Cecilia Motzo Dentice d'Accadia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cecilia Motzo Dentice d'Accadia (Napoli, 1893Napoli, 1981) è stata una pedagogista, scrittrice e filosofa italiana. Appartenente alla famiglia aristocratica dei Dentice è stata la prima donna italiana a vincere una cattedra di Storia della filosofia. Ha insegnato all'Università di Cagliari e poi pedagogia all'Università di Napoli, innovandone gli studi e la ricerca, oltre che nel settore storico-pedagogigo, anche in quello teorico ed istituzionale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In gioventù si dedicò allo studio dei filosofi Schleiermacher, Kant e Campanella, ai quali dedicò dei saggi. Successivamente collaborò con Giovanni Gentile e Giuseppe Lombardo Radice allo sviluppo della riforma scolastica portata avanti dal fascismo.

Fu figura di spicco della AS.PE.I (Associazione Pedagogica Italiana), mantenendone la presidenza nazionale per molti anni.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Tommaso Campanella (1900)
  • Il razionalismo religioso di E.Kant (1920)
  • La religione di Tommaso Campanella (1921)
  • Il preilluminismo (1927)
  • Le radici storiche del libero pensiero (1928)
  • Intorno alla storia della filosofia in Italia nel settecento (1931)
  • Nel periodo greco-romano e medioevale (1948)
  • Schleiermacher (1949)
  • Tomismo e machiavellismo nella concezione politica di Tommaso Campanella (1949)
  • Il valore storico del Rinascimento (1951)
  • Il problema della storia nella filosofia di B. Croce (1953)
  • La formazione professionale alla luce della tradizione umanistica (1959)
  • L'educazione nella storia del pensiero : storia della filosofia e pedagogia per gli istituti magistrali (1960)
  • L'adolescenza di Giuseppe Mazzini: conferenza tenuta il 18 dicembre 1955 nell'Aula De Sanctis dell'Università di Napoli (1960).
  • Cenni di storia della scienza (1960)
  • L'attivismo: indirizzi e problemi (1964)
  • L'obbligo scolastico e la nuova scuola media (1965)
  • I problemi pedagogici della nuova scuola media (1965)
  • Il dibattito tra Croce e Gentile intorno al problema della storia (1966)
  • Il concetto della educazione e della pedagogia (1966)
  • L'ecumenismo di Campanella (1966)
  • L'educazione nella storia del pensiero: storia della filosofia e pedagogia per gli studenti magistrali (1966)
  • Formule pedagogige e realtà della scuola (1967)
  • Mazzini apostolo dell'educazione (1972)
  • Sperimentazione e mistica dell'infanzia nel sistema di Maria Montessori (?)
  • Scuola e Democrazia (?)
  • Le arti liberali nella storia della cultura, Società Nazionale di Scienze Lettere e Arti in Napoli, Indice generale degli atti dell'Accademia di Scienze Morali e Politiche (1864-2011), Gianni Editore, Napoli (2012)

Ha curato inoltre:

  • Kant, Cristica della ragion pratica; introduzione, traduzione e commento a cura di C. Dentice d'Accadia, Firenze, Vallecchi (1924)
  • Monologhi /F. D. E. Schleiermacher; introduzione e traduzione di Cecilia Dentice di Accadia. - Lanciano: R. Carabba (1931)
  • I principii della filosofia: (libro 1) cvon estratti dalle meditazioni / Renato Cartesio; introduzione, traduzione e commento di C. Motzo Dentice di Accadia – Bari, Laterza (1946)
  • Legislazione scolastica e autonomie; a cura di C. Motzo Dentice d'Accadia, con la collaborazione di Giovanni M. Bertin ... [et al.] - Bari, Laterza (1964)
  • Emilio / ?di? G.g. Rousseau; introduzione, traduzione e note di C. Motzo Dentice di Accadia (1967)
  • Saggio sull'intelletto umano /Giovanni Locke; traduzione, introduzione e note di C. Dentice di Accadia. - Messina (1970)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Studi in onore di Cecilia Motzo Dentice d'Accadia per il suo 80 genetliaco, Volume 36 di Annali della Facoltà di Lettere, Filosofia e Magistero dell'Università di Cagliari, Università Facoltà di Lettere, Filosofia, Magistero, Cagliari, 1973
  • Laura Guidi, Scritture femminili e storia, ClioPress, Editoria digitale, 2004, pag. 230
  • Cinquant'anni di pedagogia a Napoli: studi in onore di Elisa Frauenfelder, a cura di Paolo Orefice, Vincenzo Sarracino, Liguori Editore Srl, 2006, pag. 18

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • [1] la voce nella Treccani.it L'Enciclopedia Italiana.