Autoritratto (Leonardo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Autoritratto
Leonardo self.jpg
Autore Leonardo da Vinci
Data 1515 circa
Tecnica sanguigna su carta
Dimensioni 33,5×21,6 cm
Ubicazione Biblioteca Reale, Torino

L'Autoritratto di Leonardo da Vinci è un disegno a sanguigna su carta (33,5x21,6 cm), databile al 1515 circa e conservato nella Biblioteca Reale di Torino.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il disegno del celebre autoritratto viene in genere datato ai suoi ultimi anni di vita, quando viveva in Francia al servizio di Francesco I. Dopo la sua morte, con i manoscritti e il suo corpus di disegni e appunti, venne lasciato in eredità al fedele collaboratore Francesco Melzi, che lo portò alla sua villa a Vaprio d'Adda, presso Bergamo. Qui gli eredi del Melzi sparpagliarono poi la collezione vinciana.

L'Autoritratto ricomparve agli inizi dell'XIX secolo a Milano, quando venne copiato e riprodotto in un'incisione per un libro, per poi scomparire nuovamente fino al 1839, quando Giovanni Volpato, un collezionista che lo aveva acquistato forse in Inghilterra o in Francia, lo vendette a Carlo Alberto di Savoia, assieme ad altri 1585 altri disegni di grandi artisti come Raffaello, Michelangelo per 50.000 lire piemontesi. Dalle collezioni Savoia confluì poi alla Biblioteca Reale.

Da allora l'opera ha fatto da prototipo per innumerevoli rappresentazioni dell'artista, che sono entrate poi nell'immaginario collettivo.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

L'opera mostra il volto di un uomo canuto, con lunghi capelli e lunga barba, calvo alla sommità della testa. Lo sguardo accigliato è rivolto a destra, con un'espressione seria e leggermente imbronciata. I segni del tempo sono ben evidenti, con solchi lungo la fronte, attorno agli occhi e ai lati della bocca lungo le guance. I dettagli sono molto curati, sebbene una parte appaia come non finita: per dare l'effetto del cranio liscio e calvo l'artista ricorse a pochissime linee, lasciando il foglio in alto quasi intonso.

Identificazione[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la maggior parte degli studiosi lo abbia considerato l'unico sicuro autoritratto del Genio e la Biblioteca Reale continui a considerarlo tale nella collocazione Dis. It. 1/30[1], l'identificazione dell'uomo raffigurato con Leonardo stesso non è oggi sicura. Il leonardista americano Louis A. Waldman identifica l'uomo ritratto come lo zio di Leonardo, Francesco da Vinci[2], e altri lo identificano con ser Piero da Vinci o con una figura idealizzata di un saggio del passato, come Pitagora o Demostene[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Autoritratto, mostre.bibliotecareale.beniculturali.it. URL consultato il 22 settembre 2017.
  2. ^ Leonardo da Vinci è cresciuto con due 'padri', in La Nazione, 17 aprile 2009. URL consultato il 22 settembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Katia Bernacci, Laura Audi, Torino Rosso Porpora. Un thriller su Leonardo ambientato a Torino, Torino, Accademia Vis Vitalis, 2011.
  • Milena Magnano, Leonardo, collana I Geni dell'arte, Milano, Mondadori Arte, 2007, pag. 134. ISBN 978-88-370-6432-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]