Barry Munday

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Barry Munday
Barry Munday.jpg
Judy Greer e Patrick Wilson in una scena del film.
Titolo originaleBarry Munday
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti
Anno2010
Durata94 min
Generecommedia
RegiaChris D'Arienzo
SoggettoFrank Turner Hollon
SceneggiaturaChris D'Arienzo
ProduttoreMickey Barold, Stone Douglass, Eric Kopeloff, Matt Weaver
Produttore esecutivoCarl Levin, Robert Ortiz, Scott Prisand, Marcos Siega
Casa di produzioneStick 'N' Stone Productions
Corner Store Entertainment
Far Hills Pictures
Prospect Pictures
FotografiaMorgan Susser
MontaggioJoan Sobel
MusicheJude Christodal
ScenografiaPaul Oberman
Interpreti e personaggi

Barry Munday è un film del 2010 scritto e diretto da Chris D'Arienzo.

Il film è una commedia indipendente, basata sul romanzo di Frank Turner Hollon Life is a Strange Place, in cui Patrick Wilson è il protagonista che dà il titolo al film. Al suo fianco vi sono Judy Greer e Chloë Sevigny.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Barry Munday è un donnaiolo di provincia, che un giorno si risveglia in ospedale scoprendo che gli sono stati asportati i "gioielli di famiglia", dopo un incidente con il padre di una delle sue conquiste. Dimesso dall'ospedale la vita di Barry cambia radicalmente, soprattutto quando scopre che sta per diventare padre, da una donna di cui non ricorda minimamente di aver fatto sesso. La donna è la goffa Ginger Farley, che Barry inizia a frequentare, capendo che questa può essere la sua unica opportunità di diventare padre.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima al South by Southwest il 13 marzo 2010. La distribuzione nelle sale cinematografiche statunitensi avverrà il 1º ottobre 2010 ad opera della Magnolia Pictures.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema