Castello Piccolomini (Ortucchio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castello Piccolomini
Castello di Ortucchio.jpg
Il castello Piccolomini
Ubicazione
Stato attualeItalia Italia
RegioneAbruzzo Abruzzo
CittàOrtucchio
Coordinate41°57′18.71″N 13°38′37.45″E / 41.955197°N 13.643736°E41.955197; 13.643736Coordinate: 41°57′18.71″N 13°38′37.45″E / 41.955197°N 13.643736°E41.955197; 13.643736
Informazioni generali
TipoRocca
Inizio costruzione1488
Condizione attualeRestaurato
Castello Piccolomini, Regione Abruzzo. URL consultato il 14 novembre 2017.
voci di architetture militari presenti su Wikipedia

Il castello Piccolomini è un monumento nazionale[1] che si trova ai bordi della piana del Fucino, nel comune di Ortucchio in provincia dell'Aquila.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lapide sopra il portale del castello
Il castello visto dall'alto

Il castello Piccolomini inizialmente sorgeva sull'isola di Ortucchio del lago del Fucino. La struttura, infatti, era circondata da un fossato le acque del quale erano collegate con il lago. Con il prosciugamento del lago, questa protezione è venuta meno.

La struttura in stile rinascimentale fu voluta nel 1488 da Antonio Piccolomini, dopo la distruzione di una precedente fortificazione da parte di Napoleone Orsini[2].

Danneggiato dal terremoto del 1915 l'edificio è stato restaurato negli anni settanta[3].

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il castello ha una pianta rettangolare con torrioni circolari agli angoli delle mura, con quello di nord-ovest del quale rimane solo il basamento. Il portale d'ingresso al castello si trova sul lato delle mura verso il paese e sopra il portale è presente una lapide che riporta la data della ricostruzione da parte dei Piccolomini.

All'interno delle mura si trova il mastio, che rappresenta la struttura più antica del castello, caratterizzato da una merlatura su tutto il suo perimetro[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Elenco degli edifizi Monumentali in Italia, Roma, Ministero della Pubblica Istruzione, 1902. URL consultato il 27 maggio 2016.
  2. ^ Ortucchio dai Conti di Celano ai Piccolomini, TerreMarsicane (Giuseppe Grossi). URL consultato il 4 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2016).
  3. ^ Castello dei Piccolomini di Ortucchio, su terremarsicane.it. URL consultato il 4 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 4 agosto 2016).
  4. ^ Ortucchio (Aq). Castello Piccolomini, su inabruzzo.it. URL consultato il 4 aprile 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marialuce Latini, Ortucchio (AQ), La rocca, in Guida ai Castelli d'Abruzzo, Pescara, Carsa Edizioni, 2000, p. 89, ISBN 88-85854-87-7.
  • Ercole Gigli, Ortucchio. Dal lago al Telespazio, Circolo culturale Il Castello Ortucchio, LCL stampe litografiche, Avezzano, 2005.
  • Veneranda Rubeo, Covella, contessa di Celano: sulla storia di una nobildonna nella Marsica del Quattrocento, Edizioni Kirke, Avezzano, 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]