Baia del Cemes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Baia del Cemes
Novo bay.jpg
Parte di Mar Nero
Stato Russia Russia
Circondario federale Distretto Federale Meridionale
Soggetto federale Flag of Krasnodar Krai.svg Territorio di Krasnodar
Coordinate 44°42′21″N 37°48′43″E / 44.705833°N 37.811944°E44.705833; 37.811944Coordinate: 44°42′21″N 37°48′43″E / 44.705833°N 37.811944°E44.705833; 37.811944
Dimensioni
Lunghezza 15 km
Larghezza 4,6-9 km
Profondità massima 27 m
Idrografia
Immissari principali Cemes
Isole Sudžuk
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Baia del Cemes
Baia del Cemes

La baia del Cemes (in russo Цемесская бухта) è un'insenatura della costa nord-orientale del mar Nero. Si trova nel Territorio di Krasnodar, nel Distretto Federale Meridionale della Russia. Prende il nome dal fiume Cemes che sfocia nell'insenatura. È chiamata anche baia Novorossijskaja (Новороссийская бухта), poiché ospita la città di Novorossijsk, il maggior porto russo sul mar Nero.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La baia si protende nel continente per 15 km, la larghezza all'ingresso è di 9 km, al centro di 4,6 km. La profondità è di 21–27 m, il che permette l'accesso di navi transoceaniche. L'ingresso alla baia è delimitata a nord-ovest dell'isola Sudžuk (остров Суджук, 44°40′18″N 37°48′43″E / 44.671667°N 37.811944°E44.671667; 37.811944) e a sud-est da capo Doob (мыс Дооб). Al centro, di fronte a capo Penaj (мыс Пенай), ci sono dei banchi a una profondità minima di 5–6 m.

Oltre alla città di Novorossijsk, nella parte sud-orientale della baia, a nord di capo Doob, c'è il villaggio di Kabardinka (Кабардинка) che fa parte del comune della città di Gelendžik.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Anche se la navigazione viene colpita in autunno e in inverno da forti venti di bora (fino a 220 chilometri all'ora), la baia era frequentata dagli antichi navigatori greci[1] che fondarono sulla costa la colonia di Bata[2] (l'odierna Novorossijsk). Michail Rostovcev lo spiegava con il fatto che non ci sono altri porti decenti lungo la costa fino a Batumi[3]. Durante il Medioevo, la costa è stata controllata dai Ghisolfi, una famiglia di mercanti di Genova[4].

Novorossijsk fu fondata dai russi come struttura militare. Diverse navi della Flotta del Mar Nero, nel 1918, furono fatte affondare nella baia per evitare la cattura da parte dei tedeschi.

Il 31 agosto 1986 all'uscita dal porto di Novorossijsk, la nave da crociera Admiral Nachimov entrò in collisione con la portarinfuse Pëtr Vasëv e affondò in 7-8 minuti. Morirono 423 persone[5][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Russia