Arturo Nathan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Arturo Nathan (Trieste, 17 dicembre 1891Biberach an der Riß, 25 novembre 1944) è stato un pittore italiano di origine ebraica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il ghiaccio del mare, 1928

Iniziò come autodidatta, ma la sua formazione come pittore si colloca nel clima romano degli anni '20, in contatto con il substrato mitteleuropeo della pittura di Giorgio de Chirico e Alfredo Savini; di questo periodo sonoi suoi primi autoritratti e i manichini. L'elemento metafisico sarà la base dello sviluppo artistico di Nathan, dove conviveranno atmosfere magiche tra elementi naturali e visioni museali.

Fu inviato al confino prima a Offida (AP), poi a Falerone (AP) dove fu arrestato. Quindi fu internato nel settembre 1943 nel campo di prigionia di Carpi e l'anno seguente fu deportato in Germania, prima nel campo di concentramento di Bergen-Belsen poi in quello di Biberach an der Riss, dove morì il 25 novembre 1944.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN35337502 · ISNI: (EN0000 0001 0779 637X · SBN: IT\ICCU\TO0V\035272 · LCCN: (ENn78061547 · GND: (DE122399684 · BNF: (FRcb16265402k (data) · NLA: (EN35891561 · BAV: ADV12122335