Calibri (carattere)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Calibri
Calibri
Stile Sans-serif
Data di creazione 2005
Disegnatore Lucas de Groot
Produttore Microsoft
Esempio
Calibri sample text
Un esempio del Calibri regulare, grassetto e corsivo

Calibri è una famiglia di caratteri humanist sans-serif, molto conosciuto in quanto è il font di default per Microsoft Office 2007. Sostituisce i precedenti default Times New Roman (per Microsoft Word) e Arial (per PowerPoint, Excel e Outlook).

Calibri è uno dei nuovi sei font ClearType occidentali (Latino, Greco e Cirillico) presenti in Microsoft Windows Vista. Calibri è il primo font sans-serif progettato per essere il default nell'applicazione di word processing Microsoft Office Word.

Calibri è stato disegnato da Lucas de Groot per Microsoft appositamente per sfruttare al meglio la tecnologia di rendering Microsoft ClearType. Ha vinto un premio nella categoria Type System alla Type Directors Club's Type Design Competition nel 2005. Comprende i caratteri degli alfabeti latino, Latino esteso, greco e cirillico.

In un esperimento condotto dai ricercatori della Wichita State University, Calibri è risultato il font più popolare per l'uso nell'e-mail, instant messaging e presentazioni PowerPoint. Ha avuto anche un alto gradimento per l'uso nei siti web. L'esperimento chiedeva ai partecipanti di dare un voto a delle immagini che raffigurano del testo tramite vari tipi di caratteri[1].

Con Windows 8, Microsoft ha introdotto Calibri light, una versione più sottile di Calibri.

Con LibreOffice 4.4 vengono inclusi i font Caladea e Carlito[2][3] (con licenza libera, di Huerta Tipográfica), che hanno la stessa metrica e proporzioni rispettivamente dei font Cambria e Calibri di Microsoft, e che quindi possono essere usati come loro sostituti[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Descrizione della prova e risultati
  2. ^ LibreOffice 4.4: Note di rilascio, The Document Foundation Wiki. URL consultato l'8 aprile 2015.
  3. ^ LibreOffice 4.4, “the most beautiful LibreOffice ever”, LibreItalia. URL consultato l'8 aprile 2015.
  4. ^ (EN) A thank you to Google from Desktop Linux, Christian Schaller blog. URL consultato l'8 aprile 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]