Astrattisti comaschi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gli astrattisti comaschi furono un gruppo artistico italiano, nato nei primi anni trenta del XX secolo attorno alle figure dei pittori Manlio Rho e Mario Radice e che incluse artisti come Aldo Galli, Carla Badiali, Carla Prina.

Influenzati dalla lezione degli architetti Antonio Sant'Elia e Giuseppe Terragni nonché dalla visione delle prime mostre italiane di Kandinsky e dai testi della Bauhaus, il gruppo rappresentò la più omogenea trasposizione in Italia delle avanguardie astratte che erano fiorite in quegli anni in Europa a partire dal Suprematismo russo fino al movimento De Stijl. Ancora un architetto, Alberto Sartoris fu il primo a sostenere criticamente il gruppo, che ormai è unanimemente considerato come uno dei movimenti fondamentali dell'avventura artistica del Novecento italiano. Fra i seguaci del movimento possiamo annoverare Alberto Cavalieri[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario Radice, "La mostra al Salotto di Alberto Cavalieri", su La Provincia del 18 gennaio 1973.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luigi Cavadini (a cura di), Astrattismo storico italiano: il caso Como, Civico museo Parisi Valle, 2001.
  • Alberto Sartoris, Luigi Cavadini, Alberto Longatti, Linee parallele: razionalismo e astrattismo a Como negli anni Trenta, 1992.
  • Giovanni Anzani, I maestri dell'astrattismo comasco: opere dei Musei civici di Como, Musei civici di Como, 1990.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Pittura Portale Pittura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Pittura