Canti al villaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Canti al villaggio
Titolo originaleПесни На Деревне
Altri titoliCanti in campagna
View of the village in Iasnaia Poliana.jpg
Il villaggio di Jasnaja Poljana (Foto di S. Prokudin-Gorskij)
AutoreLev Tolstoj
1ª ed. originale1910
1ª ed. italiana1960
Genereracconto
Lingua originalerusso
AmbientazioneJasnaja Poljana, 22 ottobre 1909

Canti al villaggio (in russo: Песни На Деревне?, traslitterato: Pesni Na Derevne) è un racconto di Lev Tolstoj scritto nel novembre del 1909 e pubblicato nel 1910.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È una nebbiosa mattina autunnale. L'io narrante sente degli allegri canti, accompagnati da un'armonica e, senza che lo volesse, se ne sente attratto. Cinque giovani del villaggio, quattro scapoli e uno sposato, sono stati chiamati alle armi. I giovani coscritti fanno il giro del paese, per i saluti, accompagnati da un allegro canto popolare, una barynja, suonato con l'armonica da uno dei cinque giovani. Le donne del villaggio sono addolorate e si disperano ad alta voce; gli uomini sembrano rassegnati, o addirittura di buon umore. Lo scrittore parla con un contadino suo conoscente: è il padre del giovane sposato; spera che, sotto le armi, suo figlio riesca almeno a guadagnarsi il pane per sé, e aggiunge: «Per dispiacere, dispiace. Ma che ci si può fare?»[1]. Il narratore vede accanto a lui un vecchietto che riconosce a stento: è Prokofij dai capelli rossicci, «un bravo mužik lavoratore al quale, come spesso accade, come in un susseguirsi di fatalità, erano capitate una disgrazia dopo l'altra: una volta gli avevano portato via due cavalli, un'altra aveva avuto un incendio, poi gli era morta la moglie»[2]. Il narratore gli indica un bel giovane di alta statura e di aspetto fiero, che sarà arruolato sicuramente nella guardia, e gli chiede se sa chi sia. Prokofij risponde: «È il mio» e scoppia a piangere. Solo a queste parole il narratore avverte «l'orrore di quel che stava avvenendo» e se ne torna a casa pieno di vergogna «per aver osservato tutto ciò come uno spettacolo interessante». E conclude:

«E pensare che tutto ciò si compie per migliaia, per decine di migliaia di persone in tutta la Russia, e si è compiuto, e si compirà ancora a lungo, per questo mite, saggio, santo e così ferocemente e perfidamente ingannato popolo russo.»

(Lev Tolstòj, «Canti al villaggio»; traduzione di Serena Prina, op. cit., ISBN 88-04-35177-2, p. 1233.)

Genesi dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Nei Diario del 22 ottobre 1909 Tolstoj fa una lunga descrizione della partenza di cinque reclute dal villaggio di Jasnaja Poljana. Tolstoj racconta di essersi messo a conversare con Vasilij Matveevič, padre di uno dei coscritti, quello sposato. Si sono avvicinati allora lo starosta e un vecchio. Tolstoj ha chiesto loro chi fosse «un giovane alto, vestito bene, spigliato, che cammina baldanzoso». Il vecchio ha risposto che era suo, ed è scoppiato in lagrime, suscitando le lagrime di Tolstoj[3]. Tolstoj lavorò a questo racconto dal 5 all'8 novembre 1909 il quale apparve in una antologia per il giubileo del Fondo per l'Assistenza ai letterati (in russo: Юбилейный сборник Литературного фонда?, traslitterato: Ûbilejnyj sbornik Literaturnogo fonda) pubblicato a San Pietroburgo nel 1910[4][5].

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Lev N. Tolstoj, «Canti in campagna»; traduzione di G. De Dominicis Jorio. In: Lev N. Tolstoj, Tutte le opere narrative e di teatro di Lev N. Tolstoj; a cura di Eridano Bazzarelli, Vol. IV: Resurrezione; Ultimi racconti: 1889-1910, Milano: U. Mursia e C.; Milano: APE Corticelli, 1960
  • Lev Tolstòj, «Canti al villaggio»; traduzione di Serena Prina. In: Lev Tolstòj, Tutti i racconti, a cura di Igor Sibaldi, Collezione I Meridiani, Milano: Mondadori, Vol. II, V ed., maggio 2005, pp. 1228-33, ISBN 88-04-35177-2

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lev Tolstòj, «Canti al villaggio»; traduzione di Serena Prina, op. cit., p. 1229.
  2. ^ Lev Tolstòj, «Canti al villaggio»; traduzione di Serena Prina, op. cit., p. 1232.
  3. ^ Diari di Tolstoj, on-line
  4. ^ Igor Sibaldi, «Note ai testi», op. cit., Vol. II, p. 1466.
  5. ^ L.N. Tolstoj, Sobranie sočinenij v 22 t, Moskva: Hudožestvennaâ literatura, 1983, Vol. XIV, pp. 314-19 (on-line)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura