Café Seerose

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Café Seerose
Restaurant Seerose Potsdam.jpg
Localizzazione
StatoGermania Germania
LandBrandeburgo
LocalitàPotsdam
IndirizzoBreite Straße 26
Coordinate52°23′45″N 13°02′46.67″E / 52.395833°N 13.046297°E52.395833; 13.046297Coordinate: 52°23′45″N 13°02′46.67″E / 52.395833°N 13.046297°E52.395833; 13.046297
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1983
Stilemoderno
Piani1
Realizzazione
ArchitettoDieter Athing
IngegnereUlrich Müther
CostruttoreVEB Stadtbau Potsdam
Vista aerea della copertura

Il Café Seerose (letteralmente: "Caffè Ninfea") è un edificio ad uso di caffè della città tedesca di Potsdam.

A motivo della particolarità strutturale della copertura, progettata dall'ingegnere Ulrich Müther, è posto sotto tutela monumentale (Denkmalschutz).[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio venne costruito nel 1983 come parte del nuovo complesso residenziale di Wilhelm-Kulz-Straße, progettato dall'architetto Dieter Athing per conto dell'impresa edilizia VEB Stadtbau Potsdam.[2][3]

La struttura della copertura venne disegnata dall'ingegnere Ulrich Müther, uno dei pochi professionisti tedesco-orientali ad avere raggiunto notorietà internazionale, specializzato in costruzioni di questo genere.[2][3]

Nel 2006, alla scadenza del contratto d'affitto dell'esercizio commerciale, il precario stato di conservazione dell'edificio ne fece temere l'abbattimento, analogamente a quanto avvenuto nel 2000 per il ristorante Ahornblatt di Berlino, anch'esso progettato da Müther e distrutto nonostante fosse tutelato.[4]

Dopo alcuni anni di incertezze, il Seerose venne infine restaurato dal 2013 al 2014; riaperto, ospita oggi il caffè Sandbar.[4]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

L'edificio, posto sulla riva della Havel, conta un solo piano ed ha pianta ottagonale. L'interno è diviso esattamente a metà: la parte meridionale, affacciata verso il fiume, ospita la sala per gli avventori, in origine per circa 100 posti; la parte settentrionale, rivolta verso la città, ospita i locali tecnici e di servizio.[5]

La copertura, ispirata alle opere del messicano Félix Candela e in particolare al ristorante "Los Malantiales" di Xochimilco,[2][3] si basa su una struttura in cemento armato a paraboloidi iperbolici molto sottili (dai 6 ai 10 centimetri).[5] A causa della vicinanza al fiume Havel, le fondamenta dell'edificio poggiano su 104 pali in cemento armato che stabilizzano il terreno.[5]

La forma del piccolo edificio si trova in forte contrasto con i grandi edifici residenziali prefabbricati che lo contornano, e instaura un dialogo architettonico con la "moschea" neomoresca sita poco distante sulla stessa riva del fiume.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) Café Seerose (XML), su ns.gis-bldam-brandenburg.de.
  2. ^ a b c Architekturführer Potsdam (2006), p. 101
  3. ^ a b c Café Seerose (2016), p. 227
  4. ^ a b Café Seerose (2016), p. 231
  5. ^ a b c d Café Seerose (2016), p. 230

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Paul Sigel, Silke Dähmlow, Frank Seehausen e Lucas Elmenhorst, Architekturführer Potsdam, Berlino, Reimer, 2006, p. 101, ISBN 978-3-496-01325-9.
  • (DE) Katharina Schreiber e Christian Klusemann, Café Seerose, in Christian Klusemann (a cura di), Das andere Potsdam. DDR-Architekturführer. 26 Bauten und Ensembles aus den Jahren 1949 – 1990, Berlino, Vergangeheits-Verlag, 2016, pp. 227-233, ISBN 978-3-86408-200-9.

Testi di approfondimento[modifica | modifica wikitesto]

  • (DE) Dieter Ahting, Café „Seerose“ in Potsdam, in Architektur der DDR, nº 9, Berlino (Est), VEB Verlag für Bauwesen, 1986, pp. 552-553, ISSN 0323-3413 (WC · ACNP).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]