Balamuthia mandrillaris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Balamuthia mandrillaris
Balamuthiatrop.jpg
Forma attiva di Balamuthia
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Protista
Sottoregno Sarcomastigota
Phylum Amoebozoa
Classe Lobosea
Ordine Leptomyxida
Famiglia Leptomyxidae
Genere Balamuthia
Specie B. mandrillaris
Nomenclatura binomiale
Balamuthia mandrillaris
Visvesvara et al, 1990

Balamuthia mandrillaris è un’ameba a vita libera, conosciuta per causare malattie nell’uomo, specialmente la condizione di morte neurologica nota come encefalite amebica granulomatosa, simile alla meningoencefalite amebica primaria. Non è stata ancora isolata definitivamente in natura, il primo caso di infezione fu riscontrato in un mandrillo dello Zoo di San Diego. Da allora sono riportati 80-90 casi di encefalite dovuta a quest’ameba con solo due casi di sopravvivenza alla patologia. Attualmente si crede che Balamuthia sia distribuita in tutte le regioni temperate del mondo, idea supportata dalla presenza di anticorpi in alcuni individui, ma c'è il sospetto che l’infezione causata sia sottovalutata a causa della somiglianza dei sintomi causati da altri agenti (batterico, virale) e dalla mancanza generale della consapevolezza di patogenicità dell’ameba.

Forme vitali[modifica | modifica wikitesto]

Il trofozoite di Balamuthia m. è caratterizzato da un particolare reticolo endoplasmatico a nastro, il nucleolo è molto denso e sembra spaccato in due, caratteristica che distingue quest’ameba da Acathamoeba. Ha diametro di 15-60 µm e può essere binucleato. L’ameba produce una ciste di circa 15 µm di diametro, molto simile ad Acanthamoeba, ma presenta una parete triplice.

Ciclo biologico e patogenesi[modifica | modifica wikitesto]

I trofozoiti ameboidi a vita libera si trasformano in cisti residenti quando le condizioni ambientali non sono favorevoli. Entrambi sono infettanti, entrano dalle vie respiratorie, da ulcere o ferite e causano l’encefalite granulomatosa in individui con un sistema immune compromesso. Principalmente sono infatti le persone gravemente immunodepresse le più esposte all'ameba, mentre si crede che la maggioranza degli individui sani abbiano anticorpi e difese che blocchino il parassita.

Patologia, diagnosi e controllo[modifica | modifica wikitesto]

Balamuthia mandrillaris può causare lesioni della pelle o entrare nel cervello. Una volta nel cervello causa la encefalite amebica granulomatosa, che di solito è fatale. I sintomi non sono chiari, può provocare paralisi focali e sintomi del tronco encefalico come paralisi facciali, difficoltà nell’ingestione e visione doppia. Balamuthia m. è identificabile facilmente in una biopsia cerebrale.

È stato curato con successo in solo due casi ed entrambi sono stati trattati con un cocktail di antiparassitari e antibiotici, anche se non è chiaro se uno solo o entrambi questi trattamenti hanno contribuito attivamente al trattamento. Entrambe le vittime soffrono di deficit neurologici permanenti come risultato dell’infezione.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]