Castello di Mesagne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello Normanno Svevo di Mesagne
Castello Normanno Svevo.jpg
Torre del castello
Ubicazione
StatoItalia Italia
Stato attualeRestaurato e visitabile
CittàMesagne
Informazioni generali
Stilemedievale, barocco
Inizio costruzioneXI secolo, XIII secolo XVI secolo
MaterialeMuratura
Primo proprietarioNormanni (forse Roberto d'Altavilla)
Visitabile
Informazioni militari
Funzione strategicaStruttura difensiva
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello di Mesagne è una struttura difensiva della città.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Presumibilmente esisteva già in periodo bizantino (XI secolo), ma la costruzione di un Castrum Medianum è attestata solo nel 1062, anno dell'invasione dei Normanni[1]. Nel 1195 il castrum di Mesagne è donato ai Cavalieri Teutonici, Durante il Regno di Federico II la manutenzione del castello è affidata esclusivamente agli abitanti del borgo[2]. Nel XVI secolo la parte più antica del castello, pericolante, venne abbattuta e sostituita dal torrione ancora esistente, dotato di un ponte levatoio. Al suo interno è allestito il Museo archeologico Ugo Granafei.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La parte più antica della struttura è il torrione normanno, a pianta quadrangolare con beccatelli e merlature sulla cima. Vi sono ancora le feritoie, all'epoca usate per il lancio dei proiettili e delle palle di cannone. Nel XVI vennero aggiunte finestre barocche, essendo la torre stata trasformata in residenza signorile, assieme al resto del castello. La struttura del castello è rettangolare, molto manomessa nell'epoca barocca. Il castello infatti ha perso l'aspetto originario, assumendo quello di una residenza signorile fortificata, con portali in bugnato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ D. Urgesi, Il Castello di Mesagne nelle fonti storiche e documentarie, Mesagne 1998
  2. ^ B. Ligorio, Federico II Ebrei, castelli e ordini monastici in Puglia nella prima metà del XIII secolo, prefazione di S. Bernardi, Artebaria ed., Martina Franca 2011.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]