Alexandre Breffort

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alexandre Breffort (Fourchambault, 2 novembre 1901Parigi, 22 febbraio 1971) è stato un giornalista, scrittore e drammaturgo francese.

Origini e percorso[modifica | modifica wikitesto]

Il percorso di Alexandre Breffort è caotico e pittoresco; originario di Nièvre, viene espulso dalla scuola comunale di Évry. Prosegue i corsi a "l'École Boulle", che in seguito abbandonerà per andare alla scuole di arte e mestieri, diventa impiegato in una fabbrica di componenti elettriche, a Orléans correttore di stampa, e fotografo a Parigi.

Dopo il compimento dei vent'anni, è scaricatore di chiatte sulla Senna, (scaricatore di camion Halles), rappresentante di macchine da scrivere, venditore di stoffe, impiegato in un ufficio assicurativo, tassista (per cinque anni racconterà in modo ironico la sua esperienza in "Mon taxi et moi" "Il mio taxi ed io") egli racconta "Jo-les-Yeux-Sales" (ho gli occhi in vendita), riprende la giustizia con la quale si unisce al "batouse" illegale processo di vendita.

L'anatra incatenata[modifica | modifica wikitesto]

Viene ingaggiato come redattore a Le Canard enchaîné nel 1934, dopo aver inviato una risposta al poema, Pierre Châtelain-Tailhade. L'assunzione di un redattore senza alcuna esperienza è un avvenimento raro all'interno del giornale. Dopo la Seconda guerra mondiale, ha trovato la redazione del giornale. Il suo umorismo e il suo talento per il gioco di parole rapidamente divennero proverbiali.

Commedie musicali[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1960, Marguerite Monnot, compositrice di Édith Piaf, tornerà al musical, dopo tante esitazioni, prima di scrivere la musica di, "Irma la douce ", (Irma la dolce), il cui libretto è basato su un breve pezzo di Alexander Breffort " Aringa terribile" svolto da Michel Roux e Guy Pierraud, in una discoteca in Avenue de l'Opéra, vicino l'opera,.

La seconda Guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Pacifista, si imbarca per Oslo, per accompagnare un suo amico, Roger Monclin, amministratore de La Patrie humaine Furono respinti dai norvegesi in prossimità di Stoccolma dove rimasero alcuni mesi, egli continua a inviare i suoi documenti a Merle Blanc, che era ricomparso nel marzo 1939. Fino al Trattato di armistizio. Nel maggio del 1941 ritorna a Parigi senza Roger Monclin, che ha rifiutato di tornare, a causa dei suoi legami con la Spagna anarchica. Nel marzo 1942, è stato arrestato per evasione progetto, sarà fermo per 4 mesi.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dieu est un vieux monsieur qui adore se faire prier.
  • Quand Dieu a pétri la Terre de ses mains sacrées, il a fait une belle boulette.
  • Une partouze, c'est l'amour avec un grand tas.
  • Je suis gelé, dit le grand-père Zig, mettez donc une bûche dans le radiateur. (Les contes du Grand-père Zig)
  • Quand je vois quelqu'un qui veut faire mon bonheur, je passe sur le trottoir d'en face.
Controllo di autoritàVIAF (EN71387935 · ISNI (EN0000 0000 6642 0666 · LCCN (ENn86856546 · BNF (FRcb11893863c (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie