Askos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Un askos greco-attico insolitamente grande al Louvre.
Askos etrusco a forma di gallo, IV secolo a.C., Metropolitan Museum of Art, New York

L'askos o asco[1][2][3][4] (greco antico - tubo; plurale - askoi) è un'antica forma vascolare greca usata per versare piccole quantità di liquidi oleosi, utilizzata come unguentario o per riempire le lampade ad olio. Il nome col quale in epoca moderna si designa tale forma è convenzionale, esso era originariamente usato per gli otri da vino in pelle d'animale[5], come se ne vedono spesso sulle rappresentazioni vascolari a tema dionisiaco, e viene usato in epoca moderna per designare questa forma vascolare in base alla somiglianza morfologica.

L'uso è diffuso in Grecia e in Italia già in epoca preistorica e perdurante fino al periodo classico ed ellenistico.

Una tipologia di askos ha la forma piatta e tonda, più larga che alta, e per un tubo (collo) con beccuccio, impostato a una o a entrambe le estremità, collegato all'ansa leggermente arcuata che si estende lungo tutta la parte superiore, da un beccuccio all'altro o da un'estremità del corpo al beccuccio sull'estremità opposta. La caratteristica forma del collo lo rende adatto a trattenere la fuoriuscita dei liquidi oleosi. Sono in genere variamente ornati con decorazioni geometriche e figurate, frequenti sia a figure rosse, sia a vernice nera.

Ne esistono varianti plastiche zoomorfe o antropomorfe bifronti di stile teatrale, realizzate in ceramica od in bronzo. Di questa tipologiA un esemplare è conservato nei Musei Vaticani, ricorda le maschere del Teatro Kabuki tradizionale giapponese. una variante di dimensioni maggiori e con corpo profondo a forma di uccello è frequente nella ceramica italiota, e in quella apula in particolare; gli askoi canosini, ancora più grandi, derivano da una tipologia indigena presente nella ceramica daunia.

Altri particolari esemplari provengono dal territorio di Crotone: si tratta di un askos in bronzo datato al 540-530 a.C. proveniente dalla chora meridionale di Kroton in territorio di Cutro, e di un secondo askos in bronzo, proveniente dalla loc. Murge di Strongoli, entrambi di raffinata fattura e raffiguranti delle sirene, le figure mitologico-religiose greche dal corpo di uccello e la testa di donna; l'impugnatura è un kouros (giovane) portato sulle spalle della sirena, e rappresenta un defunto trasportato dalla sirena; provengono infatti da contesti funerari a corredo di tombe: si pensava infatti che le sirene stazionavano alle porte degli Inferi con il compito di consolare le anime dei defunti con il loro dolce canto e di accompagnarle nell'Ade[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ asco, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 2 maggio 2020.
  2. ^ asco, in Grande dizionario italiano di Aldo Gabrielli, Hoepli, 2015. URL consultato il 2 maggio 2020. Ospitato su grandidizionari.it.
  3. ^ asco, in Nuovo De Mauro – Vocabolario online della lingua italiana. URL consultato il 2 maggio 2020. Ospitato su dizionario.internazionale.it.
  4. ^ asco, in Dizionario Italiano Olivetti. URL consultato il 2 maggio 2020.
  5. ^ Askos - The Classical Art Research Centre and The Beazley Archive, su web.archive.org, 21 dicembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2021 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2015).
  6. ^ Gruppo Archeologico Krotoniate, L’askos a forma di sirena rinvenuto a Murgie di Strongoli è tornato a Crotone, in Gruppo Archeologico Krotoniate, 1º dicembre 2009. URL consultato il 17 novembre 2021.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Robert Manuel Cook, Greek Painted Pottery, London ; New York, Routledge, 1997, pp. 222-223, ISBN 0-415-13860-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • The Perseus Project, Askos, su Perseus Encyclopedia. URL consultato il 10 agosto 2012.
  • The Beazley Archive, Askos, su cvaonline.org. URL consultato il 10 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2015).
  Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia