Binnenhof

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Binnenhof
Binnenhof, the Hague.jpg
Ubicazione
Stato Paesi Bassi Paesi Bassi
Provincia Flag Zuid-Holland.svg Olanda Meridionale
Località L'Aia
Coordinate 52°04′46″N 4°18′45″E / 52.079444°N 4.3125°E52.079444; 4.3125Coordinate: 52°04′46″N 4°18′45″E / 52.079444°N 4.3125°E52.079444; 4.3125
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione XIII-XVIII secolo
Stile Gotico, Rinascimentale
Uso Sede del Parlamento olandese
Realizzazione
Proprietario Regno dei Paesi Bassi
Proprietario storico Conti d'Olanda e Statolder d'Olanda

La Binnenhof (olandese, letteralmente "corte interna"), è un complesso architettonico situato all'Aia, sede degli incontri degli Stati Generali, il parlamento olandese, dal 1446 e centro della vita politica del paese per molti secoli.

Storia e architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il Binnenhof nel XIII secolo.
La Rolzaal la parte più antica del complesso.
La Ridderzaal, Sala dei Cavalieri.
Un'assemblea degli Stati Generali nel 1651.
I palazzi degli Stati Generali, sul cortile.
Una porta barocca.
La Sala delle Tregue, del 1697.

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo dove oggi sorge il Binnenhof era in origine una duna che sporgeva da una zona acquitrinosa; come la gran parte del territorio olandese. Vi sorgeva un mastio, che venne acquistato dal conte Fiorenzo IV d'Olanda nel 1229[1] per adattarlo a propria residenza, in adiacenza al piccolo lago poi chiamato Hofvijver o 'Stagno della Corte'. All'epoca venne costruita la Rolzaal, la parte più antica oggi conservata che ancora presenta un sapore romanico[2].

Il castello del Binnenhof[modifica | modifica wikitesto]

Con Guglielmo II d'Olanda, figlio di Fiorenzo IV, si ebbe il vero sviluppo dell'edificio. Dapprima un muro e fossati circondavano il complesso rendendolo un'isola; poi si iniziò nell'espandere il castello recintandovi le zone intorno. Dallo stagno a nord, il Buitenhof, "Cortile esterno", con la Gevangenpoort, che ne divenne la porta fortificata d'accesso, a ovest; e la lingua di terra che lo separava dallo Spui a sud. Lo Spui era un canale che collegava la città alla vicina Delft. Si crearono così quei recinti e cortili che hanno conferito il nome al complesso stesso: Binnenhof, "Cortile interno", l'edificio arrivato fino a oggi, che si sviluppò nel corso dei secoli.

Tra il 1248 e il 1280 vennero costruite in forme gotiche la Ridderzaal, "Sala dei Cavalieri", che sviluppava dal lato orientale della Rolzaal, e la Hofkapel, "Cappella di Corte", che sorge sul lato sud, lungo lo stagno. A destra e a sinistra della Sala dei Cavalieri, perpendicolarmente, venne eretto un muro che divide lo spazio davanti e dietro l'edificio. Alla fine del muro verso l'Hofvijver, è la cappella di corte con accanto accanto la Ridderhuis, "Casa dei Cavalieri", atta a ospitare i cavalieri in visita; sul lato sud vi erano le cucine e dunque la Keukenpoort. Sul retro, verso est, ove oggi è il Mauritshuis, vi era un'altra porta che attraverso un piccolo ponte dava accesso all'orto e al frutteto.

Presumibilmente, il castello venne completato durante il regno del figlio di Guglielmo II, Fiorenzo V d'Olanda; tuttavia i conti d'Olanda vi soggiornarono solo per brevi periodi. I loro successori, i conti di Hainaut vissero qui solo temporaneamente, ma ampliarono il castello con nuovi edifici. Alcuni membri dei Wittelsbach riportarono la loro residenza nel castello, soprattutto Alberto I di Baviera vi visse a lungo, aumentandone le dimensioni e chiudendo il cortile con edifici.

Parlamento olandese[modifica | modifica wikitesto]

Quando nel 1432 la Contea d'Olanda divenne parte Ducato di Borgogna, il Binnenhof venne abbandonato, ma più tardi parte del complesso divenne residenza degli Statolder d'Olanda, governatori della contea. Con l'Atto d'Abiura del 26 luglio 1581, la deposizione di Filippo II di Spagna come conte d'Olanda e la proclamazione della Repubblica delle Sette Province Unite, la Ridderzaal divenne spazio pubblico e d'affari. Nel 1584, con lo statolder Maurizio di Nassau la Ridderzaal venne destinata a luogo delle sedute dei nuovi Stati Generali della Repubblica delle Sette Province Unite. Con Maurizio il Binnenhof vide l'inizio di una graduale trasformazione del castello in palazzo parlamentare. Si inizia con la costruzione delle porte barocche d'accesso verso il 1620, i palazzi porticati e si continua con l'allestimento di preziose sale interne, fra cui spicca la Sala delle Tregue, opera in stile Luigi XIV eseguita nel 1697 su disegno di Daniel Marot. La fase di trasformazione termina solo nel tardo XVIII secolo con la ricostruzione dell'ala sud sotto Guglielmo V d'Orange-Nassau e la realizzazione della splendida fontana neogotica opera di Pierre Cuypers.

Storia moderna[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la creazione del Regno d'Olanda, il re Luigi Bonaparte trasferì il governo ad Amsterdam e il Binnenhof venne abbandonato e rischiò di esser demolito.

Quando i Paesi Bassi ebbero l'indipendenza dall'Impero francese il governo ritornò nel Binnenhof; ma nel 1848 una nuova costituzione istituì una monarchia parlamentare e i nuovi Stati Generali, che ottennero più potere dal re, decisero di abbattere il vecchio potere simbolicamente demolendone i vecchi edifici governativi. Tuttavia, la gente del posto si oppose fortemente, mossa dalla consapevolezza del valore storico del luogo, e riuscì a salvare il complesso.

Un grande edificio moderno sul lato meridionale del Binnenhof ospita dal 1992 i 150 membri della Tweede Kamer, la camera bassa del Parlamento di primaria importanza politica. Nella Ridderzaal il monarca tiene l'annuale discorso del Trono in occasione del Prinsjesdag. Una delle torri, chiamata semplicemente het Torentje ('la Torre Piccola'; subito accanto al museo Mauritshuis) è sede dell'ufficio del Primo ministro dal 1982.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note e referenze[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NL) Sito anemaa.home.xs4all.nl
  2. ^ "Olanda", Guida TCI, 1997, pag. 98.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Paesi Bassi Portale Paesi Bassi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Paesi Bassi