Carlo Barberini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Carlo Barberini
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardCarloBarberini.jpg
CardinalnobishopCOAPioM.svg
Nato 1º giugno 1630
Creato cardinale 23 giugno 1653 da papa Innocenzo X
Deceduto 2 ottobre 1704

Carlo Barberini (Roma, 1º giugno 1630Roma, 2 ottobre 1704) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque il 1º giugno 1630 a Roma figlio di Taddeo Barberini, principe di Palestrina e Anna Colonna, figlia di Filippo I Colonna. Fratello minore di Lucrezia Barberini e fratello maggiore di Maffeo Barberini. Era nipote dei cardinali Francesco Barberini (seniore) e Antonio Barberini e zio di Francesco Barberini (iuniore), figlio del fratello.

Venne elevato alla dignità cardinalizia da papa Innocenzo X nel concistoro del 23 giugno 1653: non ci furono altri consacrati.

Dopo un esilio quasi decennale, da addebitarsi alla caduta in disgrazia della famiglia in seguito alla morte di Papa Urbano VIII nel 1644, divenne membro della Congregazione dell'Indice.[1]

Nei suoi 51 anni di cardinalato partecipò a sette conclavi:

Morì il 2 ottobre 1704 all'età di 74 anni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ M. Cavarzere, «La prassi della censura nell'Italia del Seicento. Tra repressione e mediazione». Ed. di Storia e Letteratura, Roma, (2011), pp. 20-21.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Platania, La nomina di Carlo Barberini protettore di Polonia (1681) in alcune lettere inedite conservate nel fondo barberiniano della Biblioteca Vaticana, in «Per sovrana risoluzione». Studi in ricordo di Amelio Tagliaferri, “Arte/Documento”, Rivista di Storia e tutela dei Beni Culturali, Quaderni, 4, (1998), pp. 215-224.
  • Gaetano Platania, Polonia e Curia Romana. Corrispondenza del lucchese Tommaso Talenti segretario intimo del re di Polonia con Carlo Barberini protettore del regno (1681-1693), Acta Barberiniana, t. I, Viterbo, Sette Città editore, 2000.
  • Gaetano Platania, Carlo Barberini - "Protektor Krolestwa Polskiego" - w Nieopublikowanei korespondencji przechowywanej w zbiorach watykanskick. in: (a cura di): Redaktor ksiazki: Malgorzata Swiech-Plonka e Zofia Lewicka Depta, Europa miedzy Italia a Polska i Litwa. Studia. vol. 101, p. 75-121, Kraków, Polska Akademia Umiejetnosci, 2004.
  • Gaetano Platania, Polonia e Curia Romana. Corrispondenza di Giovanni III Sobieski re di Polonia con Carlo Barberini protettore del regno (1681-1696), Acta Barberiniana, t. II, Viterbo, Sette Città editore, 2011.
  • Gaetano Platania, Polonia e Curia Romana. Corrispondenza di Maria Kazimiera Sobieska regina di Polonia, con Carlo Barberini protettore del regno (1681-1699), Acta Barberiniana, t. III, Viterbo, Sette Città editore, 2016.
  • Salvator Miranda, The Cardinals of the Holy Roman Chruch, Barberini Carlo (1630-1704)
  • http://www.catholic-hierarchy.org/bishop/bbarbec.html
  • Alberto Merola, Carlo Barberini, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 6, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1964.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6031652 · ISNI (EN0000 0001 0866 1733 · LCCN (ENno2005073220 · GND (DE130152072 · BNF (FRcb16578642t (data) · ULAN (EN500353744 · BAV ADV10270448