Carlo Albani, I principe di Soriano nel Cimino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Carlo Albani)
Jump to navigation Jump to search
Carlo Albani
Portret van Carlo Albani, RP-P-1909-4579.jpg
Stampa Raffigurante il Principe Carlo Albani
Principe di Soriano nel Cimino
Principe assistente al Soglio pontificio
Stemma
In carica 1721 –
2 giugno 1724
Successore Orazio Albani
Trattamento Don
Altri titoli Principe del Sacro Romano Impero
Nascita Roma, 24 febbraio 1687
Morte Roma, 2 giugno 1724
Sepoltura Roma
Luogo di sepoltura Basilica di San Sebastiano fuori le mura
Dinastia Albani
Padre Orazio Albani
Madre Maria Bernarda Ondedei
Consorte Teresa Borromeo Arese
Figli
Religione Cattolicesimo

Carlo Albani, I principe di Soriano nel Cimino (Roma, 1687Roma, 2 giugno 1724), è stato un nobile italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma nel 1687, Carlo era figlio di Orazio Albani e di sua moglie, Bernardina Ondedei. Suo zio era papa Clemente XI.

La sua posizione privilegiata come nipote del pontefice, lo portò ad accumulare grandi ricchezze già prima della morte di suo padre: il 29 novembre 1693 ricevette col fratello Alessandro le "regalie sul sale", ovvero la rendita fissa di alcune tasse, a vita, e grazie all'appoggio fornito alla famiglia Barberini, divenne ben presto maestro di camera del cardinale Carlo Barberini sino alla morte di questi nel 1704.

Nel 1709, sempre col fratello Alessandro, ebbe il compito di ricevere nello stato della chiesa re Federico IV di Danimarca. In quello stesso anno, lo scrittore Apostolo Zeno gli dedicò assieme al fratello il suo dramma in musica dal titolo Engelberta.

Nel 1711 succedette al padre alla guida della casata, e l'anno successivo assieme ai suoi due fratelli ottenne l'incarico di ufficiale presso il Campidoglio di Roma. Nel 1715 acquistò il feudo di Soriano nel Cimino, nel Lazio, dalla famiglia degli Altemps grazie all'appoggio dello zio papa, ottenendo nel 1721 dal pontefice Innocenzo XII il titolo di principe su quel feudo oltre che sul cognome, assieme all'incarico di principe assistente al soglio pontificio. Occupandosi attivamente del proprio nuovo dominio, Carlo fece restaurare diversi edifici di culto e palazzi in città, ma soprattutto realizzò la facciata della Chiesa di Sant'Eutizio. Nel 1716 gli venne dedicata la commedia I ripieghi amorosi, da rappresentarsi nel Carnevale e nel 1717 venne inviato a Urbino per incontrare a nome del pontefice il pretendente al trono d'Inghilterra in esilio, Giacomo Edoardo Stuart, che riceverà poi anche presso il proprio palazzo di Soriano nel Cimino. Nel 1719 fu ancora una volta Apostolo Zeno a dedicare un dramma alla famiglia Albani, questa volta nella persona di sua moglie.

Nel 1720 diede il via alla ricca collezione d'arte della famiglia Albani grazie al lascito testamentario ricevuto da mons. Gianmaria Lancisi. Nel 1722 fece completare il restauro della chiesa di San Sebastiano in Urbino fatta cominciare da suo padre, forse opera dell'abate Giuseppe Laurenti. Fece parte dell'Accademia dell'Arcadia col nome di Cleandro Elideo.

Il suo matrimonio poi con una rappresentante della casata dei Borromeo, imparentata per parte di padre con San Carlo Borromeo e per parte di madre con papa Innocenzo XI, contribuì ulteriormente a cementare la sua posizione tra le famiglie aristocratiche romane di rilievo. Per l'occasione, il poeta Domenico Chelucci dedicò agli sposi una propria egloga.

Acquistò dall'Ospedale di Santa Maria della Pietà lo stabile su cui oggi sorge il Palazzo Albani alle Quattro Fontane nel 1719 per la somma di 23 000 scudi, con un attiguo palazzetto per la somma di 9 500 scudi ulteriori. Carlo Albani curò personalmente i lavori di ampliamento e risistemazione della struttura che vennero affidati all'architetto Filippo Barigioni, mentre le decorazioni pittoriche vennero commissionate a Giovanni Paolo Pannini, Giovanni Odazzi, Muzio di Giovanni, Cherubino Alberti e Pietro Cennini.

Morì a Roma il 2 giugno 1724 e venne sepolto nella tomba di famiglia presso la Basilica di San Sebastiano fuori le mura.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Carlo Albani sposò a Milano il 4 aprile 1714 la marchesa Teresa Borromeo Arese figlia del marchese Carlo Borromeo Arese e della principessa Camilla Barberini; la coppia ebbe i seguenti otto figli:

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Orazio Albani Annibale Albani  
 
Giulia Giordani  
Carlo Albani  
Olimpia Staccoli Girolamo Staccoli  
 
 
Orazio Albani  
Giovanni Francesco Mosca Ettore Mosca  
 
 
Elena Mosca  
Lucia Nembrini Giovanni Nembrini  
 
 
Carlo Albani,
I principe di Soriano nel Cimino
 
 
 
 
Ottavio Ondedei  
 
 
 
Bernardina Ondedei  
 
 
 
 
 
 
 
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN2799155105770876320007 · GND (DE1178717658 · WorldCat Identities (ENviaf-2799155105770876320007
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie