Il trionfo di Bacco e Arianna (poesia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Canzona di Bacco)
Il trionfo di Bacco e Arianna
Altri titoli Canzona di Bacco
Autore Lorenzo de' Medici
1ª ed. originale 1490
Genere poesia
Lingua originale italiano
Rome Palazzo Farnese ceiling Carracci frescos 04.jpg
Il trionfo di Bacco e Arianna

Il trionfo di Bacco e Arianna, o con altro titolo la Canzona di Bacco, è un componimento poetico scritto probabilmente nel 1490 che fa parte dei Canti carnascialeschi (canti di carnevale) di Lorenzo il Magnifico: ha vari aspetti di tipo popolaresco con la presenza di figure mitologiche come Bacco, divinità dell'ebbrezza e del vino, Arianna ed anche di satiri e ninfe.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

Uomo di grande cultura, profondamente imbevuto di ideali umanistici, Lorenzo de' Medici diede il via al cosiddetto "mecenatismo". Fu proprio da questo, dalla presenza di importanti esponenti della cultura umanistica nella sua corte, come Marsilio Ficino e Luigi Pulci, che poté trarre spunti per la composizione delle sue opere (rispettivamente le Selve d'amore e la Nencia da Barberino). Da considerarsi figura poliedrica, Lorenzo de' Medici affiancò all'attività politica una produzione letteraria intensa e varia nei temi e nei linguaggi.

I Canti carnascialeschi furono composti per essere eseguiti con musica e in forma corale durante le feste del Carnevale.

La canzone descrive e accompagna lo sfilare di carri mascherati di argomento mitologico, ideati dallo stesso Lorenzo. È composta di 60 versi ottonari, riuniti in sette strofe di otto versi ciascuna (ottave), con rime ABABBCCD. Le strofe sono precedute (e, si deve pensare, intercalate) dal ritornello con rime DCCD. Il testo presenta quindi una musicalità facile e ripetitiva, adatta all'esecuzione corale.

Esaltazione del "Carpe diem"[modifica | modifica wikitesto]

Il trionfo di Bacco e Arianna è quindi un'esaltazione del carpe diem oraziano (cogli l'attimo, cioè goditi il momento senza pensare al futuro) ed è certamente il più famoso di questi canti, con il celebre ritornello che recita:

« Quant'è bella giovinezza / che si fugge tuttavia! »

Si tratta di un tema caratteristico del XV secolo, ovvero l'esortazione a godere pienamente delle gioie della giovinezza (la bellezza, l'amore, i sensi) nella consapevolezza della loro fugacità. Ciò è sottolineato dal fatto che gli altri due versi del medesimo ritornello che chiudono tutte le strofe successive aggiungono:

« Chi vuol esser lieto, sia: / di doman non c'è certezza. »

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Il testo è stato musicato nel Quattrocento da autore ignoto e ripreso da Angelo Branduardi nel 1994 nell'omonima canzone dell'album Domenica e lunedì.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura