Angina tonsillare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Per angina tonsillare (dolore soffocante delle tonsille) in campo medico, si intende un processo infiammatorio delle tonsille di tipologia acuta, che di prassi comune viene associata alla patologia propria della faringite in maniera impropria.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Colpisce prevalentemente i bambini in età scolastica e meno comunemente si esprime negli adulti.

Tipologia[modifica | modifica wikitesto]

Esisteva una vecchia distinzione delle angine (bianche e rosse a seconda dell'eziologia se batterica o virale), ormai ritenuta inutile anche perché possono facilmente trasformarsi velocemente da rosse a bianche.

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

I sintomi e i segni clinici presentatati sono vari e comprendono: disfagia, odinofagia, febbre, comparsa di ascessi.

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente i virus quali gli adenovirus, virus ECHO, virus parafluenzali, ecc, possono alterare i batteri presenti nella faringe e quindi causare un'infezione da batteri e provocare l'angina. Insorge spesso durante un periodo influenzale come complicanza, grazie ai batteri streptococchi, stafilococchi, pneumococchi e Neisseria.

Esami[modifica | modifica wikitesto]

Gli esami vengono effettuati per differenziarla dalle altre forme di tonsillite:

  • Esame ematochimico, dal quale si rileva aumento di VES e leucocitosi neutrofila.
  • Esame di coltura batterica per le forme più persistenti ed una più esatta diagnosi.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

La terapia consiste nella somministrazione di antibiotici quali penicillina e cefalosporine solo in caso di origine batterica ovviamente. Il trattamento chirurgico specifico (la tonsillectomia) viene indicato soltanto per le forme con più alta frequenza degli episodi.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Antonio Quaranta, Fiorella Raffaella, Manuale di otorinolaringoiatria, Milano, McGraw-Hill, 1998, ISBN 88-386-2346-5.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina