Arge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il distretto della Romania, vedi Distretto di Argeș.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il fiume romeno, vedi Argeș (fiume).
Arge
Nome orig.Ἄργης
SpecieCiclope
SessoMaschio

Arge (in greco antico: Ἄργης, Árgês) o Arges è un personaggio della mitologia greca, figlio di Urano (il cielo) e di Gea (la terra)[1].

Viene chiamato Piracmone da Virgilio[2] e Acmonide (in latino: Acmŏnĭdēs, -ae, lett. "figlio dell'incudine") da Ovidio nei Fasti[3].

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Esiodo era un ciclope ed aveva due fratelli (Sterope e Bronte), sapeva lavorare il ferro e costruire mura. Prestava all'inizio aiuto al dio Efesto nel preparare i fulmini di Zeus. In seguito Arge divenne una guardia di Zeus e sposò una ninfa ed ebbe dei figli che incontrarono Ulisse molti anni dopo.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Apollo voleva molto bene a suo figlio Asclepio e quando venne a sapere che Zeus lo aveva ucciso si volle vendicare uccidendo a sua volte i tre ciclopi e quindi Arge. Si racconta che la sua ombra vaga alle pendici del vulcano Etna.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Un minerale è stato dedicato a questo ciclope: l'acmonidesite.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Esiodo, Teogonia, 139 e 146 su theoi.com (In inglese)
  2. ^ Eneide 8, 425.
  3. ^ Fasti 4, 288.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Moderna[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca