Casa dos Bicos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Casa dos Bicos.

La Casa dos Bicos ("casa dei becchi" in portoghese, dalla forma dei mattoni della facciata) è una dimora storica della città di Lisbona in Portogallo. Il palazzo, costruito all'inizio del XVI secolo nel quartiere di Alfama, ha una particolare facciata di influenza rinascimentale e manuelina. È sopravvissuto al disastroso terremoto di Lisbona del 1755 che distrusse la maggior parte della città.

La Casa dos Bicos fu fatta costruire nel 1523 da Brás de Albuquerque (1501-1581), figlio del primo governatore dell'India portoghese, Alfonso de Albuquerque. Brás de Albuquerque aveva trascorso alcuni anni in Italia, dove aveva potuto osservare dal vivo l'architettura rinascimentale italiana, tra cui probabilmente il Palazzo dei Diamanti di Ferrara, che ha le facciate in bugnato a forma di punte di diamante. In seguito al suo ritorno in Portogallo, Brás de Albuquerque fece costruire la Casa dos Bicos con una facciata che riprendesse questi stessi "diamanti" ma che incorporasse anche finestre e portali in stile manuelino.

Dettaglio della facciata.

Il terremoto del 1755 distrusse la facciata principale e i due piani superiori della facciata che dà su via Bacalhoeiros (l'attuale facciata principale).

Il palazzo rimase nelle mani della famiglia Albuquerque fino al XIX secolo, quando venne acquistato da un commerciante di merluzzo. Venne quindi utilizzato per anni come magazzino per il bacalhau (baccalà). Intorno al 1960 la Casa fu acquistata dalla Città di Lisbona.

Negli anni 1980 la Casa dos Bicos venne restaurata e parzialmente ricostruita. I due piani superiori dell'attuale facciata principale vennero ricostruiti in base a disegni e pitture precedenti il 1755, che mostravano una loggia rinascimentale al terzo piano e le finestre in stile manuelino.

All'interno del perimetro della casa furono condotti degli scavi archeologici, rivelando resti d'epoca romana e moresca.

Nell'edificio oggi hanno sede alcuni servizi del Comune di Lisbona e, in seguito, si è stabilita la Fondazione José Saramago, accogliendo la biblioteca dello scrittore premio Nobel per la Letteratura.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Coordinate: 38°42′32.76″N 9°07′57.72″W / 38.7091°N 9.1327°W38.7091; -9.1327

Controllo di autoritàVIAF (EN316746628 · WorldCat Identities (ENviaf-316746628