Annali delle primavere e degli autunni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Confucius 02.png
Confucio
CINQUE CLASSICI
Libro dei mutamenti (Yìjīng)
Classico dei versi (Shījīng)
Classico dei documenti (Shūjīng)
Libro dei riti (Lǐjì)
Annali delle primavere e degli autunni (Chūnqiū o Línjīng)
QUATTRO LIBRI
Il grande studio (Dàxué)
Il giusto mezzo (Zhōngyōng)
Dialoghi (Lúnyǔ)
Il Mencio (Mèngzĭ)

Gli Annali delle primavere e degli autunni sono la cronaca ufficiale del Regno cinese Lu. Essa copre il periodo dal 722 a.C. al 481 a.C., definito appunto periodo delle primavere e degli autunni, ed è il più antico annale cinese. Il testo è estremamente conciso, e contiene circa 16.000 parole, ma non può essere ben compreso senza l'aiuto dei commentari, tra i quali è annoverata la Cronaca di Zuo.

La tradizione lo riteneva compilato da Confucio (come dice il confuciano Mencio), e perciò fu incluso nella lista dei Cinque classici della letteratura cinese, ma i moderni studiosi dubitano della sua paternità.

Contenuto e organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Il titolo di quest'opera presenta una metonimia per indicare l'anno intero e fu utilizzato anche dagli annali di altri regni cinesi dello stesso periodo, come testimoniato nel Mozi. Tuttavia questo è l'unico testo rimasto ai giorni nostri.

Gli eventi registrati nel libro sono limitati ad alcuni settori: l'accento è posto sulle relazioni feudali tra gli stati, sulle azioni militari e sui fatti riguardanti la famiglia reale; la cronaca annota anche cataclismi, visti come influenze divine sul mondo umano. La narrazione segue l'ordine cronologico, datati con l'anno di regno, la stagione, il mese e il giorno secondo il ciclo sessagesimale cinese. Tutte le stagioni sono elencate, anche quando non contengono eventi registrati. Lo stile è fortemente impersonale e non permette di risalire al suo autore.

Commentari[modifica | modifica sorgente]

A causa della concisione e della essenzialità di questo annale, fu composto un numero di commentari per favorire la sua comprensione e provvedere ad un suo ampliamento. Nel Libro degli Han vengono elencati questi quattro commentari:

  • Commentario di Zou (鄒氏傳)
  • Commentario di Jia (夾氏傳)
  • Commentario di Gongyang (公羊傳)
  • Commentario di Guliang (榖梁傳)
  • Commentario di Zuo (左氏傳)

I primi due sono scomparsi; gli altri due furono scritti nel II secolo a.C., ma riportano informazioni maturate nel periodo dei regni combattenti, e sono formulati in domande e risposte. Il Commentario di Zuo è il più famoso e completo, benché alcuni studiosi dubitano che sia nato veramente come commentario agli Annali delle primavere e degli autunni.