Antonio de Guevara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio de Guevara (Treceño, 1481Mondoñedo, 1545) è stato uno scrittore e vescovo cattolico spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di origini nobili, fu paggio alla corte dei Re Cattolici, e poi divenne Francescano, pur continuando a frequentare la corte come esperto religioso. Nel 1529 Carlo V, che seguì in molti viaggi in Italia e in Europa, lo nominò vescovo di Guadix e successivamente assunse il ruolo di inquisitore di Toledo e Valenza, vescovo di Cadice. Oltre ad essere il cronista di Carlo V, fu autore de Il libro detto Orologio dei principi o Libro aureo dell'imperatore Marco Aurelio (1529), scritto di morale politica che riscosse grande fortuna in Europa e soprattutto in Inghilterra, dove ispirò la nascita dell’eufeismo[1]; Dispregio morale di corte ed elogio del villaggio (1539), incentrato sull'esaltazione della vita rurale e sulle critiche di quella cortigiana; Epistole familiari (1549), indirizzate a vari personaggi contemporanei.[2]

Di cultura medioevale, si lasciò influenzare dal Rinascimento solo per il gusto dello stile elegante e armonioso, che sfociò spesso, nei suoi scritti, in erudizione e pedanteria.[2]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Libro áureo de Marco Aurelio (Siviglia, 1528).
  • Reloj de príncipes (Valladolid, 1529).
  • Menosprecio de corte y alabanza de aldea (Valladolid, 1539).
  • Epístolas familiares (Valladolid, 1539 / 1541).
  • "Aviso de privados y doctrina de cortesanos” (Valladolid, 1539).
  • Una década de Césares, es a saber: Las vidas de diez emperadores romanos que imperaron en los tiempos del buen Marco Aurelio (Valladolid, 1539).
  • Arte del Marear y de los inventores de ella: con muchos avisos para los que navegan en ellas. (Valladolid 1539).
  • Aviso de privados y doctrina de cortesanos (Valladolid 1539).
  • Oratorio de religiosos y ejercicio de virtuosos (Valladolid, 1542).
  • Monte Calvario, prima e seconda parte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio de Guevara, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 6 ottobre 2015.
  2. ^ a b Le Muse, De Agostini, Novara, 1965, vol. 5 p. 429

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alborg, José Luis,Historia de la literatura española: Edad Media y Renacimiento. Seconda edizione, Madrid: Editorial Gredos, 1981: 726-734.
  • Castro, Américo, Hacia Cervantes. Terza edizione. Madrid: Taurus, 1967: 86-142.
  • Guevara, Antonio de, Libro aureo, in Revue Hispanique, Ed. R. Foulche-Delbosc, n. 169, t. 76 (1929): 6-319.
  • Guevara, Antonio de, Obras Completas, 2 vol. Ed. Emilio Blanco,. Madrid: Turner (Biblioteca Castro), 1994.
  • Lupher, David, Romans in a New World: Classical Models in Sixteenth-Century Spanish America, Ann Arbor: The University of Michigan Press, 2003, pp. 50–56.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio de Guevara, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
Controllo di autoritàVIAF: (EN20613 · ISNI: (EN0000 0001 1735 468X · LCCN: (ENn79144715 · GND: (DE118699032 · BNF: (FRcb119963360 (data) · BAV: ADV10008439
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie