Bernardino Zendrini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il letterato italiano del XIX secolo, vedi Bernardino Zendrini (scrittore).
Busto di Bernardino Zendrini, opera di Gaetano Zennaro precedente al 1847.

Bernardino Zendrini (Saviore, 7 aprile 167918 maggio 1747) è stato un ingegnere italiano.

È ricordato tra i più importanti ingegneri idraulici italiani del XVIII secolo.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Lapide a ricordo di Bernardino Zendrini posta sui murazzi presso Pellestrina

Bernardino Zendrini nasce a Saviore, in Val Camonica nel 1679, a quel tempo parte dei Domini di Terraferma della Serenissima Repubblica di Venezia. Bernardino studia a Padova dove si laurea nel 1700 in medicina: per poco tempo eserciterà l'attività di medico nella Valle di Saviore.[1]

Nel 1704 si trasferisce a Venezia dove dimostra la sua inclinazione per le scienze: nel 1708 a seguito di un fenomeno di tromba d'aria marina scrive una dissertazione dove dimostra d'aver intuito le leggi della gravità e le teorie circa l'elettricità e le proprietà dei corpi gassosi.[1]

Si specializzò nel calcolo infinitesimale, studiò il fenomeno astronomico gedeiasico, e studiò in particolare i fiumi e le leggi del loro deflusso.[1]

Bernardino Zendrini ed Eustachio Manfredi, Mappa di sintesi dei progetti di regolazione dei fiumi di Ravenna (1731).

Risolse il problema dello sbocco del Reno, che era oggetto di contesa tra i Bolognesi ed i Ferraresi, e venne quindi insignito dalla Repubblica Veneta a matematico sopraintendente alle acque, fiumi, lagune e ponti nel 1720.[1]

Attorno al 1738 a lui è attribuita la sostituzione dei deboli argini che proteggevano Venezia dalle mareggiate, tramite i "murazzi", barriere artificiali in pietra d'Istria cementate con malta idraulica pozzolana costruite tra Pellestrina e Chioggia per difendere la laguna dall'erosione del mare.[2]

I suoi progetti tornarono utili anche al Governo Napoleonico instaurato nel 1805, dalla Repubblica di Lucca per il porto di Viareggio, da Papa Clemente XII per la città di Ravenna e dalla corte austriaca.[1]

Il Senato veneziano gli fece erigere un busto marmoreo nel Palazzo Ducale di Venezia (oggi Museo Civico di Palazzo Ducale) con la seguente scritta: Bernardino Zendrini, matematico della Repubblica, per nascita Camuno, per meriti Veneto. [1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Lino Ertani, La Valle Camonica attraverso la storia, Esine, Tipolitografia Valgrigna, 1996, p. 259.
  2. ^ "Bernardino Zendrini" nel sito del Museo Galileo", brunelleschi.imss.fi.it. URL consultato il 14 luglio 2014.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Giustificazione de fatti ecc. (Da BEIC, biblioteca digitale.)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN7551990 · LCCN: (ENn00041596 · SBN: IT\ICCU\RAVV\068851 · ISNI: (EN0000 0000 8354 3895 · GND: (DE117596027 · BNF: (FRcb13545066d (data) · BAV: ADV11332574 · CERL: cnp01089033