Augusto Lozzia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Augusto Lozzia, autoritratto, olio su tavola cm 50x62 (1952)

Augusto Lozzia (Sangiano, 17 settembre 1896Gardone Riviera, 31 dicembre 1962) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Autodidatta, incomincia giovanissimo ad esporre alla Permanente di Milano nel 1915, partecipa alle mostre sindacali e interprovinciali milanesi e bresciane.

È soldato nella prima guerra mondiale. Pittore lombardo della prima metà' del Novecento. Nel 1916 una sua opera è presente nella mostra organizzata a Brescia nel Ridotto del Teatro Grande.

Trasferitasi la famiglia a Brescia, dal 1921 al 1925 intensifica i contatti con gli artisti bresciani Eliodoro Coccoli, Vittorio Trainini, Angelo Landi, Fiessi, Mozzoni, Mutti, Botta, Righetti, partecipando al gruppo “Arte in famiglia” e alla Bottega d'Arte di Dante Bravo, collabora con la scuola superiore di Arte cristiana “Beato Angelico” di Milano.

La sua attività spazia dall'affresco al ritratto al paesaggio. A questo periodo risalgono la Pala d'altare raffigurante la Madonna del Santo Rosario nella Basilica di Sant'Eufemia a Milano, gli affreschi nella Basilica di San Calimero e quelli raffiguranti angeli nella cappella dei Caduti nella Chiesa della S.S. Trinità, sempre a Milano.

Nel 1924 Vittorio Trainini lo vuole con sé, insieme ad altri artisti del gruppo, nel ciclo di affreschi nella Chiesa del Buon Pastore a Villa S. Filippo a Brescia.

Di indole sentimentale si ritira nel 1927, dopo il matrimonio con Margherita Milanesio, appassionata di musica e sua ispiratrice in numerosi studi e dipinti, a Gardone Riviera sul Lago di Garda, da dove non si allontana più, se non per brevi periodi di soggiorno estivo nella zona di Ponte di Legno.

Nel 1946 figura Presidente del comitato promotore della “Fraglia Artistica del Benaco” di cui faranno parte il pittore Gregorio Sciltian, gli architetti Giancarlo Maroni e Paolo Besana e il musicista Nando Benvenuti.

Ingresso al Vittoriale degli Italiani, olio su tavola (anno 1938)
Il Vittoriale degli Italiani Piazzetta Dalmata lo Schifamondo, olio su tavola (anno 1938)

Ha fissato nelle tele aspetti della campagna piemontese (raccolta Bravi), della montagna della zona di Ponte di Legno, ma soprattutto si è dedicato instancabilmente a ritrarre l'amato lago di Garda. Ha illustrato il Vittoriale degli Italiani in una serie di quadretti (1938), donati per volontà del figlio Antonio alla Comunità di Gardone Riviera nel giugno 2014. Tali opere sono esposte presso la sala di ingresso principale del palazzo Comunale di Gardone. Come ritrattista ha raffigurato con il suo pennello non solo persone eminenti italiane e straniere, ma anche modestissime figure di Gardone e della Riviera.

Del suo impegno anche nell'arte sacra sono testimonianza, oltre gli affreschi citati, una Via Crucis, una Crocifissione ed una Pietà, nella Chiesa parrocchiale di San Nicolò di Gardone sopra e nella Chiesa di Gardone basso. Le sue opere sono custodite dalla famiglia. Muore il 31 dicembre 1962.

« Fu con la morte di Gabriele D’Annunzio (1938) che Augusto Lozzia sentì la necessità di completare il proprio ciclo iconografico gardesano – per il quale si era fatto un nome – con le immagini Vittoriali: una decina di pezzi in cui non tanto cercò di cogliere l’esattezza delle architetture maroniane, quanto piuttosto l’atmosfera e le luci mediterranee. Queste opere costituiscono una sintesi del viaggio nel colore di Augusto Lozzia alle cui estremità troviamo le suggestioni della macchia e i silenzi dechirichiani... »

(Dalla presentazione della mostra:"Il Vittoriale e il Garda di Augusto Lozzia" a cura di Attilio Mazza – Museo del Vittoriale 1988)

La scuola elementare di Gardone Riviera è a lui intitolata.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • «La Sentinella bresciana», 22 luglio 1914, Alla Scuola Moretto.
  • «La Sentinella bresciana», 18 gennaio 1915, Distribuzione dei premi agli alunni della Scuola Moretto.
  • «La Sentinella bresciana», 14 maggio 1916, Esposizione d'arte moderna.
  • T. BIANCHI, La mostra lotteria nel Ridotto del teatro Grande, «La Provincia di Brescia», 26 novembre 1916.
  • «Mostra d'arte in Famiglia», Brescia, giugno 1919, Catalogo.
  • «La Sentinella bresciana», 15 e 30 gennaio 192 1, Tra quadri e artisti.
  • G. BAGNI, La II mostra degli Amatori dell'arte, «La Provincia di Brescia», 22 settembre 1921.
  • «La Provincia di Brescia», 6 maggio 1924, Artisti bresciani alla regionale di Cremona.
  • «Laboremus», N.S., ottobre 1925, Ed. Artigianelli, Milano, 1925.
  • N.F. VICARI, A. Lozzia, uno spirito che si cerca, «Il Popolo di Brescia», 6 marzo 1926.
  • N.F.Vicari, L'esito del concorso della Bottega d'arte; «Il Popolo di Brescia», 22 maggio 1927.
  • «Il Popolo di Brescia», 24 aprile 1928, Prima mostra triennale d'arte bresciana.
  • «I Mostra triennale d'arte», Brescia, maggio 1928.
  • N.F.Vicari, Altre opere alla Triennale d'arte, «Il Popolo di Brescia», 31 maggio 1928.
  • N.F. VICARI, La prima Triennale d'arte bresciana, «Brescia», a. 1, n. 1, novembre 1928.
  • E. P., A. Lozzia alla Galleria Campana, foglio non identif., 27 gennaio 1934.
  • «I Mostra del sindacato», Brescia, 1934. Catalogo.
  • P. FEROLDI, Esame dei valori alla sindacale d'arte, «Il Popolo di Brescia», 23 dicembre 1934.
  • P. FEROLDI, Seconda sindacale provinciale, «Arengo», a. Vlll, n. 1, gennaio 1935.
  • E.Pasini, Vernice agli Indipendenti, «Il Popolo», 2 dicembre 1947.
  • «L'Araldo delle arti», dicembre 1947,
  • Gli artisti indipendenti di Brescia. G. VALZELLI, I Profeti e la turba.... «Bruttanome», Vol. I (1962).
  • «Giornale di Brescia», 4 gennaio 1963, Necrologio. «Storia di Brescia», Vol. IV, p. 970.
  • A.M. COMANDUCCI, «Dizionario dei pittori italiani», Ed. IV, (1972).
  • Mostra - Gardone Riviera - Museo del Vittoriale - Antologica "Il Vittoriale e il Garda di Augusto Lozzia" rassegna presentata da Attilio Mazza - giugno 1988.
  • Mostra - Gardone Riviera Villa Alba e Chiesa San Nicolò 16 – 26 settembre 1988 – Libretto mostra con commento alle opere e profilo critico a cura di Guido Sella. Tipolitografia Artigiana Brescia.
  • A B Atlante Bresciano, autunno 1989 nr. 20 a cura di Ugo Spini.
  • Mostra - "Il Garda nella pittura europea tra Ottocento e Novecento" Gardone Riviera Villa Alba 15 luglio - 25 agosto 1994 - due opere esposte. Relativa pubblicazione Electa, 1994.
  • Samarcanda 2014 - Montichiari BS.
  • Evento "Un Moto d'Arte, d'epoca e Sport" esposizione nella hall dell'Hotel Vittoria a Brescia e nei negozi del centro storico dal 20 febbraio 2014 al 6 aprile 2014. Sabato 5 aprile esposizione di opere nella piazza del Vittoriale degli Italiani a Gardone Riviera. Il 6 aprile asta di beneficenza presso Hotel Vittoria Brescia di cui parte del ricavato è stato donato all' ASD Active Sport Disabili. Presentazione delle opere a cura della Dott.ssa Annalisa Ghirardi.
  • Dal 2014 esposizione permanente di 10 opere raffiguranti il Vittoriale degli Italiani presso le sale del Palazzo Comunale di Gardone Rivera.
  • Mostra "Caleidoscopio d'arte. Lo specchio della realtà" presso Civica Raccolta d'Arte - Torre Civica Medole (MN) Dal 25 gennaio al 15 marzo 2015 - tre opere esposte.
  • Mostra "L'Arte Bella" Il figurativo del Novecento nelle collezioni private - Civica Raccolta d'Arte - Torre Civica Medole (MN) dal 31 luglio al 3 ottobre 2016 - due opere esposte e a catalogo.
  • Dal 2016 due opere esposte alla permanente presso l'Esposizione della Civica Raccolta d'Arte Torre Civica di Medole (MN)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]