Biberon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Disambiguazione – Se stai cercando la trasmissione televisiva del Bagaglino di fine anni ottanta, vedi Biberon (programma televisivo).
Alcuni esemplari di biberon

Il biberon o poppatoio[1] è un contenitore cilindrico atto a contenere latte o alimenti liquidi per la nutrizione infantile.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Può essere di vetro termoresistente o in materiale plastico per alimenti. Ha in cima una tettarella, a imitazione del capezzolo materno, in silicone o caucciù con fori di diverse dimensioni adatti alle diverse esigenze ed è trattenuta da una ghiera in plastica.

Normalmente si ricorre al biberon per fornire al bambino latte artificiale oppure latte materno precedentemente estratto e conservato, non ne è tuttavia raro l'utilizzo per bevande di altro genere, soprattutto l'acqua, o per pappe più o meno liquide. In commercio ne sono disponibili varie tipologie (dai biberon "primi giorni" a quelli antisinghiozzo o anticoliche, fino a quelli "da passeggio") e di varia capienza (di solito si va dai 120 ai 330 ml).

La forma più antica di biberon è il guttus tintinnabula, di cui sono stati rinvenuti esemplari nell'area della Magna Grecia.

Considerazioni sulla progettazione[modifica | modifica wikitesto]

Un neonato beve latte da un biberon
Un neonato beve latte da un biberon

Un tipico biberon ha tipicamente quattro componenti: il primo è il contenitore principale o il corpo del biberon. Una tettarella, o capezzolo, è la parte flessibile del biberon da cui il bambino succhierà e contiene un foro attraverso il quale scorrerà il latte. Il collare va sopra il capezzolo e tipicamente si avvita sul collo della bottiglia, formando un sigillo. La maggior parte dei biberon, ma non tutti, avrà anche un tappo o una copertura da viaggio che va sopra la tettarella per mantenerla pulita e per evitare piccole fuoriuscite[2]. Alcuni flaconi possono opzionalmente avere un rivestimento usa e getta[3].

Le preoccupazioni di progettazione per la realizzazione di biberon spesso riflettono la sicurezza o il comfort. Un biberon sicuro non dovrebbe rompersi, specialmente in componenti piccoli o potenzialmente dannosi, non dovrebbe essere fatto di materiali che rappresentano un rischio per la salute e dovrebbe essere facile da pulire in modo da evitare contaminazioni batteriche e malattie[4].

Un biberon dovrebbe anche essere comodo da usare sia per l'assistente che per il bambino. Biberon leggeri e facili da tenere in mano sono comodi sia per i bambini che per le madri. È disponibile una varietà di forme. Il design di contenitori, capezzoli o tettarelle può imitare la forma del seno materno. I designer possono provare a imitare la velocità dell'allattamento al seno: il bambino dovrebbe essere in grado di ricevere abbastanza nutrimento, ma allo stesso tempo non essere oberato o sovralimentato[5][6][7].

Materiali[modifica | modifica wikitesto]

Tettarelle per biberon in silicone trasparente
Tettarelle per biberon in silicone trasparente

Nel corso del tempo è stata utilizzata un'ampia varietà di materiali per i vasi per l'alimentazione dei neonati. I materiali oggi più comunemente utilizzati nei contenitori per biberon sono il vetro e alcuni tipi di plastica. Vengono utilizzati anche acciaio inossidabile alimentare e gomma siliconica. Ciascuno di questi quattro materiali (plastica, vetro, silicone e acciaio inossidabile) presenta vantaggi e svantaggi[8]. I materiali standard utilizzati nelle tettarelle/capezzoli sono la gomma di lattice e il silicone[9].

Un certo numero di paesi ha regolamenti sui materiali consentiti a contatto con gli alimenti. Idealmente, il materiale che compone la bottiglia dovrebbe reagire il meno possibile con il materiale nella bottiglia stessa. Nessun materiale è completamente inerte, ma il vetro e l'acciaio inossidabile sono materiali relativamente neutri che tendono a rimanere stabili e a non interagire con gli alimenti[10]. Gli svantaggi del vetro sono che tende ad essere pesante e può rompersi più facilmente[11].

Le materie plastiche sono leggere e resistenti alla rottura[11]. I produttori li trovano facili da modellare in una varietà di forme[12]. È stata sviluppata un'ampia varietà di materie plastiche, alcune delle quali non sono ben comprese in termini di reattività. Alcune materie plastiche sono risultate reattive con fluidi come il latte materno e il latte artificiale. Sostanze chimiche come il bisfenolo A (BPA) possono "colare" da una bottiglia nella sostanza che contiene. Inoltre, è più probabile che le materie plastiche si rompano se riscaldate o raffreddate, ad esempio quando vengono riscaldate in un forno a microonde o bollite per sterilizzarle[13][14].

La plastica in policarbonato veniva spesso utilizzata nei biberon prima del 2011 ed è ancora utilizzata in alcuni paesi[15]. I policarbonati contengono bisfenolo A[16]. Dal 2008[10], almeno 40 paesi hanno vietato l'uso di plastica contenente bisfenolo A nei biberon per motivi di sicurezza[17]. Le bottiglie in policarbonato possono essere contrassegnate come "#7 PC"[18].

Il bisfenolo S (BPS) e il bisfenolo F (BPF) sono stati usati come sostituti del BPA. Sono strutturalmente simili. I confronti tra BPA, BPS e BPF hanno rilevato che queste sostanze chimiche hanno una potenza e un'azione simili al BPA e possono comportare pericoli simili in termini di effetti di interferenza endocrina[19]. Ciò ha portato a critiche nei confronti dell'industria chimica[20] e agli inviti a trattare i bisfenoli in gruppi, non individualmente. Nel 2021, le agenzie governative canadesi Environment and Climate Change Canada (ECCC) e Health Canada (HC) hanno tenuto consultazioni con l'obiettivo di raggruppare 343 analoghi noti del BPA e alternative funzionali[21].

La plastica in polietersulfone (PES) non contiene BPA ma include bisfenolo S (BPS)[22]. Una valutazione di una varietà di diversi biberon in uso nel 2016, ha riportato che 4 biberon erano "molto preoccupanti", 14 biberon erano "preoccupanti"; e solo 6 flaconi "non preoccupanti". Questi "non preoccupanti" includevano due flaconi in poliammide (PA) e due in polietersulfone (PES), un flacone in acciaio inossidabile e uno dei 17 flaconi in polipropilene (PP) testati[23].

Gli ftalati, che si trovano nel cloruro di polivinile (PVC), sono un'altra area di preoccupazione[24]. Definiti "sostanze chimiche ovunque" perché sono così comuni, gli ftalati rendono la plastica più flessibile e sono stati utilizzati in ciucci e capezzoli o tettarelle per biberon[25][26]. Nell'UE è stato vietato l'uso di ftalati nei biberon. Negli Stati Uniti, ci sono state ripetute richieste per la rimozione degli ftalati da parte della Commissione statunitense per la sicurezza dei prodotti di consumo (CPSC) e altri. Il loro uso nei giocattoli e nei prodotti per bambini è stato in qualche modo limitato dal Consumer Product Safety Improvement Actdel 2008. Le materie plastiche etichettate n. 3 possono rilasciare ftalati[27]. I capezzoli in lattice di gomma possono contenere ftalati, quindi possono essere consigliati invece i capezzoli in silicone. L'imballaggio può indicare se un prodotto è "privo di BPA" o "privo di ftalati"[25].

Scaldabiberon con termostato
Scaldabiberon con termostato

La plastica può degradarsi nel tempo in altri modi, si teme che piccole perline di plastica possano essere rilasciate nei fluidi da alcuni tipi di bottiglie di plastica[28]. Nel 2020 i ricercatori hanno riferito che i biberon realizzati in polipropilene hanno causato l'esposizione di microplastiche ai neonati che vanno da 14.600 a 4.550.000 particelle pro capite al giorno in 48 regioni con procedure di preparazione contemporanee. Il rilascio di microplastiche è maggiore con liquidi più caldi e simile con altri prodotti in polipropilene come i contenitori per il pranzo[29][30][31]. Nel 2022, il primo studio per esaminare la presenza di polimeri plastici nel sangue umano ha trovato plastiche di più tipi nei campioni di sangue di 17 su 22 adulti sani testati (quasi l'80%)[32][33]. Esperti medici hanno suggerito di ridurre l'esposizione alle microplastiche non agitando le bottiglie di plastica o esponendole a temperature elevate. Alcuni consigliano di utilizzare materiali alternativi come vetro, silicone o acciaio inossidabile[34].

I capezzoli per biberon (chiamati anche tettarelle) sono generalmente realizzati in silicone o gomma di lattice. Quando viene utilizzato per i capezzoli, il silicone è trasparente, resistente e leggermente più duro del lattice. Le tettarelle in lattice di gomma naturale sono elastiche, resistenti allo strappo e possono sembrare più morbide. Il lattice può assorbire gli odori, mentre il silicone no. Il lattice può rompersi se esposto alla luce solare. Alcune persone sono allergiche al lattice[9].

Taglia[modifica | modifica wikitesto]

Le bottiglie tendono ad avere dimensioni standard, spesso 4 once fluide (120 ml) e 8 once fluide (240 ml). I biberon più piccoli possono essere più leggeri e più facili da tenere e sono spesso usati con bambini piccoli e piccoli. Si teme che bottiglie più grandi possano portare a un'alimentazione eccessiva, poiché è probabile che i genitori incoraggino un bambino a "finire" una bottiglia durante una poppata[35].

Forma[modifica | modifica wikitesto]

La forma della bottiglia è legata sia alla facilità d'uso che alla facilità di pulizia. I designer a volte suggeriscono che i design naturalistici significheranno che i bambini possono passare dal seno al biberon senza problemi[5][35]. Altre bottiglie sono state inventate con forme uniche progettate per accelerare il riscaldamento e il raffreddamento del latte materno, risparmiando tempo, riducendo la crescita batterica e riducendo l'esposizione a temperature che possono danneggiare i nutrienti nel latte materno[36].

I biberon "anticoliche" sono stati proposti con l'obiettivo di ridurre la "gassosità" e il disagio durante l'alimentazione. I disegni spesso cercano di ridurre al minimo l'aspirazione di aria da parte del bambino durante l'allattamento. Alcune bottiglie cercano di ridurre al minimo la miscelazione dell'aria nel latte all'interno della bottiglia. Allo stesso tempo, è auspicabile evitare di creare un vuoto interno mentre il bambino succhia i liquidi, poiché ciò renderà più difficile l'alimentazione. I design possono basarsi sulla forma della bottiglia o incorporare diversi tipi di "sfiato"[3][5][37][38].

Alcuni flaconi ventilati, così come i flaconi che utilizzano un rivestimento pieghevole che collassa quando la formula viene drenata, sono stati valutati favorevolmente. È stato riportato che erano paragonabili a un gruppo che allattava in termini di assunzione di latte, schemi di suzione e ossigenazione[3].

Uno studio del 2012 che ha confrontato due tipi di bottiglie ventilate con caratteristiche anti-vuoto non ha rilevato differenze nella crescita infantile tra gruppi randomizzati. "Bottle A", un design parziale anti-vuoto, è stato valutato dai genitori come più facile da montare e pulire. È stato riferito che i neonati alimentati con il "flacone A" si sono comportati meno "agitandosi", ma non è stata riscontrata alcuna differenza nel "pianto" o "coliche" o nei tassi di infezione all'orecchio[39].

Le raccomandazioni sanitarie per la conservazione e la manipolazione del latte materno si concentrano in genere sulla prevenzione della crescita di batteri pericolosi, ma sono in corso anche ricerche sulla nutrizione. Studi sperimentali hanno mostrato una degradazione del contenuto di retinolo (vitamina A) e α-tocoferolo (vitamina E) dipendente dalla formazione di bolle nel latte materno spremuto e nella formula. Sono stati studiati sette modelli di bottiglie, di sei aziende. Si è verificata una minore degradazione quando si utilizza un sistema di alimentazione con biberon progettato per ridurre al minimo la miscelazione dell'aria con il contenuto del biberon[40].

Portata della tettarella[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche del capezzolo possono anche avere importanti implicazioni per il modello di suzione del neonato e l'assunzione di latte. La portata del latte è definita come "la velocità con cui il latte si sposta dalla tettarella del biberon alla bocca del bambino durante l'allattamento al biberon"[41]. Caratteristiche come la forma del capezzolo e il modo in cui è perforato possono influire sulla portata e sulla coordinazione di suzione, deglutizione e respirazione durante l'alimentazione[3][41].

Sfortunatamente, la categorizzazione e l'etichettatura dei capezzoli per indicare la portata non è né standardizzata né coerente. Esiste una notevole variabilità tra e all'interno di marchi e modelli[3][41]. In uno studio, i capezzoli etichettati come "Lenti" o "Neonati" (0-3 mesi) avevano velocità di flusso comprese tra 1,68 ml/min e 15,12 ml/min. fornire informazioni chiare ai genitori che tentano di scegliere un capezzolo". Questo può essere particolarmente preoccupante nel caso di neonati fragili[41]. Sono disponibili tettarelle specializzate per neonati con palatoschisi[42].

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Pulizia e sterilizzazione[modifica | modifica wikitesto]

La sterilizzazione è una pratica standard per prevenire lo sviluppo di batteri e la conseguente malattia, che è più efficace della sanificazione[43]. Il governo australiano e le linee guida del servizio sanitario nazionale del Regno Unito raccomandano la sterilizzazione di biberon e altre attrezzature utilizzando una soluzione sterilizzante ad acqua fredda come il liquido sterilizzante Milton, mediante sterilizzazione a vapore o mediante bollitura[44][45][46]. È importante pulire e sterilizzare tutte le parti di un biberon compresi contenitori, tettarelle e tappi a vite[46][47].

I Centers for Disease Control and Prevention degli Stati Uniti suggeriscono che potrebbe essere sufficiente pulire le bottiglie con acqua e sapone, in lavastoviglie o a mano[48]. Questa raccomandazione si basa sul presupposto che l'approvvigionamento idrico sia pulito e che gli standard igienico-sanitari siano elevati[49][50]. Alcuni stati, come l'Illinois, continuano a raccomandare la sterilizzazione oltre al lavaggio[51]. Alberta (Canada) raccomanda di sterilizzare i biberon fino a quando un bambino non ha almeno 4 mesi[52].

Tuttavia, ci sono prove che batteri come Escherichia coli possono prosperare nei biofilm che si formano sulle pareti interne delle bottiglie. Un risciacquo delicato non è sufficiente per evitarlo. Anche nelle aree sviluppate, la contaminazione continua a destare preoccupazione[53][54]. Nel 2009 nel Regno Unito, i ricercatori hanno rilevato la contaminazione da Staphylococcus aureus nel 4% dei biberon che i genitori hanno riferito di essere pronti per essere riempiti dopo la pulizia e la disinfezione[55][56].

In contesti con risorse inferiori, i rischi di esposizione a pericolose infezioni respiratorie ed enteriche sono più elevati[53]. Uno studio sui bambini ricoverati in ospedale a Rawalpindi, in Pakistan, ha rilevato che il 52,1% delle bottiglie che i loro assistenti consideravano pulite erano effettivamente contaminate. Ciò si è verificato anche se, secondo quanto riferito, gli operatori sanitari hanno seguito molte delle pratiche di pulizia raccomandate per la pulizia e la sterilizzazione dei biberon. L'errore più comune è stato quello di far bollire le bottiglie per un tempo inferiore a quello minimo raccomandato dall'OMS[57][58].

La ricerca sulla preparazione del latte artificiale in Corea del Sud indica che livelli significativi di contaminazione possono essere trasmessi attraverso la manipolazione di cucchiai e altri utensili. I cucchiai, dopo essere stati toccati, venivano spesso lasciati nel contenitore della formula, consentendo ai batteri di diffondersi nella formula nel contenitore. C. sakazakii, S. enterica e S. aureus, tutti potenzialmente fatali, sono stati in grado di sopravvivere per settimane nel latte artificiale contaminato[59].

Capire come vengono interpretate le raccomandazioni è importante: in uno studio, si credeva che lasciare una bottiglia nell'acqua che era stata precedentemente scaldata in un bollitore stesse "bollendo" la bottiglia. I ricercatori sottolineano che gli operatori sanitari devono istruire meglio gli operatori sanitari; e che i metodi pratici di igiene del biberon devono essere adatti all'uso in contesti sul campo. Ad esempio, in Perù, pratiche facili da adottare come l'uso di uno scovolino e di un detergente hanno dato maggiori vantaggi rispetto a procedure difficili da ottenere come bollire una bottiglia[53]. L'OMS (che raccomanda vivamente l'allattamento al seno) osserva che nei casi in cui si verifica l'allattamento al biberon, è necessaria un'istruzione molto migliore su come utilizzare il biberon[60].

Uso appropriato in base all'età[modifica | modifica wikitesto]

Tipica tazza con beccuccio
Tipica tazza con beccuccio

I capezzoli (tettarelle) sono tipicamente suddivisi per portata, con la portata più lenta consigliata per neonati prematuri e neonati con difficoltà di alimentazione. Tuttavia, le portate non sono standardizzate e variano notevolmente tra le marche[41][61].

Il NHS raccomanda di introdurre una tazza o un beaker con beccuccio entro 6 mesi e l'uso di bottiglie interrotto entro 1 anno[62]. L'AAP raccomanda di introdurre la coppetta entro un anno di età e di interrompere l'uso del biberon entro 18 mesi[63]. L'uso dei biberon è sconsigliato oltre i due anni di età dalla maggior parte delle organizzazioni sanitarie poiché l'uso prolungato può causare la carie[64][65]. Anche la carie della prima infanzia (ECC) è motivo di preoccupazione quando si considera per quanto tempo dovrebbe continuare l'allattamento al seno[66].

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Mentre il latte artificiale è altamente regolamentato in molti paesi, i biberon non lo sono. Solo i materiali della tettarella e del biberon stesso sono regolamentati in modo specifico in alcuni paesi[67]. Negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) regola i materiali delle tettarelle e dei biberon[68][69][70].

Nel 1985 la FDA ha ristretto i livelli ammissibili di nitrosammine (molte delle quali sono cancerogene) rilasciate dai capezzoli del biberon. I test sui capezzoli per biberon disponibili negli Stati Uniti, a Singapore, nella Germania occidentale, in Inghilterra, in Giappone e in Corea suggeriscono che i livelli di nitrosammine nella maggior parte delle tettarelle in gomma per biberon rientrano negli standard raccomandati[71][72].

Un'altra sostanza chimica che è stata regolamentata è il bisfenolo A (BPA), descritto come un interferente endocrino nel 1991[73]. La ricerca in corso sui possibili effetti del BPA a livelli di esposizione molto inferiori agli standard di sicurezza del BPA del governo degli Stati Uniti ha portato a preoccupazioni circa il sicurezza della plastica, compresi i biberon. Uno studio di Consumer Reports del 1999 ha mostrato che alcuni biberon in policarbonato rilasciavano quantità pericolose di BPA[74][75][76]. Le preoccupazioni sul BPA sono state supportate da ulteriori lavori[77][78][79]. La ricerca sugli effetti del BPA è stata spesso fortemente contestata e controversa e sono state sollevate questioni sui pregiudizi della ricerca dovuti ai finanziamenti dell'industria e ai conflitti di interesse dovuti agli stretti legami tra consulenti governativi e produttori di BPA[74][77][78]. Un risultato sono state le proposte per cambiare il paradigma dei test per la valutazione delle sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino[77].

La ricerca e la pressione dell'opinione pubblica hanno portato a vietare l'uso del bisfenolo A in biberon e bicchieri destinati ai bambini[68][74][80]. Nel 2008 Walmart annunciò che avrebbe smesso di vendere biberon e contenitori per alimenti contenenti BPA. A partire dal 2017, questi sono stati applicati in almeno 40 paesi. Il Canada ha classificato il BPA come "tossico" nel 2008 ai sensi del Canadian Environmental Protection Act[77]. Nel 2011 l'uso del bisfenolo A nei biberon è stato vietato in tutti i paesi dell'UE[81][82], in Cina[74], in Malesia e Sudafrica[83]. Nel luglio 2012, la FDA ha dichiarato che il BPA non sarebbe più stato utilizzato nei biberon e nelle tazze con beccuccio, in risposta a una petizione dell'American Chemistry Council che affermava che ciò era ora in linea con la pratica del settore[84][85]. Altri paesi come l'Argentina[86] e il Brasile hanno seguito l'esempio vietando il bisfenolo A nei biberon[83]. La Corea ha esteso il divieto del BPA a tutti gli utensili, i contenitori e gli imballaggi per bambini a partire da gennaio 2020[87]. Ci sono richieste per una maggiore regolamentazione del BPA in India[17][88].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Biberon del primo medioevo proveniente dal cimitero di Castle Dyke (Inghilterra), da una mostra al North Lincolnshire Museum.
Biberon del primo medioevo proveniente dal cimitero di Castle Dyke (Inghilterra), da una mostra al North Lincolnshire Museum.

Durante la maggior parte della storia umana, la nutrizione infantile è dipesa principalmente dalla disponibilità della madre del bambino o di una balia ad allattare il neonato[89]. Anche le credenze e i comportamenti relativi all'alimentazione infantile variano ampiamente a seconda dei paesi, delle culture e dei tempi. Le madri e gli operatori sanitari hanno anche cercato altri modi per nutrire i bambini, a volte indicati come "alimentazione manuale"[90][91]. Già nel 1500 a.C., la ceramica egiziana mostra immagini di donne che allattano i loro bambini e usano anche corna di animali per nutrirli[92].

I contenitori con beccucci rigidi risalgono all'inizio del tempo registrato, come testimoniano i reperti archeologici. I primi recipienti noti per l'alimentazione dei neonati avevano un'apertura a un'estremità per riempire il biberon e una seconda all'altra per essere infilati nella bocca del bambino[93][94][95]. L'esame dei residui organici su antichi biberon in ceramica mostra che erano usati già nel 1200 a.C. per nutrire i bambini con latte animale[94][96].

Tra il 250 a.C. e il 300 a.C. circa gli egiziani svilupparono la capacità di soffiare il vetro ei romani soffiarono biberon di vetro trasparenti, ma questi non ottennero popolarità a lungo termine. Sono stati utilizzati anche cuoio e legno[93][97][98].

Nel 1700 anche i recipienti per l'alimentazione dei bambini come tazze di vario genere venivano realizzate con materiali[92][99] che includevano peltro, stagno e argento[89].

Nel 19º secolo, l'alimentazione artificiale iniziò a sostituire la balia e nel 1900 essa non esisteva più come professione organizzata[89]. Le modifiche all'alimentazione dei neonati sono state guidate sia socialmente che tecnologicamente. Con l'industrializzazione, più madri lavoravano fuori casa e riuscivano meno facilmente ad allattare i propri figli. I cambiamenti tecnologici, inclusa la progettazione di metodi di alimentazione artificiale e la preparazione di latti animali e altri sostituti del latte, hanno sostenuto la transizione all'alimentazione artificiale, ma con alterne fortune. La comprensione sia della nutrizione che dei servizi igienico-sanitari è rimasta indietro rispetto all'introduzione di metodi di alimentazione artificiale, contribuendo a tassi di mortalità infantile estremamente elevati nell'era vittoriana[92][100][101].

Negli Stati Uniti, il primo biberon in vetro fu brevettato da CM Windship nel 1841. Aveva intenzionalmente la forma del seno materno. Nel 1845 l'Alexandra Feeder fu commercializzato in Inghilterra[93][102]. A Parigi, il "Biberon" fu introdotto da M. Darbo: in una rivista del 1851 si disse che era piuttosto popolare. Come nota il gruppo American Collectors of Infant Feeders, di "alla fine del 1800 negli Stati Uniti veniva prodotta una grande varietà di biberon in vetro", e l'ufficio brevetti degli Stati Uniti aveva rilasciato più di 200 brevetti per vari modelli di biberon negli anni '40, progettati per stare piatti o stare in piedi, con aperture sui lati o alle estremità, con capezzoli staccabili o fissati in modo permanente, ecc[103].

Il design dei biberon e in particolare la facilità di pulirlo ha avuto conseguenze potenzialmente gravi per la salute dei bambini che lo utilizzavano. Le stime della mortalità infantile suggeriscono che il 20-30% dei bambini è morto nel primo anno di vita durante la tarda epoca vittoriana[101][104][105]. Durante il 1890, in un momento in cui i tassi di mortalità infantile in Inghilterra (età 1-5) stavano diminuendo, i tassi di mortalità infantile in realtà aumentarono[106][107]. Un biberon con un lungo tubo di gomma indiana che terminava con una tettarella rimase popolare fino agli anni '20 perché anche i bambini molto piccoli potevano nutrirsi autonomamente. I tubi di alimentazione potevano essere acquistati separatamente e talvolta venivano usati con bottiglie vuote di whisky o medicinali. Quasi impossibile da tenere pulito, questo tipo è stato soprannominato la "bottiglia del delitto"[92][108].

Allen e Hanbury introdussero un nuovo design della bottiglia con una valvola rimovibile e una tettarella alle due estremità nel 1894, e un modello migliorato, l'Allenbury, nel 1900. Questa bottiglia "a banana" era più facile da pulire. A volte indicata come la "bottiglia igienica", ha contribuito a migliorare i tassi di sopravvivenza. Bottiglie simili furono introdotte da altri produttori e rimasero popolari dal 1900 agli anni '50[109]. Alla fine, una maggiore comprensione delle cause e della trasmissione delle malattie e miglioramenti nella medicina e nella sanità pubblica iniziarono a ridurre la mortalità infantile[110][111].

Le bottiglie Pyrex resistenti al calore sono state introdotte nei mercati americano e britannico in tempi diversi. Le bottiglie Pyrex furono introdotte per la prima volta negli Stati Uniti da Corning Inc. nel 1922. Erano offerte in tre forme (collo stretto, bocca larga e piatta) e più dimensioni, per un totale di dieci varietà. Nel 1925, la linea di prodotti era stata limitata a un piccolo sottoinsieme delle forme e delle dimensioni originali[112]. Negli anni '50 fu introdotta una bottiglia in Pyrex verticale con collo stretto. Negli anni '60 fu finalmente introdotta nel mercato del Regno Unito una versione a collo largo[109]. Il design delle bottiglie verticali con una bocca più ampia significava che potevano essere pulite più facilmente e sterilizzate in lotti[113].

I capezzoli morbidi di vari materiali sono stati introdotti all'inizio della storia dell'alimentazione (p. es., pelle, sughero, spugna, tettarella di mucca essiccata riempita di stoffa). Molti erano molto difficili da pulire e quando non igienici potevano rappresentare una seria minaccia per la salute dei bambini[89][93][97]. Sebbene Elijah Pratt di New York abbia brevettato il primo capezzolo in gomma nel 1845[93], ci sono voluti fino al 20º secolo prima che i materiali e la tecnologia migliorassero sufficientemente per consentire la produzione di un capezzolo morbido che fosse pratico per l'uso. L'invenzione della gomma (1840) fornì un materiale morbido. La prima gomma indiana nera "aveva un odore pungente molto forte" e non sopravviveva a ripetute esposizioni all'acqua calda. Tuttavia, all'inizio del 1900, i capezzoli in gomma più gradevoli potevano essere prodotti in volume e potevano resistere al calore della sterilizzazione[109][114].

Durante gli anni '40 l'infermiera Adda M. Allen ha depositato numerosi brevetti relativi alla progettazione di biberon[115], incluso il primo rivestimento pieghevole usa e getta per un biberon[116]. Il suo brevetto è stato uno dei tanti tentativi di progettare una bottiglia per limitare l'ingestione di aria durante l'alimentazione e ridurre i disturbi gastrici e gli sputi. Una bottiglia di plastica con un rivestimento usa e getta è stata infine testata presso il George Washington University Hospital e commercializzata da Playtex[117].

Innovazioni come l'introduzione di una valvola di ritegno funzionante nel capezzolo (per fornire un flusso unidirezionale del cibo liquido) apparvero già nel 1948 in un brevetto di JW Less[118]. Questa tecnologia è stata ripresa da altri, tra cui Owens-Illinois Glass[119], alla fine si è fatta strada in Gerber e in tutti i moderni design delle bottiglie di bilanciamento della pressione[120]. Viene utilizzato anche per tazze per bere per adulti e vari altri prodotti che richiedono il flusso di fluido sotto vuoto[121].

L'attività moderna di produzione di bottiglie nel mondo sviluppato è sostanziale. Per il 2018, il mercato globale dei biberon è stato valutato a 2,6 miliardi di dollari[122][123]. Nel 1999 è stato riferito che il Regno Unito "il settore delle attrezzature per l'alimentazione e la sterilizzazione... si attesta a 49 milioni di sterline... [dove] [le] vendite di biberon rappresentano il 39%" o 19,1 milioni di sterline di quel mercato[124].

Polemica[modifica | modifica wikitesto]

La dichiarazione politica riassuntiva del 2014 dell'American Academy of Pediatrics (AAP) non fa menzione specifica dell'alimentazione artificiale, ma chiarisce che "l'allattamento al seno e il latte materno sono gli standard normativi per l'alimentazione e la nutrizione dei neonati" e fa riferimento a decisioni riguardanti l'offerta di nutrizione infantile come "un problema di salute pubblica e non solo una scelta di stile di vita... dati i documentati vantaggi medici e di sviluppo neurologico a breve e lungo termine dell'allattamento al seno"[125][126]. La politica AAP raccomanda l'allattamento al seno esclusivamente per sei mesi, continuandolo con l'introduzione di alimenti complementari, con una durata complessiva di "1 anno o più come reciprocamente desiderato da madre e bambino"[126]. Il corpo della dichiarazione politica rileva e cita la letteratura che indica che, oltre all'importanza del latte materno, la modalità di somministrazione del cibo ha implicazioni: che "i bambini allattati al seno autoregolano il volume di assunzione", mentre i bambini allattati artificialmente che ricevono latte materno espresso il latte o la formula hanno "un aumento dello svuotamento del biberon, una minore autoregolazione e un eccessivo aumento di peso nella tarda infanzia" e che tale pratica precoce di autoregolazione è correlata ai modelli adulti di aumento di peso.

La politica AAP rileva che "le controindicazioni mediche all'allattamento al seno sono rare"[126]. Secondo quanto riferito, la trasmissione di alcune malattie virali attraverso l'allattamento al seno è prevenibile, ad esempio spremendo il latte materno e sottoponendolo a pastorizzazione Holder[127].

In risposta alla pressione pubblica avvertita dalle politiche che de-enfatizzano l'alimentazione artificiale, sono sorti sforzi per sostenere le madri che hanno difficoltà fisiologiche o di altro tipo nell'allattamento al seno, e i siti includono punti di vista individuali che tentano di indebolire il caso scientifico della politica AAP[128]; è apparso un libro delle esperienze personali e dei punti di vista di una madre impegnata nell'alimentazione con biberon, Bottled Up, di Suzanne Barston[129].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ poppatoio in "Sinonimi e Contrari" - Treccani, su treccani.it. URL consultato il 7 luglio 2023.
  2. ^ (EN) How to Clean, Sanitize, and Store Infant Feeding Items, in CDC.gov, 31 ottobre 2018. URL consultato il 22 maggio 2020.
  3. ^ a b c d e Judith Kotowski, Cathrine Fowler, Christina Hourigan e Fiona Orr, Bottle‐feeding an infant feeding modality: An integrative literature review, in Maternal & Child Nutrition, vol. 16, n. 2, aprile 2020, pp. e12939, DOI:10.1111/mcn.12939, PMC 7083444, PMID 31908144.
  4. ^ (EN) Chicco Launches The First Hybrid Baby Bottle Ever, su CISION, 30 aprile 2021. URL consultato il 18 dicembre 2021.
  5. ^ a b c Alejandro Jenik, Carlos Fustiñana, Maritza Marquez, David Mage, Gloria Fernandez e Gonzalo Mariani, A New Bottle Design Decreases Hypoxemic Episodes during Feeding in Preterm Infants, in International Journal of Pediatrics, vol. 2012, 2012, p. 531608, DOI:10.1155/2012/531608, PMC 3385645, PMID 22778757.
  6. ^ (EN) Jeanne Marshall, Sally Clarke, Catherine Escott e Britt Frisk Pados, Assessing the flow rate of different bottles and teats for neonates with feeding difficulties: An Australian context, in Journal of Neonatal Nursing, vol. 27, n. 4, 1º agosto 2021, pp. 285–290, DOI:10.1016/j.jnn.2020.11.014, ISSN 1355-1841 (WC · ACNP). URL consultato il 20 dicembre 2021.
  7. ^ Britt F. Pados, Jinhee Park, Suzanne M. Thoyre, Hayley Estrem e W. Brant Nix, Milk Flow Rates From Bottle Nipples Used for Feeding Infants Who Are Hospitalized, in American Journal of Speech-Language Pathology, vol. 24, n. 4, novembre 2015, pp. 671–679, DOI:10.1044/2015_AJSLP-15-0011, ISSN 1058-0360 (WC · ACNP), PMC 4698468, PMID 26172340.
  8. ^ (EN) The Best Plastic-Free Bottles For Babies, su thetot.com. URL consultato il 16 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2021).
  9. ^ a b (EN) Vanessa Layton, Baby Bottle Teats: What's the Difference Between Latex & Silicone?, su Hello Charlie. URL consultato il 20 dicembre 2021.
  10. ^ a b Sarah Everts, Chemicals Leach From Packaging Food and drugs just can't leave their wrappings behind, in Chemical & Engineering News, vol. 87, n. 35, 31 agosto 2009, DOI:10.1021/cen-v087n035.p011. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  11. ^ a b Using Glass Baby Bottles – Pros and Cons, su A Mum Reviews, 27 luglio 2015. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  12. ^ (EN) Guide to Manufacturing Processes for Plastics, su Formlabs. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  13. ^ Mahendra K. Pant, Abul H. Ahmad, Manisha Naithani, Hari S. Pandey, Monika Pandey e Jayanti Pant, Effect of Exposure of Plastic Infant Feeding Bottle Leached Water on Biochemical, Morphological and Oxidative Stress Parameters in Rats, in Toxics, vol. 8, n. 2, 13 maggio 2020, pp. 34, DOI:10.3390/toxics8020034, ISSN 2305-6304 (WC · ACNP), PMC 7355934, PMID 32414073.
  14. ^ Baby's Toxic Bottle (PDF), su The Work Group for Safe Markets (U.S.). URL consultato il 18 dicembre 2021 (archiviato dall'url originale l'8 dicembre 2021).
  15. ^ A. B. Bashir e A. A. Audu, Extraction and Quantification of Bisphenol-A Level in Infant Polycarbonate Feeding Bottles using High Performance Liquid Chromatography Technique, in ChemSearch Journal, vol. 12, n. 1, 2021, pp. 34–40. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  16. ^ Bisphenol A, su New York State Department of Health. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  17. ^ a b Duraisamy Mahamuni e Nirmaladevi Dhandayudapani Shrinithivihahshini, Need for regulatory policies in India, on the use of bisphenol A in food contact plastic containers, in Current Science, vol. 113, n. 5, 2017, pp. 861–868, DOI:10.18520/cs/v113/i05/861-868, ISSN 0011-3891 (WC · ACNP). URL consultato il 1º dicembre 2021.
  18. ^ (EN) Protect your baby from BPA (Bisphenol A), su Commonwealth of Massachusetts, 2021. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  19. ^ (EN) Johanna R. Rochester e Ashley L. Bolden, Bisphenol S and F: A Systematic Review and Comparison of the Hormonal Activity of Bisphenol A Substitutes, in Environmental Health Perspectives, vol. 123, n. 7, luglio 2015, pp. 643–650, DOI:10.1289/ehp.1408989, ISSN 0091-6765 (WC · ACNP), PMC 4492270, PMID 25775505. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  20. ^ Nira Ben-Jonathan e Eric R. Hugo, Bisphenols Come in Different Flavors: Is "S" Better Than "A"?, in Endocrinology, vol. 2016, n. 1, 1º gennaio 2016, pp. 23–25, DOI:10.1210/en.2016-1120, PMC 4816743, PMID 27035769.
    «"The real issue is that the industry is replacing a toxic chemical with another, yet untested chemical, which will require large investments of research funds to carry out applicable studies"»
  21. ^ Canada proposes grouping BPA analogues, alternatives, su Food Packaging Forum, 13 gennaio 2021. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  22. ^ (EN) Agri-Food e Veterinary Authority of Singapore, Safety of plastic baby bottles, su Food for Thought, Singapore Government, 27 Feb 2020. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  23. ^ Ksenia Groh, Health risks of 'BPA-free' baby bottles | Food Packaging Forum, su Food Packaging Forum, 9 settembre 2016. URL consultato il 18 dicembre 2021.
  24. ^ Sandee LaMotte, Chemicals in plastics damage babies' brains and must be banned, expert group says, in CNN, 20 febbraio 2021. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  25. ^ a b BPA and phthalates, su Westchester County Department of Health. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  26. ^ Phthalates (PDF), su Zero Breast Cancer. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  27. ^ Gretchen Lee, Phthalates: What you need to know, su BabyCenter. URL consultato il 17 dicembre 2021.
  28. ^ Kurunthachalam Kannan e Krishnamoorthi Vimalkumar, A Review of Human Exposure to Microplastics and Insights Into Microplastics as Obesogens, in Frontiers in Endocrinology, vol. 12, 2021, pp. 978, DOI:10.3389/fendo.2021.724989, ISSN 1664-2392 (WC · ACNP), PMC 8416353, PMID 34484127.
  29. ^ Damian Carrington, Bottle-fed babies swallow millions of microplastics a day, study finds, in The Guardian, 19 ottobre 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  30. ^ (EN) Trinity College Dublin, High levels of microplastics released from infant feeding bottles during formula prep, in phys.org, 19 ottobre 2020. URL consultato il 9 novembre 2020.
  31. ^ (EN) Dunzhu Li, Yunhong Shi, Luming Yang, Liwen Xiao, Daniel K. Kehoe, Yurii K. Gun'ko, John J. Boland e Jing Jing Wang, Microplastic release from the degradation of polypropylene feeding bottles during infant formula preparation, in Nature Food, vol. 1, n. 11, novembre 2020, pp. 746–754, DOI:10.1038/s43016-020-00171-y, ISSN 2662-1355 (WC · ACNP). URL consultato il 9 novembre 2020.
  32. ^ (EN) Damian Carrington, Microplastics found in human blood for first time, in The Guardian, 24 marzo 2022. URL consultato il 25 marzo 2022.
  33. ^ (EN) Heather A. Leslie, Martin J. M. van Velzen, Sicco H. Brandsma, Dick Vethaak, Juan J. Garcia-Vallejo e Marja H. Lamoree, Discovery and quantification of plastic particle pollution in human blood, in Environment International, vol. 163, 24 marzo 2022, pp. 107199, DOI:10.1016/j.envint.2022.107199, ISSN 0160-4120 (WC · ACNP), PMID 35367073.
  34. ^ Are Plastic Baby Bottles Safe?, su Cleveland Clinic, 16 novembre 2020. URL consultato il 2 dicembre 2021.
  35. ^ a b (EN) Vanessa Hua, Building a Better Baby Bottle, su re:form, 23 settembre 2014. URL consultato il 18 dicembre 2021.
  36. ^ Parija Kavilanz, A tired dad and his hungry infant led to a radical new baby bottle, su CNN, CNN, 26 ottobre 2018. URL consultato il 6 gennaio 2022.
  37. ^ (EN) Meitham Amereh, Sina Kheiri, Keekyoung Kim, Ri Li e Mohsen Akbari, A New Venting Valve for Anti-colic Nursing Bottles, in CMBES Proceedings, vol. 44, 11 maggio 2021, ISSN 2371-9516 (WC · ACNP). URL consultato il 20 dicembre 2021.
  38. ^ Craig E. Brown e Bengt Magnuson, On the physics of the infant feeding bottle and middle ear sequela: Ear disease in infants can be associated with bottle feeding, in International Journal of Pediatric Otorhinolaryngology, vol. 54, n. 1, agosto 2000, pp. 13–20, DOI:10.1016/S0165-5876(00)00330-X, PMID 10960691. URL consultato il 20 dicembre 2021.
  39. ^ MS Fewtrell, K. Kennedy, R. Nicholl, A. Khakoo e A. Lucas, Infant feeding bottle design, growth and behaviour: results from a randomised trial, in BMC Research Notes, vol. 5, n. 1, 16 marzo 2012, pp. 150, DOI:10.1186/1756-0500-5-150, ISSN 1756-0500 (WC · ACNP), PMC 3328286, PMID 22424116. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  40. ^ (EN) Jimi Francis, Kristy Rogers, Darby Dickton, Roxanna Twedt e Ron Pardini, Decreasing retinol and α-tocopherol concentrations in human milk and infant formula using varied bottle systems: Decreasing retinol and α-tocopherol in milk using varied bottle systems, in Maternal & Child Nutrition, vol. 8, n. 2, aprile 2012, pp. 215–224, DOI:10.1111/j.1740-8709.2010.00279.x, PMC 6860793, PMID 21083843.
  41. ^ a b c d e Britt Frisk Pados, Jinhee Park, Suzanne M. Thoyre, Hayley Estrem e W. Brant Nix, Milk Flow Rates from bottle nipples used after hospital discharge, in MCN: The American Journal of Maternal/Child Nursing, vol. 41, n. 4, luglio 2016, pp. 237–243, DOI:10.1097/NMC.0000000000000244, PMC 5033656, PMID 27008466.
  42. ^ Feeding a Child with a Cleft Lip or Cleft Palate - Pediatric Cleft and Craniofacial Center - Golisano Children's Hospital - University of Rochester Medical Center, su Golisano Children's Hospital, University of Rochester Medical Center. URL consultato il 20 dicembre 2021.
  43. ^ (EN) Disinfect vs. Sterilize: Differences, Uses, and More, su Healthline, 26 febbraio 2021. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  44. ^ (EN) Sterilising baby bottles, su United Kingdom National Health Service, 7 dicembre 2020. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  45. ^ Bottle Feeding (PDF), su wch.sa.gov.au, Women's and Children's Hospital and Government of South Australia. URL consultato il 1º aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 23 aprile 2011). Printed November 2008
  46. ^ a b (EN) Cleaning and sterilising baby bottles, su pregnancybirthbaby.org.au, Healthdirect Australia, 24 maggio 2021. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  47. ^ (EN) Bottle-feeding: cleaning and sterilising equipment, su Raising Children Network, Raising Children Network (Australia) Limited. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  48. ^ (EN) How to Clean, Sanitize, and Store Infant Feeding Items, su Centers for Disease Control and Prevention, United States Government, 26 ottobre 2020. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  49. ^ (EN) Should You Sterilize Your Baby's Bottles?, su WebMD. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  50. ^ (EN) Best practices for baby bottle sterilization, su Texas Children's Hospital. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  51. ^ 03.05.06 - Infant Feeding Procedures, su Illinois Department of Human Services, 2011. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  52. ^ Nutrition Guideline Healthy Infants and Young Children Safe Preparation and Handling of Infant Formula (PDF), su Alberta Health Services, 2015. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  53. ^ a b c Jessica D. Rothstein, Alejandra Llican Mendoza, Lilia Z. Cabrera, Jessica Pachas, Maritza Calderón, Mónica J. Pajuelo, Laura E. Caulfield, Peter J. Winch e Robert H. Gilman, Household Contamination of Baby Bottles and Opportunities to Improve Bottle Hygiene in Peri-Urban Lima, Peru, in The American Journal of Tropical Medicine and Hygiene, vol. 100, n. 4, 3 aprile 2019, pp. 988–997, DOI:10.4269/ajtmh.18-0301, PMC 6447096, PMID 30834885.
  54. ^ J. A. D. Anderson e A. Gatherer, Hygiene of Infant-feeding Utensils. Practices and Standards in the Home, in BMJ, vol. 2, n. 5700, 4 aprile 1970, pp. 20–23, DOI:10.1136/bmj.2.5700.20, PMC 1699766, PMID 5440567.
  55. ^ Carol Byrd-Bredbenner, Jacqueline Berning, Jennifer Martin-Biggers e Virginia Quick, Food Safety in Home Kitchens: A Synthesis of the Literature, in International Journal of Environmental Research and Public Health, vol. 10, n. 9, 2013, pp. 4060–4085, DOI:10.3390/ijerph10094060, ISSN 1661-7827 (WC · ACNP), PMC 3799528, PMID 24002725.
  56. ^ Elizabeth C Redmond, Christopher J Griffith e Steven Riley, Contamination of bottles used for feeding reconstituted powdered infant formula and implications for public health, in Perspectives in Public Health, vol. 129, n. 2, marzo 2009, pp. 85–94, DOI:10.1177/1757913908101606, PMID 19354201. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  57. ^ F. Ayaz, S. B. Ayaz, M. Furrukh e S. Matee, Cleaning practices and contamination status of infant feeding bottle contents and teats in Rawalpindi, Pakistan, in Pakistan Journal of Pathology, vol. 28, n. 1, 2017, pp. 13–20. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  58. ^ Safe preparation, storage and handling of powdered infant formula Guidelines (PDF), su World Health Organization, World Health Organization in collaboration with Food and Agriculture Organization of the United Nations, 2007. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  59. ^ (EN) Tae Jin Cho, Ji Yeon Hwang, Hye Won Kim, Yong Ki Kim, Jeong Il Kwon, Young Jun Kim, Kwang Won Lee, Sun Ae Kim e Min Suk Rhee, Underestimated Risks of Infantile Infectious Disease from the Caregiver's Typical Handling Practices of Infant Formula, in Scientific Reports, vol. 9, n. 1, 5 luglio 2019, pp. 9799, Bibcode:2019NatSR...9.9799C, DOI:10.1038/s41598-019-46181-0, ISSN 2045-2322 (WC · ACNP), PMC 6611816, PMID 31278304. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  60. ^ (EN) WHO and UNICEF issue new guidance to promote breastfeeding in health facilities globally, su UNICEF. URL consultato il 14 dicembre 2021.
  61. ^ (EN) Know the flow, don't go with the flow, su Pediatric Feeding News, 8 giugno 2014. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  62. ^ (EN) Drinks and cups for babies and toddlers, su nhs.uk, 21 dicembre 2017. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  63. ^ Weaning from the Bottle, su aap.org, American Academy of Pediatrics. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  64. ^ Lisa Enger, Patient education: Weaning from breastfeeding (Beyond the Basics), su UpToDate. URL consultato il 27 dicembre 2018.
  65. ^ Sukumaran Anil e Pradeep S. Anand, Early Childhood Caries: Prevalence, Risk Factors, and Prevention, in Frontiers in Pediatrics, vol. 5, 18 luglio 2017, pp. 157, DOI:10.3389/fped.2017.00157, PMC 5514393, PMID 28770188.
  66. ^ Kimberly A. Lackey, Bethaney D. Fehrenkamp, Ryan M. Pace, Janet E. Williams, Courtney L. Meehan, Mark A. McGuire e Michelle K. McGuire, Breastfeeding Beyond 12 Months: Is There Evidence for Health Impacts?, in Annual Review of Nutrition, vol. 41, n. 1, 11 ottobre 2021, pp. 283–308, DOI:10.1146/annurev-nutr-043020-011242, ISSN 0199-9885 (WC · ACNP), PMID 34115518. URL consultato il 16 dicembre 2021.
  67. ^ BSI British Standards Index, su bsonline.techindex.co.uk (archiviato dall'url originale il 13 maggio 2011).
  68. ^ a b Chuiyan Mo, Baby Feeding Bottle Standards & Regulations in the United States, su Compliance Gate, 10 marzo 2021. URL consultato il 30 novembre 2021.
  69. ^ Baby Bottles, su Consumer Watch. URL consultato il 30 novembre 2021.
  70. ^ (EN) Center for Food Safety and Applied Nutrition, FDA Issues Guidance on Food Contact Substances for Use with Infant Formula and/or Human Milk, su FDA, 20 dicembre 2019. URL consultato il 30 novembre 2021.
  71. ^ Roderick J. Weston, Volatile Nitrosamine Levels in Rubber Teats and Pacifiers Available in New Zealand, in Journal of Analytical Toxicology, vol. 9, n. 2, 1º marzo 1985, pp. 89–90, DOI:10.1093/jat/9.2.89, OSTI 6997326, PMID 3990253. URL consultato il 20 dicembre 2021.
  72. ^ Se-Jong Park, Mi-Jin Jeong, So-Ra Park, Jae Chun Choi, Heeju Choi e MeeKyung Kim, Release of N-nitrosamines and N-nitrosatable substances from baby bottle teats and rubber kitchen tools in Korea, in Food Science and Biotechnology, vol. 27, n. 5, 10 aprile 2018, pp. 1519–1524, DOI:10.1007/s10068-018-0373-6, ISSN 1226-7708 (WC · ACNP), PMC 6170278, PMID 30319863.
  73. ^ Andrea C. Gore e Heather B. Patisaul, Neuroendocrine Disruption: Historical Roots, Current Progress, Questions for the Future, in Frontiers in Neuroendocrinology, vol. 31, n. 4, ottobre 2010, pp. 395–399, DOI:10.1016/j.yfrne.2010.07.003, ISSN 0091-3022 (WC · ACNP), PMC 2964387, PMID 20638407.
  74. ^ a b c d Timeline: BPA from Invention to Phase-Out, su Environmental Working Group, 22 aprile 2008. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  75. ^ Jane Kay, SAN FRANCISCO / Lawmaker wants state to follow city's lead with 'toxic toy' ban / Bill would bar certain chemicals in products, in The San Francisco Chronicle, 24 giugno 2011.
  76. ^ Baby Bottles and Bisphenol A (BPA), su HealthyChildren.org.
  77. ^ a b c d Sarah A. Vogel, The Politics of Plastics: The Making and Unmaking of Bisphenol A "Safety", in American Journal of Public Health, vol. 99, S3, novembre 2009, pp. S559–S566, DOI:10.2105/AJPH.2008.159228, PMC 2774166, PMID 19890158.
  78. ^ a b Rolf U. Halden, Plastics and Health Risks, in Annual Review of Public Health, vol. 31, n. 1, 1º marzo 2010, pp. 179–194, DOI:10.1146/annurev.publhealth.012809.103714, ISSN 0163-7525 (WC · ACNP), PMID 20070188.
  79. ^ Laura S. Rozek, Dana C. Dolinoy, Maureen A. Sartor e Gilbert S. Omenn, Epigenetics: Relevance and Implications for Public Health, in Annual Review of Public Health, vol. 35, n. 1, 18 marzo 2014, pp. 105–122, DOI:10.1146/annurev-publhealth-032013-182513, ISSN 0163-7525 (WC · ACNP), PMC 4480875, PMID 24641556. URL consultato il 30 novembre 2021.
  80. ^ (EN) BPA Bans and Restrictions in Food Contact Materials, su Société Générale de Surveillance, 2018. URL consultato il 30 novembre 2021.
  81. ^ (EN) Bisphenol A: EU ban on baby bottles to enter into force tomorrow, su European Commission - European Commission, 31 maggio 2011. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  82. ^ (DE) Umstrittene Chemikalie: EU-Behörde senkt Grenzwert für Bisphenol A, in Der Spiegel, 21 gennaio 2015. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  83. ^ a b Brazil to ban baby bottles containing BPA, su Chemical Watch, 15 settembre 2011. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  84. ^ Sabrina Tavernise, F.D.A. Makes It Official: BPA Can't Be Used in Baby Bottles and Cups, in The New York Times, 17 luglio 2012. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  85. ^ (EN) Daniel J. DeNoon, FDA Bans BPA in Baby Bottles, su WebMD. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  86. ^ Argentina bans BPA in baby bottles, su Chemical Watch, 24 aprile 2012. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  87. ^ South Korea to ban BPA in infant and toddler FCMs, su Chemical Watch, 12 settembre 2018. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  88. ^ India to test consumer products and FCMs for BPA presence, su Chemical Watch, 18 novembre 2020. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  89. ^ a b c d (EN) Emily E Stevens, Thelma E Patrick e Rita Pickler, A History of Infant Feeding, in Journal of Perinatal Education, vol. 18, n. 2, 1º gennaio 2009, pp. 32–39, DOI:10.1624/105812409X426314, PMC 2684040, PMID 20190854.
  90. ^ (EN) Amy Brown, Chapter 9 Sociological and Cultural Influences upon Breastfeeding, in Breastfeeding and Breast Milk – from Biochemistry to Impact, Georg Thieme Verlag KG, 1º luglio 2018, DOI:10.21428/3d48c34a.2a0f254a.
  91. ^ Valerie Fildes, Chapter 4 The Culture and Biology of Breastfeeding: An Historical Review of Western Europe, in Stuart-Macadam e Dettwyler (a cura di), Breastfeeding : Bicultural Perspectives., Somerset, Taylor and Francis, 1995, pp. 101–126, ISBN 9781351530743. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  92. ^ a b c d S. Diez Castilho e A. de Azevedo Barros Filho, Historical aspects of formula feeding, in Preedy, Watson e Zibadi (a cura di), Handbook of dietary and nutritional aspects of bottle feeding, Wageningen, Netherlands, Wageningen Academic Publishers, 2014, pp. 17–33, ISBN 9789086867776. URL consultato il 1º dicembre 2021.
  93. ^ a b c d e Martin H. Greenberg, George F. Smith e Dharmapuri Vidyasagar, Neonatal Feeding, in Historical Review and Recent Advances in Neonatal and Perinatal Medicine, Mead Johnson Nutritional Division, 1980. URL consultato il 30 novembre 2021.
  94. ^ a b Carolyn Wilke, What did ancient people eat? Scientists find new clues in old pottery, in Knowable Magazine, 21 luglio 2021, DOI:10.1146/knowable-052221-1. URL consultato il 30 novembre 2021.
  95. ^ (EN) J. Dunne, K. Rebay-Salisbury, R. B. Salisbury, A. Frisch, C. Walton-Doyle e R. P. Evershed, Milk of ruminants in ceramic baby bottles from prehistoric child graves (PDF), in Nature, vol. 574, n. 7777, 25 settembre 2019, pp. 246–248, Bibcode:2019Natur.574..246D, DOI:10.1038/s41586-019-1572-x, ISSN 1476-4687 (WC · ACNP), PMID 31554964.
  96. ^ (EN) J. Dunne, K. Rebay-Salisbury, R. B. Salisbury, A. Frisch, C. Walton-Doyle e R. P. Evershed, Milk of ruminants in ceramic baby bottles from prehistoric child graves (PDF), in Nature, vol. 574, n. 7777, 25 settembre 2019, pp. 246–248, Bibcode:2019Natur.574..246D, DOI:10.1038/s41586-019-1572-x, ISSN 1476-4687 (WC · ACNP), PMID 31554964.
  97. ^ a b Annabelle Peringer, The history of baby bottles, su Alimentarium Magazine, 2014. URL consultato il 30 novembre 2021.
  98. ^ I. G. Wickes, A History of Infant Feeding: Part IV--Nineteenth Century Continued (PDF), in Archives of Disease in Childhood, vol. 28, n. 141, 1º ottobre 1953, pp. 416–422, DOI:10.1136/adc.28.141.416, PMC 1988630, PMID 13105394. URL consultato il 30 novembre 2021.
  99. ^ I. G. Wickes, A History of Infant Feeding: Part IV--Nineteenth Century Continued (PDF), in Archives of Disease in Childhood, vol. 28, n. 141, 1º ottobre 1953, pp. 416–422, DOI:10.1136/adc.28.141.416, PMC 1988630, PMID 13105394. URL consultato il 30 novembre 2021.
  100. ^ Charles S. Harris, Photographic proof (PDF), su The Federation of Historical Bottle Collectors. URL consultato il 30 novembre 2021.
  101. ^ a b Romola J. Davenport, Mortality, migration and epidemiological change in English cities, 1600–1870, in International Journal of Paleopathology, vol. 34, settembre 2021, pp. 37–49, DOI:10.1016/j.ijpp.2021.05.009, PMC 7611108, PMID 34146819. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  102. ^ Silvia Diez Castilho, Antonio de Azevedo Barros Filho e Monize Cocetti, Evolução histórica dos utensílios empregados para alimentar lactentes não amamentados (Historical evolution of utensils used to feed non breastfed infants), in Ciência & Saúde Coletiva, vol. 15, suppl 1, giugno 2010, pp. 1401–1410, DOI:10.1590/s1413-81232010000700050, PMID 20640300. URL consultato il 30 novembre 2021.
  103. ^ E. Bogucki, History of Nursing Bottles, in American Collectors of Infant Feeders, 2007. URL consultato il 27 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2017).
  104. ^ The First Measured Century: Timeline: Data - Mortality, su PBS. URL consultato il 3 dicembre 2021.
    «"Prior to 1900, infant mortality rates of two and three hundred [per 1000 live births] obtained throughout the world."»
  105. ^ John Knodel e Hallie Kintner, The impact of breast feeding patterns on the biometric analysis of infant mortality, in Demography, vol. 14, n. 4, 1º novembre 1977, pp. 391–409, DOI:10.2307/2060586, JSTOR 2060586, PMID 913727.
  106. ^ (EN) Naomi Williams e Graham Mooney, Infant mortality in an 'Age of Great Cities': London and the English provincial cities compared, c. 1840–1910, in Continuity and Change, vol. 9, n. 2, agosto 1994, pp. 185–212, DOI:10.1017/S0268416000002265, ISSN 1469-218X (WC · ACNP). URL consultato il 3 dicembre 2021.
  107. ^ (EN) Populations Past – Atlas of Victorian and Edwardian Population, su Populations Past, University of Cambridge. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  108. ^ Charles S. Harris, Photographic proof (PDF), su The Federation of Historical Bottle Collectors. URL consultato il 30 novembre 2021.
  109. ^ a b c The history of the feeding bottle, su A diary of a lesbian family. URL consultato il 30 novembre 2021.
  110. ^ Ronald Barrett, Christopher W. Kuzawa, Thomas McDade e George J. Armelagos, Emerging and Re-emerging Infectious Diseases: The Third Epidemiologic Transition, in Annual Review of Anthropology, vol. 27, n. 1, ottobre 1998, pp. 247–271, DOI:10.1146/annurev.anthro.27.1.247. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  111. ^ Samuel H. Preston e Michael R. Haines, Fatal Years: Child Mortality in Late Nineteenth-Century America (PDF), Princeton University Press, 1991. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  112. ^ 1920's Pyrex Baby Bottle, su Collectors Weekly. URL consultato il 30 novembre 2021.
  113. ^ See how vintage baby bottles, infant nursers & feeding accessories have changed over the years - Click Americana, su Click Americana, 21 giugno 2020. URL consultato il 3 dicembre 2021.
  114. ^ I. G. Wickes, A History of Infant Feeding: Part IV--Nineteenth Century Continued (PDF), in Archives of Disease in Childhood, vol. 28, n. 141, 1º ottobre 1953, pp. 416–422, DOI:10.1136/adc.28.141.416, PMC 1988630, PMID 13105394. URL consultato il 30 novembre 2021.
  115. ^ Google Patents: Inventor Adda M. Allen, su patents.google.com. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  116. ^ Laura A. Stokowski, Quiz: A Nurse Invented That? Inventiveness, Ingenuity, and Innovation in Nurses, su Medscape. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  117. ^ Jacqueline Vance, A nurse invented that! (But most likely didn't get credit for it), su The Real Nurse Jackie, 30 settembre 2014. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  118. ^ U.S. patent 2442656 A, "Nursing nipple for bottles", American J.W. Less in 1948 (www.google.ca/patents/US2442656, accessed February 27, 2014)
  119. ^ U.S. patent 2747573 A, "Valved nursing nipple", issued to W.A. Schaich of Owens-Illinois in 1956 (www.google.ca/patents/US2747573, accessed February 27, 2014)
  120. ^ E.g., see U.S. patent 6032810 A, "One-piece nipple/collar for nursers and the like", issued to the Americans M.A. Gilbertson, B. J. Meyers, E.A. Raleigh, and M.S. Stowe of Gerber Products Company in 2000 (www.google.ca/patents/US6032810), and U.S. patent 20120248056 A1, "Teat unit", issued to the Swiss R. Fischer, E. Furrer, and B. Emmenegger of Medela Holding Ag in 2012 (www.google.ca/patents/US20120248056). Accessed February 27, 2014.
  121. ^ E.g., see U.S. patent US 7775394 B2, "Opening-force-maximizing device of an underpressure-activated valve for a drinking container", issued to the Norwegian K. Næsje of Smartseal As in 2010 (www.google.ca/patents/US7775394). Accessed February 27, 2014.
  122. ^ (EN) Global Baby Bottle Market Size & Share Report, 2019-2025, Grand View Research, Inc., 2019. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  123. ^ Jennifer Taylor, North American Culture: Undermining Breastfeeding (Part 1 of 3), su Contemporary Ob/Gyn, 3 novembre 2011. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  124. ^ Welcome to Key Note.co.uk, su keynote.co.uk. URL consultato il 21 settembre 2006 (archiviato dall'url originale il 27 luglio 2009).
  125. ^ American Academy of Pediatrics, AAP Policy on Breastfeeding and Use of Human Milk, see www2.aap.org accessed February 28, 2014., su www2.aap.org. URL consultato il 28 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 25 aprile 2014).
  126. ^ a b c Section On Breastfeeding, Breastfeeding and the Use of Human Milk, in Pediatrics, vol. 129, n. 3, 1º marzo 2012, pp. e827–e841, DOI:10.1542/peds.2011-3552, PMID 22371471. Ospitato su pediatrics.aappublications.org.
  127. ^ Tully DB, Jones F, Tully MR, Donor milk: what's in it and what's not, in Journal of Human Lactation, vol. 17, n. 2, maggio 2001, pp. 152–5, DOI:10.1177/089033440101700212, PMID 11847831.[collegamento interrotto]
  128. ^ Fearless Formula Feeder - Infant Feeding Support, su fearlessformulafeeder.com.
  129. ^ S. Barston, Bottled Up: How the Way We Feed Babies Has Come to Define Motherhood, and Why It Shouldn't, University of California Press, 2012, ISBN 9780520270237. URL consultato il 28 febbraio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85016055 · J9U (ENHE987007283988605171