Scotomizzazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La scotomizzazione è l'atto psicologico dello scotomizzare. Estensione del concetto oculistico di scotoma da cui eredita l'etimo (derivazione dal greco antico σκότωμα, "oscuramento", "ottenebramento"),[1] indica anzitutto il meccanismo di difesa psicotico di negazione inconscia, con cui «il soggetto occulta o esclude dall'ambito della sua coscienza o della memoria un evento o un ricordo a contenuto penoso o sgradevole.»[2]

Ma quest'accezione psicoanalitica e psicodinamica del «non percepire un elemento presente nella situazione e che potrebbe generare ansia»[3] non ne esaurisce l'intera gamma di senso. Infatti esiste anche una scotomizzazione d'origine intellettiva, per dissonanza cognitiva o per fissazione cognitiva,[4] studiata dalla psicologia cognitiva e dalla psicologia sociale. In questo caso si tratta di pregiudizi e stereotipi mentali, di "preconcetti" o "precomprensioni" (Vorverständnisse) nel significato ermeneutico di Gadamer, i quali limitano la capacità di prendere in considerazione e di prestare attenzione ad ulteriori dati disponibili in un determinato contesto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cf. scotomizzare in Treccani Vocabolario online.
  2. ^ Cf. scotomizzazione in Treccani Vocabolario online.
  3. ^ Cf. voce in Sapere.it.
  4. ^ Cf. ricorrenze su books.google.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]