Antonio Francesco Campana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Antonio Francesco Campana (Ferrara, 3 aprile 17512 maggio 1832) è stato un fisico e medico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver ricevuto un'educazione dai Gesuiti, segui corsi di medicina a Roma e a Padova diventando infine medico. Iniziò il suo lavoro all'ospedale di Firenze (il Santamaria) , studioso di chimica e fisica sperimentale, chiese la creazione di una nuova cattedra universitaria di cui lui stesso divenne il primo professore. Quando scoppiò la rivoluzione francese le università furono ridotte e Campana occupò più cattedre (botanica, agraria e chimica).

Curò il giardino botanico della città, inventò diversi meccanismi e macchine che lo aiutarono nello sviluppo della fisica sperimentale, salvò gli allevamenti del luogo da un'epidemia mortale. Il 4 maggio 1832, due giorni dopo la sua morte, fu dichiarato lutto cittadino

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Fra le sue numerose pubblicazioni che riguardavano medicina, botanica e fisica si ricordano:

  • Farmacopea Ferrarese (ebbe 16 edizioni)
  • Catalogus Planatarum Horti Botanici ferrarien 1812 (la prima edizione)
  • De Physicia 1816
  • Elementi di fisica campestre
  • Fisiologia animale delle piante
  • Lezioni di agricoltura
  • Fenomeni della rugiada
  • Osservazione sugli aratri

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emilio de Tipaldo, Biografia degli Italiani illustri nelle scienze: lettere ed arti del secolo XVIII. e de'contemporanei compilata da letterati Italiani di ogni provincia, 1834. fonte utilizzata per la prima revisione di questa voce

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN30319657 · ISNI: (EN0000 0000 6136 1636 · SBN: IT\ICCU\SBLV\081587 · LCCN: (ENn2003071313 · GND: (DE117669393 · BNF: (FRcb103887304 (data) · BAV: ADV10310690