Bretislao II di Boemia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bretislao II
Brzetysław II.jpg
Bretislao II, particolare dell'affresco nella rotonda di Santa Caterina a Znojmo, 1134.
Duca di Boemia
In carica 1092 –
22 dicembre 1100
Predecessore Corrado I di Boemia
Successore Bořivoj II di Boemia
Nascita Praga, 1056 circa
Morte Zbečno, 22 dicembre 1100
Luogo di sepoltura Basilica di San Vito
Dinastia Přemyslidi
Padre Vratislao II di Boemia
Madre Adelaide d'Ungheria
Coniuge Liutgarda di Bogen
Figli Bretislao

Bretislao II (Praga, 1056 circa – Zbečno, 22 dicembre 1100) fu duca di Boemia dal 1092 alla morte.

Durante il suo regno dovette scontrarsi con i rivali della sua stessa dinastia dei Přemyslidi, specialmente con il ramo moravo della stirpe. Sono ben noti i suoi editti, con i quali voleva imporre il cristianesimo tra la popolazione.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bretislao II era il figlio maggiore del re Vratislao II e di Adelaide d'Ungheria, figlia del re d'Ungheria Andrea I. Il regno del padre fu insolitamente lungo e fu caratterizzato da dispute e competizione all'interno dei rami boemi e moravo della dinastia dei Přemyslidi. Lo stesso Bretislao dovette lasciare il paese per un breve periodo intorno al 1090 per paura del padre e cercò rifugio in Ungheria con oltre 2000 guerrieri e seguaci. La corona reale boema non era ereditaria al tempo di Vratislao II e fu persa con la sua morte nel 1092. In base al principio di anzianità, Corrado I assunse il trono di Praga, ma morì dopo solo otto mesi. Successivamente, Bretislao divenne il legittimo successore.

Le ostilità all'interno della dinastia continuarono durante il suo regno. Nel 1099 il duca attaccò il ramo dei Přemyslidi moravi, Ulrico/Oldřich e Luitpoldo, figli del predecessore Corrado, li scacciò e trasferì il dominio della Moravia al fratellastro Bořivoj II, cercando di aderire al principio di anzianità introdotto dal nonno Bretislao I, in cui i figli minori detenevano alcuni ducati in Moravia. Per assicurargli anche la successione al trono di Praga, il duca si rivolse all'imperatore Enrico IV di Franconia con la richiesta di dare in feudo al fratellastro la Boemia. In tal modo, non solo sospese il principio di anzianità, ma rafforzò anche l'influenza dell'impero in Boemia. Oltre al teatro di guerra moravo, sotto il suo governo scoppiò anche la guerra contro il regno di Polonia. Nel 1096 distrusse la fortificazione polacca di Bardo (in tedesco Wartha) per costruire il suo castello a Kamieniec Ząbkowicki (in tedesco Kamenz).

Bretislao II tentò di sradicare le rimanenti tradizioni e usanze non cristiane dei suoi sudditi in un programma di cristianizzazione su larga scala. Fece abbattere i boschi sacri e proibì le sepolture pagane e i rituali di morte. Gli editti del duca forniscono importanti informazioni sulla religione precristiana in Boemia. Fece inoltre cacciare, come fece decenni prima Spytihněv II, i monaci del monastero di Sázava, che svolgevano i loro uffici in lingua slava, sostituendoli con frati che utilizzavano la lingua latina.

Nel 1096 iniziò la prima crociata per liberare Gerusalemme e i crociati della regione del Reno, della Francia e della Germania presero la via verso la Terra Santa passando per la Boemia verso l'Ungheria. Lungo la strada "convertirono" soprattutto ebrei al cristianesimo. Anche il duca adottò questo approccio e battezzò gli ebrei a Praga con la forza. Quando nel 1098 un gran numero di ebrei di Praga volevano lasciare il paese, gli furono confiscate le loro proprietà. Questo evento è considerato il primo pogrom boemo.

Tomba di Bretislao II.

Bretislao II morì assassinato nel 1100. Al suo ritorno dalla caccia nella zona di Zbečno, fu colpito da una freccia da un cavaliere. L'assassino di nome Lorek fu poi trovato e ucciso con il suo stesso pugnale. Si presumeva che si trattasse di un omicidio su commissione degli ultimi sopravvissuti della stirpe dei Vršovci, ma anche il suo fratellastro e successore Bořivoj e la madre di questo, matrigna di Bretislao II, Swatawa furono sospettati di aver ordito l'omicidio. Fu sepolto nella basilica di San Vito, edificio precedente alla cattedrale di San Vito.

Famiglia e figli[modifica | modifica wikitesto]

Bretislao II sposò nel 1094 Liutgarda di Bogen, dal quale ebbe un figlio di nome Bretislao.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bibliografia utilizzata:
    • (CS) Sommer, Petr; Třeštík, Dušan; Žemlička, Josef, et al.: Přemyslovci. Budování českého státu. Praha: Nakladatelství Lidové noviny, 2009. 779 S. ISBN 978-80-7106-352-0.
  • Ulteriore bibliografia:
    • (CS) Barbara Krzemieńska: Břetislav II. Pokus o charakteristiku osobnosti panovníka. In: Československý časopis historický 35, 1987, S. 722–731.
    • (CS) Josef Žemlička: Poslední lov knížete Břetislava. In: T. Borovský et al: Ad vita et honorem (Festschrift für J. Mezník), Brno 2003, S. 231–246.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Duca di Boemia Successore
Corrado I di Boemia 1092-22 dicembre 1100 Bořivoj II di Boemia
Controllo di autoritàVIAF (EN84617281 · GND (DE1038690595 · CERL cnp02085307