Astragalo (anatomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Astragalo
Talus bone 04 anterolateral view.png
L'astragalo evidenziato nell'articolazione della caviglia
Gray273.png
Visione laterale dell'astragalo
Anatomia del Gray subject #63 263
Sistema Sistema scheletrico
Tipo Osso breve
Ossa in contatto tibia, fibula superiormente; calcagno infero-lateralmente; osso navicolare anteriormente.
Articolazioni articolazioni tibio-tarsica, talo-calcaneale, mediotarsale dello Chopart:
MeSH Talus

L'astragalo, chiamato anche "talo" è un osso breve del piede situato nel tarso che si articola superiormente con la tibia e il perone, inferiormente col calcagno e anteriormente con il navicolare. Trasmette il peso del corpo sul piede[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'astragalo offre alla descrizione una testa di forma rotondeggiante, un corpo di forma cubica un ed un collo di forma cilindrica che li collega.

La testa dell'astragalo si presenta rivestita di cartilagine e costituisce la superficie articolare navicolare mediante la quale stabilisce una enartrosi con il navicolare.

Il corpo, di forma pressoché cubica, offre alla descrizione sei facce, delle quali quella anteriore si continua col collo dell'astragalo. La faccia superiore del corpo presenta il rilievo della troclea astragalica, superficie articolare mediante la quale l'astragalo prende rapporto con la tibia nell'articolazione tibio-astragalica o tarso-tibiale. Tale superficie articolare si continua sulle superfici mediale e laterale del corpo nelle superfici articolari malleolari dell'astragalo che si articolano col malleolo mediale della tibia ed il malleolo laterale del perone. Inoltre dalla superficie laterale del corpo dell'astragalo, al di sotto della superficie articolare malleolare laterale, si prolunga lateralmente il processo laterale dell'astragalo. Dalla superficie posteriore invece si prolunga il processo posteriore dell'astragalo. Tale processo, scavato nel mezzo dal solco del muscolo flessore lungo dell'alluce, è suddiviso in due rilievi detti tubercoli posteriori dell'astragalo e distinti in mediale e laterale.

La superficie inferiore del corpo si caratterizza infine per la presenza della superficie articolare calcaneare posteriore dell'astragalo. Tale superficie articolare è divisa dalla superficie articolare calcaneare anteriore, situata sulla superficie inferiore del collo dell'astragalo, dal solco dell'astragalo. Questo, assieme all'omologo solco talare situato sulla superficie superiore del calcagno, forma il seno del tarso.

Patologia[modifica | modifica wikitesto]

In caso di frattura, l'astragalo può essere colpito da necrosi asettica: l'osso non ricevendo più l'adeguato flusso di sangue, viene visto, agli occhi di una comune radiografia, come "morto". Per ristabilizzare la circolazione, può essere tentata la strada dell'ossigenoterapia in camera iperbarica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Anastasi, Capitani et al. Trattato di Anatomia Umana, Edi ermes, 2012; pagina 232

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Anastasi, Capitani et al. Trattato di Anatomia Umana, Edi-ermes, 2012

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4182598-6