Brett Kavanaugh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brett Kavanaugh
Associate Justice Brett Kavanaugh Official Portrait.jpg

Giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti d'America
In carica
Inizio mandato 6 ottobre 2018
Predecessore Anthony Kennedy
Tipo nomina Nomina presidenziale di Donald Trump

Dati generali
Partito politico Repubblicano
Università Università di Yale

Brett Michael Kavanaugh (Washington, 12 febbraio 1965) è uno dei nove giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti d'America, nominato dal Presidente Donald Trump.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018, nel corso della fase precedente la sua elezione alla Corte Suprema, è stato accusato di abuso sessuale, effettuato sotto l'effetto di alcool, da una compagna del liceo;[1] l'investigazione federale non ha tuttavia trovato riscontri.

Il 15 giugno 2020 Kavanaugh ha votato insieme agli altri due giudici della corte suprema Samuel Alito e Clarence Thomas contro l'estensione dei Civil Rights Act del 1964 alle persone gay e trans.

Il 24 giugno 2022 la Corte Suprema ha ribaltato a maggioranza (sei giudici contro tre, con Kavanaugh a favore) la sentenza Roe vs Wade che garantiva da cinquant'anni il diritto all'aborto delle donne americane.[2] Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden giudicò l'accaduto come "Un errore", mentre l'ex Presidente Donald J. Trump affermò che si trattasse della "volontà di Dio".[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La donna che ha accusato il giudice Kavanaugh di averla aggredita sessualmente ha chiesto che l’FBI indaghi sulla vicenda, su ilpost.it, 19 settembre 2018. URL consultato il 22 febbraio 2021.
  2. ^ a b Usa, abolita storica sentenza a favore dell'aborto, su repubblica.it, 24 giugno 2022. URL consultato il 2 giugno 2022.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Current Members, su supremecourt.gov, Supreme Court of the United States. URL consultato il 20 gennaio 2019.
Controllo di autoritàVIAF (EN51433694 · ISNI (EN0000 0000 4413 8643 · LCCN (ENno2006002148 · GND (DE1168502950 · J9U (ENHE987007383135005171 · WorldCat Identities (ENlccn-no2006002148