Casal Monastero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 41°56′43″N 12°36′00″E / 41.945278°N 12.6°E41.945278; 12.6 Casal Monastero è un'area urbana del Municipio Roma IV (ex Municipio Roma V) di Roma Capitale.

Si trova a nord-est della capitale all'esterno del Grande Raccordo Anulare, nell'angolo nord-est formato con la via Tiburtina.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La frazione nasce negli anni 1992-96 con il piano di zona D7, con la realizzazione di edifici residenziali.

Un precedente insediamento residenziale, composto principalmente da unità mono-bifamiliari, viene distinto dal nucleo della frazione identificandolo come Consorzio Casal Monastero.[senza fonte]

Il nome proviene dall'omonimo Casale, il quale, a sua volta, lo ha preso dalla chiesa di Santa Maria in Monasterio presso San Pietro in Vincoli e proprietaria dei terreni[1].

Nell'area di Casal Monastero è presente il Casale di Pratolungo con annessa torre medioevale che prende il nome dall'omonimo affluente di destra del fiume Aniene, il fosso di Pratolungo. La strada principale, via di Sant'Alessandro, scavalca il fosso con un piccolo ponte di epoca romana.

Nel 2013 viene adottata nel piano esecutivo del nucleo di edilizia ex abusiva da recuperare n. 5.02 a/b, costituito da due sub-comparti "a" (Prato Lungo) e "b" (Casal Monastero)[2].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Il casale è sito su di un colle di tufo presso via di Sant'Alessandro. Esso chiude su due lati una torre mozzata, con finestre, risalente al XIII secolo. La torre è coperta da una tettoia in tufelli regolari.[3]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Parrocchia eretta il 20 ottobre 1989 dal cardinale vicario Ugo Poletti.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

I siti di Casal Monastero Vecchio e Nuovo sono locati internamente al GRA, nel quartiere Q. XXX San Basilio.

  • Santuario di Casal Monastero Nuovo. Una stipe votiva di un santuario rustico risalente ad un periodo situato tra la fine del IV e la metà del II secolo a.C. è stata trovata nel 1983.[5]
  • Casal Monastero Vecchio. Il casale è in opera listata in tufo e laterizi sul lato ovest, in opera cementizia in tufo e materiale di riciclo sugli altri lati. L'edificio è costruito su un colombario in laterizio con abside terminale e nicchie laterali. Il casale appartenne alla chiesa di Santa Maria in Monasterio. Del casale rimangono una torre quadrata con degli speroni angolari ed alcune strutture edificate su dei ruderi di una villa romana.[6] A sud est si trovano degli altri ruderi in opera listata sempre in tufo e laterizio eretti su una precedente struttura ipogea con volta a crociera.[7]

Odonimia[modifica | modifica wikitesto]

Con la via principale dedicata a Sant'Alessandro e la omonima via di Casal Monastero, le strade della frazione sono dedicate a località e personaggi della Sabina, regione storica dell'Italia centrale.

Con via Ratto delle Sabine e via Giovanni Armenise (Bari 1897 - Roma 1953) industriale e finanziere, troviamo:

Antiche città della Sabina
Personaggi della Sabina
Comuni della Sabina
Toponimi di zona
  • Fondi di Monastero, Grotte di Torre Rigata, Torre di Pratolungo e Torre Rigata

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma