Aurelio Luini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Aurelio Luini, Ol compà Digliagòr e Ol compà Braghetògn (due caricature di accademici della Val di Blenio?), Milano, Ambrosiana

Aurelio Luini (Milano, 1530Milano, 6 agosto 1593) è stato un pittore italiano.

Figlio di Bernardino Luini, ne ereditò insieme ai fratelli la commissione per la decorazione ad affresco della chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore a Milano, caratterizzata dall'insieme di influssi lombardi (ad esempio, di Vincenzo Foppa) e della scuola forlivese (ad esempio, di Melozzo da Forlì).

Nel 1560 affrescò il tramezzo del monastero benedettino di S. Maria Assunta a Cairate (Varese); ad anni più tardi risalgono la drammatica Pietà (Milano, San Barnaba), gli affreschi di S. Maria di Campagna a Pallanza, presso Verbania (in collaborazione con Carlo Urbino), gli affreschi di S. Vincenzo alle Monache a Milano (oggi a Brera), la S. Tecla per il Duomo (oggi in sacrestia) e la Madonna tra i Ss. Rocco e Sebastiano per la cattedrale di Tortona.

Aurelio Luini fu un interessante esponente dell'ultimo manierismo lombardo, anche per il suo essere tramite diretto con l'arte di Leonardo da Vinci (di cui era in possesso del Cartone di sant'Anna, oggi alla National Gallery e di un perduto "libricciuolo" di teste grottesche). Amico di Giovanni Paolo Lomazzo ed affiliato (con il nome di compà Lovìgn) alla sua eterodossa Accademia dei Facchini della Val di Blenio, Aurelio incontrò anche problemi con la censura ecclesiastica, come testimonia una misteriosa ordinanza del vescovo Carlo Borromeo che nel 1581, per un breve periodo, gli vietò di dipingere.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • N. Ward Neilson, “A Drawing by Aurelio Luini”, Master Drawings, vol. 25, no. 2 (Summer, 1987), pp. 151-52 e 184.
  • G. Bora, Da Leonardo all'Accademia della Val di Bregno: Giovan Paolo Lomazzo, Aurelio Luini e i disegni degli accademici, in «Raccolta Vinciana», XXIII, 1989, pp. 73-101.
  • F. Debolini, “La Pittura Manierista di Aurelio Luini”, tesi di specializzazione, Università degli Studi di Siena, anno accademico 1995/96.
  • G. Bora, Aurelio Luini, in Pittura a Milano. Rinascimento e Manierismo, a cura di M. Gregori, Milano 1998, pp. 265-66 e 277.
  • G. Bora, Aurelio Luini, in Rabisch. Il grottesco nell'arte del Cinquecento. L'Accademia della Val di Blenio, Lomazzo e l'ambiente milanese, catalogo della mostra [Lugano 1998] a cura di M. Kahn-Rossi e F. Porzio, Milano 1998, p. 340.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN52586248 · LCCN: (ENno2010097880 · ISNI: (EN0000 0000 7996 0231 · GND: (DE123029953 · BNF: (FRcb16924141s (data) · ULAN: (EN500013175