Associazione delle biblioteche austriache

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Associazione delle biblioteche austriache
Österreichische Bibliothekenverbund und Service GmbH
Abbreviazione OBVSG
Tipo Società a responsabilità limitata
Fondazione 2002
Scopo mettere a disposizione servizi e soluzioni informatiche per la gestione delle biblioteche e per la ricerca delle informazioni
Sede centrale Austria Vienna
Area di azione Austria
Amministratore Austria Wolfgang Hamedinger
Lingua ufficiale tedesco
Membri 80 (2015)
Impiegati 25 (2015)
Sito web 

L'Associazione delle biblioteche austriache (Österreichische Bibliothekenverbund, OBV) ha come scopo la collaborazione per la catalogazione ed i servizi di oltre 80 biblioteche universitarie e pubbliche aventi sede in Austria. Il numero delle istituzioni che ne fanno parte è suscettibile di variazioni, in quanto l'Associazione consente e promuove nuove adesioni.

Il posseduto delle biblioteche è ricercabile in un catalogo collettivo online nel quale sono stati riversati anche i titoli di monografie e di periodici presenti su cataloghi preesistenti, appartenenti ad altre 310 istituzioni.[1]

Fra i membri sono comprese le biblioteche dell'Università di Vienna, dell'Università tecnica di Vienna, del Politecnico di Graz e dell'Università di Innsbruck.[2]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Le attività principali dell'Associazione sono relative alla gestione della collaborazione, all'amministrazione del sistema ed alla manutenzione del software. In particolare vengono implementati formati, standard ed archivi di dati, fra i quali lo Z39.50[3] ed il Gemeinsame Normdatei (GND).[4]

Sul sito web dell'Associazione vengono inoltre pubblicati articoli di letteratura professionale.[5]

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'Associazione nasce all'interno di un progetto ideato nel 1974 per la Biblioteca nazionale austriaca e confluito quale gruppo di lavoro per l'automazione delle biblioteche (Arbeitsgruppe Bibliotheksautomation, AGBA) nel ministero della scienza, della ricerca e dell'arte (Bundesministerium für Wissenschaft, Forschung und Kunst).

Nel 2002 il gruppo di lavoro, già distaccatosi dalla Biblioteca nazionale austriaca, si dota di un proprio regolamento[6] e della denominazione Österreichische Bibliothekenverbund und Service Gesellschaft m. b. H.[7]

Dall'inizio del 1999 la catalogazione in rete, effettuata a partire dal 1988, diventa collaborativa attraverso il sistema integrato Aleph 500, che insieme al suo derivato Alephino, utilizzato dal 2004, ha consentito di riunire tutti i cataloghi preesistenti in un unico catalogo collettivo informatizzato,[8] nel quale viene man mano riversato anche il pregresso.[1]

Struttura organizzativa[modifica | modifica wikitesto]

L'Associazione è gestita da un amministratore e da un gruppo di dirigenti, affiancati da supervisori, coordinatori, programmatori e tecnici. Nel 2015 impiega circa 25 dipendenti.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Fondazione.
  2. ^ Membri.
  3. ^ Mission.
  4. ^ GND.
  5. ^ Sito web.
  6. ^ Regolamento.
  7. ^ Storia.
  8. ^ OPAC.
  9. ^ Persone.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: (EN151959534 · GND: (DE2127466-6