Blarina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Blarina
Blarina brevicauda.jpg
Blarina brevicauda
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Soricomorpha
Famiglia Soricidae
Sottofamiglia Soricinae
Tribù Blarinini
Genere Blarina
Gray, 1837
Specie

Vedi testo

Blarina (Gray, 1837) è un genere di toporagni della famiglia dei Soricidi.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Al genere Blarina appartengono toporagni di piccole e medie dimensioni, con lunghezza della testa e del corpo tra 75 e 105 mm, la lunghezza della coda tra 17 e 30 mm e un peso fino a 30 g.[1]

Caratteristiche craniche e dentarie[modifica | modifica wikitesto]

Il cranio è robusto, con creste e processi ben sviluppati. Le punte dei denti sono colorate di castano, ci sono cinque denti superiori unicuspidati.

Sono caratterizzati dalla seguente formula dentaria:

3 3 1 3 3 1 3 3
3 1 1 1 1 1 1 3
Totale: 32
1.incisivi; 2.canini; 3.premolari; 4.molari;

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

Il corpo è più robusto rispetto agli altri toporagni. La pelliccia è corta, soffice e vellutata. Le parti dorsali variano generalmente dal grigio ardesia al nerastro, mentre quelle ventrali sono più chiare. In estate la muta tende ad essere più chiara. Il muso è relativamente lungo ed appuntito, gli occhi sono piccoli. Le orecchie sono poco sviluppate e nascoste nella pelliccia. Le zampe hanno cinque dita e quelle anteriori sono relativamente più lunghe e larghe, adattamento ad una vita semi-fossoria. La coda è corta circa un quinto della lunghezza della testa e del corpo ed è ricoperta densamente di piccoli peli. Le femmine hanno tre paia di mammelle. Sono presenti delle ghiandole sotto la mascella che secernono una sostanza velenosa durante il morso, la quale colpisce il sistema nervoso della preda. Nell'uomo può produrre dolore per diversi giorni. La funzione di tale veleno è evidentemente quella di immobilizzare gli insetti per poterli poi consumare successivamente.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il genere è diffuso nel Canada e negli Stati Uniti d'America centrali ed orientali.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il genere comprende 4 specie.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Novak, 1999.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Blarina, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ronald M. Novak, Walker's Mammals of the World, 6th edition, Johns Hopkins University Press, 1999. ISBN 9780801857898

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi