Angelo da Furci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beato Angelo da Furci
Religioso
Nascita 1246
Morte 1327
Venerato da Chiesa cattolica
Beatificazione Papa Leone XIII, 20 dicembre 1888
Santuario principale Furci, santuario del beato Angelo
Ricorrenza 6 febbraio
Patrono di Furci

Angelo da Furci (Furci, 1246Napoli, 6 febbraio 1327) è stato un religioso italiano.

Membro dell'ordine agostiniano, di cui fu anche priore provinciale per Napoli, è venerato come beato dalla Chiesa cattolica che ne celebra la memoria liturgica il 6 febbraio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrò tra gli agostiniani del convento di Vasto nel 1266 e venne ordinato sacerdote: soggiornò per cinque anni a Parigi, dove ebbe modo di studiare teologia presso la Sorbona. Tornato in Italia, insegnò presso numerosi conventi dell'Ordine e venne infine assegnato allo Studio Generale degli Agostiniani a Napoli; fu priore della Provincia napoletana degli agostiniani dal 1287.

Papa Niccolò IV intendeva elevarlo all'episcopato, ma Angelo rinunciò, per umiltà, sia alla carica di vescovo di Melfi che, in seguito, a quella di vescovo di Acerra.

Morì nel 1327 presso il convento di Sant'Agostino alla Zecca a Napoli, dove venne sepolto.

Fu un celebre teologo ed omileta, ma il suo commento al Vangelo di Matteo e la sua raccolta di sermoni non sono pervenuti ai nostri tempi.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

Acclamato santo alla morte, venne aggregato ai compatroni di Napoli, dove veniva commemorato in due feste (il 6 febbraio e il 13 settembre): nell'agosto 1808 il suo corpo fu traslato a Furci, dov'è ancora sepolto nel santuario a lui intitolato.

Papa Leone XIII ne approvò il culto il 20 dicembre 1888: il Martirologio Romano fissa per la sua memoria liturgica la data del 6 febbraio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Lanza, Vita del beato Angelo da Furci sacerdote professo dell'Ordine eremitano di S. Agostino, Roma, 1889
  • Lorenzo Pauluzzi, Vita del Beato Angelo da Furci, Chieti, 1936