri
Coordinate36°47′52.44″N 3°01′55.92″E / 36.7979°N 3.0322°E36.7979; 3.0322Coordinate: 36°47′52.44″N 3°01′55.92″E / 36.7979°N 3.0322°E36.7979; 3.0322
Fondazione1985
Sito
Telescopi
-telescopio Ritchey-Chrétien 81 cm
Mappa di localizzazione

Il Centro di ricerca in Astronomia, Astrofisica e Geofisica (CRAAG, Centre de Recherche en Astronomie Astrophysique et Géophysique), è un osservatorio astronomico situato presso una zona suburbana di Algeri e noto anche come Osservatorio di Algeri. È stato creato nel 1985, ereditando l'osservatorio astronomico di Bouzareah, costruito nel 1885, e l'Istituto di Fisica del Globo di Algeri, risalente al 1931. L'osservatorio ha collaborato alla costituzione della Carte du Ciel, una mappatura della volta celeste effettuata tra il 1891 ed il 1911.

Lo strumento principale dell'osservatorio è un telescopio Ritchey-Chrétien da 81 cm.

Ricerca e scoperte[modifica | modifica wikitesto]

Il centro effettua ricerche astronomiche e geofisiche, oltre al monitoraggio dei terremoti. Grazie all'osservatorio di Algeri sono stati scoperti diversi asteroidi della cintura principale, poi rinominati in relazione al luogo e al paese di scoperta, fra i quali:

Astronomi[modifica | modifica wikitesto]

Tra i ricercatori che hanno collaborato presso l'osservatorio si sono distinti:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) (858) El Djezair, su MPC. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  2. ^ (EN) (859) Bouzareah, su MPC. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  3. ^ (EN) (1213) Algeria, su MPC. URL consultato il 1º gennaio 2018.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Bouzid, M. Y., Photometric instrumentation at Algiers Observatory, in Interplay of Periodic, Cyclic and Stochastic Variability in Selected Areas of the H-R Diagram. Edited by C. Sterken, ASP Conf. Ser. 292. San Francisco: Astronomical Society of the Pacific,, 2003, p. 41.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) Sito dell'osservatorio
Controllo di autoritàVIAF (EN237483718 · ISNI (EN0000 0004 0475 4774