Castello normanno (Salemi)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello normanno-svevo
Castello di Salemi.jpeg
Castello di Salemi
Ubicazione
StatoRegno di Sicilia
Stato attualeItalia Italia
RegioneSicilia
CittàSalemi
Informazioni generali
TipoFortezza medievale, Castello
Inizio costruzione1077
Primo proprietarioRuggero I di Sicilia
Proprietario attualeComune di Salemi
VisitabileSi
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il Castello normanno, o Normanno-svevo, di Salemi, è un castello costruito sulla sommità della collina dove sorge la città di Salemi, al centro della valle del Belice.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fatto costruire da Ruggero il normanno intorno al 1077, su preesistenti fortificazioni greco-romano-arabe.[1] A quel periodo risale l'iscrizione religiosa I.C.N.C.R.I.[2] Il geografo El Edrisi ne scrive già nel XII secolo.[3]. Fu rimaneggiato da Federico II di Svevia nel XIII secolo.

L'11 dicembre 1441 nel castello di Salemi si formò una confederazione costituita da Salemi, Trapani, Mazara, Monte San Giuliano, Castelvetrano e Partanna, che si impegnava alla difesa della regina Bianca d'Aragona.[4]

Nel 1789 fu adibito a carcere, e il 14 maggio 1860 da questo castello Garibaldi issò (sulla torre tonda) la bandiera tricolore, proclamando Salemi “capitale d’Italia” e la dittatura garibaldina. Dal 1934 divenne biblioteca comunale.

Danneggiato dal terremoto del Belice del 1968, fu chiuso 35 anni per restauri e lavori di consolidamento da parte della Regione Siciliana, e riaperto nel 2002 [5]. I lavori sono stati completati definitivamente nel 2010.

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il castello ha un impianto abbastanza unitario, poco rimaneggiato dopo l'epoca normanno-sveva. L'edificio ha un impianto leggermente ruotato in direzione nord-est/sud-ovest. Possiede tre torri angolari, una cilindrica (ovest) e due quadre (est, sud) mentre una quarta torre (quadra?) esistente nell'angolo nord è probabilmente crollata nel secolo XVII. Nessuna delle torri quadre supera in altezza il terrazzo sommitale del torrione cilindrico, ancora oggi il punto più alto della città [6].

Oggi è sede museale e vi si svolgono concerti e convegni.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Questo `castello si trova in una città di origini arabo-medievale

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pagina 127, Tommaso Fazello, "Della Storia di Sicilia - Deche Due" [1] Archiviato il 29 novembre 2015 in Internet Archive., Volume uno, Palermo, Giuseppe Assenzio - Traduzione in lingua toscana, 1817.
  2. ^ Copia archiviata, su vivasicilia.com. URL consultato il 21 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 16 settembre 2016).
  3. ^ http://www.persee.fr/doc/mefr_1123-9883_1998_num_110_2_3651
  4. ^ http://www.salemi.gov.it/comune/vivere/storia/Alicia.html
  5. ^ Exibart
  6. ^ Copia archiviata, su icastelli.it. URL consultato il 21 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2016).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]