At Last!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
At Last!
Artista Etta James
Tipo album Studio
Pubblicazione 15 novembre 1960
pubblicato negli Stati Uniti
Durata 28:51 (LP)
40:28 (CD del 1999)
Dischi 1 / 1
Tracce 10 / 14
Genere Blues[1]
Rhythm and blues[1]
Soul[1]
Etichetta Argo Records (LP-4003)
MCA Records (CHD-12017)
Produttore Leonard Chess e Phil Chess
Arrangiamenti Riley Hampton
Registrazione Chicago; gennaio-ottobre 1960
Formati LP / CD
Etta James - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1961)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 5/5 stelle[2]
Pitchfork 9/10 stelle[3]
The New Rolling Stone Album Guide 4/5 stelle[4]
Sputnikmusic 5.0 (Classic)[5]
Dizionario del Pop-Rock 4/5 stelle[6]
24.000 dischi 2/5 stelle[7]

At Last! è l'album di debutto della cantante statunitense Etta James, pubblicato nel novembre del 1960[8][9] dall'etichetta discografica Argo. L'album è stato inserito alla 119a posizione dei 500 album migliori di tutti i tempi secondo Rolling Stone Magazine.[10]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Anything to Say You're Mine – 2:35 (Sonny Thompson) – Registrato nel settembre del 1960
  2. My Dearest Darling – 3:01 (Eddie Bocage, Paul Gayten) – Registrato nel maggio del 1960
  3. Trust in Me – 3:08 (Milton Ager, Jean Schwartz, Ned Weaver) – Registrato nell'ottobre del 1960
  4. Sunday Kind of Love – 3:15 (Louis Prima, Barbara Belle, Anita Leonard, Stan Rhodes) – Registrato nell'ottobre del 1960
  5. Tough Mary – 2:24 (C. Uto (Lorenzo Manley)) – Registrato nel gennaio del 1960
Lato B
  1. I Just Want to Make Love to You – 3:03 (Willie Dixon) – Registrato nel maggio del 1960
  2. At Last – 3:00 (Mack Gordon, Harry Warren) – Registrato nell'ottobre del 1960
  3. All I Could Do Was Cry – 2:57 (Billy Davis, Gwen Fuqua, Berry Gordy, Jr.) – Registrato nel gennaio del 1960
  4. Stormy Weather – 3:07 (Harold Arlen, Ted Koehler) – Registrato nell'ottobre del 1960
  5. Girl of My Dreams (Rendered as Boy of My Dreams) – 2:21 (Charles Clapp) – Registrato nel gennaio del 1960

[11]

Edizione CD del 1999, pubblicato dalla MCA Records (CHD-12017)
  1. Anything to Say You're Mine – 2:37 (Sonny Thompson)
  2. My Dearest Darling – 3:05 (Eddie Bocage, Paul Gayten)
  3. Trust in Me – 3:01 (Milton Ager, Jean Schwartz, Ned Weaver)
  4. Sunday Kind of Love – 3:19 (Louis Prima, Barbara Belle, Anita Leonard, Stan Rhodes)
  5. Tough Mary – 2:28 (Lorenzo Manley)
  6. I Just Want to Make Love to You – 3:09 (Willie Dixon)
  7. At Last – 3:02 (Mack Gordon, Harry Warren)
  8. All I Could Do Is Cry – 2:58 (Billy Davis, Gwen Fuqua, Berry Gordy, Jr.)
  9. Stormy Weather – 3:11 (Harold Arlen, Ted Koehler)
  10. Girl of My Dreams (Rendered as Boy of My Dreams) – 2:25 (Sunny Clapp)
  11. My Heart Cries – 2:37 (Etta James, Harvey Fuqua) – Bonus Track - Registrato nel maggio 1960
  12. Spoonful – 2:51 (Willie Dixon) – Bonus Track - Registrato nel settembre 1960
  13. It's a Crying Shame – 2:55 (Etta James, Harvey Fuqua) – Bonus Track - Previously Unreleased on LP - Registrato nel settembre 1960
  14. If I Can't Have You – 2:50 (Etta James, Harvey Fuqua) – Bonus Track - Registrato nel maggio 1960

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Etta James - voce solista
  • Harvey Fuqua - voce (in duetto) (brani: My Heart Cries, Spoonful, It's a Crying Shame e If I Can't Have You)
  • Riley Hampton - arrangiamenti, conduttore orchestra
  • Riley Hampton Orchestra (membri dell'orchestra non accreditati)
  • Leonard Chess e Phil Chess - produttori (originali su LP)
  • Andy McKaie - produttore riedizione su CD
  • Don Brownstein - design copertina originale album
  • Vartan - art direction (riedizione CD)
  • Mike Diehl - design (riedizione CD)[12]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2012, in seguito alla scomparsa dell'artista, l'album è rientrato in classifica nella Billboard 200.

Classifica (2012) Posizione
massima
Stati Uniti[13] 96

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Etta James - At Last!, Allmusic. URL consultato il 21 giugno 2012.
  2. ^ (EN) Stephen Cook, At Last!, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 22 giugno 2017.
  3. ^ [1]
  4. ^ da The New Rolling Stone Album Guide di Nathan Brackett with David Hoard, pagina 418
  5. ^ [2]
  6. ^ da Dizionario del Pop-Rock di Enzo Gentile & Alberto Tonti, Ed. Baldini & Castoldi, pagina 510
  7. ^ da 24.000 dischi di Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, Zelig Editore, pagina 481
  8. ^ [3]
  9. ^ data pubblicazione LP originale citata anche nelle note all'interno del libretto CD pubblicato nel 1999 dalla MCA Records
  10. ^ (EN) 500 Greatest Albums of All Time, Rolling Stone. URL consultato il 21 giugno 2012.
  11. ^ Titoli, autori e durata brani ricavati dalle note di retrocopertina dell'album originale pubblicato dalla Argo Records, LP 4003
  12. ^ Note di copertina di At Last!, Etta James, MCA Records CHD-12017, 1999.
  13. ^ (EN) At Last! Chart History, Billboard. URL consultato il 21 giugno 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) At Last!, su Discogs, Zink Media. Modifica su Wikidata
  • (EN) At Last!, su MusicBrainz, MetaBrainz Foundation. Modifica su Wikidata
  • (EN) At Last!, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 22 giugno 2017. (LP originale - Titoli, autori e durata brani - Altro)
  • (EN) At Last!, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 22 giugno 2017. (CD con bonus - Titoli, autori e durata brani - Altro)
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica