Autoinganno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'autoinganno è un processo decettivo[1][2][3] di negazione o razionalizzazione che prescinde da rilevanza, significato e importanza di evidenze e argomentazioni logiche opposte ad esso. L'autoinganno consiste nel convincere se stessi, attraverso diverse manovre, di una verità (o dell'assenza di una verità), senza avere alcuna consapevolezza di queste manovre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elster, J. (2001). Sensazioni forti. Emozioni, razionalità e dipendenza. Bologna: Il Mulino.
  • Fingarette, H. (1969). Self-Deception. London: Routledge & Kegan Paul.
  • Pedrini, P. (2003). Autoinganno. www.swif.uniba.it/lei/mind/topics/autoinganno/Pagina iniziale.htm

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]