Capecitabina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Capecitabina
Capecitabine.svg
Capecitabine-from-xtal-2009-3D-balls.png
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC15H22FN3O6
Massa molecolare (u)359,35
Numero CAS154361-50-9
Numero EINECS604-948-1
PubChem60953
DrugBankDB01101
SMILES
FC=1\C(=N/C(=O)N(C=1)[C@@H]2O[C@@H]([C@@H](O)[C@H]2O)C)\NC(=O)OCCCCC
Indicazioni di sicurezza

La capecitabina è un agente chemioterapico utilizzato nel trattamento del carcinoma della mammella metastatico e nel carcinoma del colon-retto metastatico. Nel tumore del colon-retto è utilizzata anche come terapia adiuvante, qualora il carcinoma sia classificato allo "stadio III" o "stadio C di Dukes". È un profarmaco, enzimaticamente convertito a 5-fluorouracile, che inibisce la sintesi del DNA e rallenta la crescita del tessuto tumorale. La via di attivazione della capecitabina segue un "pathway" di tre passaggi enzimatici e due metaboliti intermedi, la 5'-deossi-5-fluorocitidina (5'-DFCR) e la 5'-deossi-5-fluorouridina (5'-DFUR), a formare il 5-fluorouracile (5-FU). La capecitabina è disponibile sul mercato con il nome commerciale di Xeloda (Roche), o come prodotto generico.

La sua assunzione può causare come effetto collaterale la cosiddetta sindrome mani-piedi, con desquamazione delle estremità e comparsa di dolorose vesciche. La sindrome mani-piedi può portare alla cancellazione delle impronte digitali.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina