Alternative country

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alternative country
Origini stilistiche Country
Folk
Blues
In alcuni casi:
Rock & roll
Rockabilly
Punk rock
Power pop
Indie rock
Origini culturali Stati Uniti d'America, fine anni settanta
Strumenti tipici chitarra acustica
chitarra resofonica
chitarra elettrica
banjo
mandolino
violino
contrabbasso
Popolarità 1990 – presente
Generi correlati
Rockabilly
Bluegrass
Country rock
Country blues
Categorie correlate

Gruppi musicali alternative country · Musicisti alternative country · Album alternative country · EP alternative country · Singoli alternative country · Album video alternative country

Con l'espressione alternative country (o alt-country) si designa un insieme di sottogeneri della musica country che tendono a distinguersi dal country più commerciale e vicino al pop[1].

Nel corso della sua evoluzione, la musica alternative country ha assorbito influenze provenienti da rock & roll, rockabilly, roots rock, bluegrass, honky tonk e punk rock.

L'album No Depression degli Uncle Tupelo del 1990 viene considerato da molti come il primo album del genere.

Fra gli artisti più importanti di alternative country figurano Shannon McNally, Wilco, The Jayhawks, Golden Smog, The Notting Hillbillies, Whiskeytown, Calexico, Lambchop, Richmond Fontaine, Lucinda Williams, Bottle Rockets, Ryan Adams, Son Volt, Steve Earle, The Handsome Family e Cowboy Junkies.


Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Maurizio Faulisi, Alternative country. URL consultato il 25-11-2009.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica