Aleksander Wolszczan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aleksander Wolszczan

Aleksander Wolszczan (Szczecinek, 29 aprile 1946) è un astronomo polacco. È lo scopritore dei primi due pianeti extrasolari e pianeti delle pulsar confermati.

Carriera scientifica[modifica | modifica wikitesto]

Wolszczan ha studiato in Polonia, ha conseguito il Ph.D. nel 1975 presso l'Università Niccolò Copernico di Toruń.
Nel 1982 si è trasferito negli Stati Uniti per lavorare alla Cornell University e all'Università di Princeton. In seguito è diventato docente di astronomia alla Pennsylvania State University.
Dal 1994 al 2008 ha insegnato anche all'Università Nicolò Copernico di Toruń.
È membro dell'Accademia Polacca delle Scienze e dell'Unione Astronomica Internazionale (IAU) [1]-

Nel 1990, insieme a Dale Frail, ha scoperto la pulsar PSR B1257+12, due anni dopo i due astronomi hanno scoperto che attorno a quella pulsar orbitavano 2 pianeti. Le loro orbite erano rispettivamente a 0,36 e 0,47 unità astronomiche dalla stella. Questa è stata la prima scoperta confermata di pianeti al di fuori del nostro sistema solare.

Nel 2003 Wolszczan e Maciej Konacki hanno calcolato l'inclinazione orbitale dei due pianeti scoperti, stabilendo che la massa dei due pianeti è circa 3,9 e 4,3 masse terrestri.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1996 ha ricevuto il Premio Beatrice M. Tinsley assegnato dall'American Astronomical Society [2].

Nel 1996 gli è stato assegnato il Casimir Funk Natural Science Award [3].

Nel 1997 è stato insignito della Croce di Commendatore dell'Ordine della Polonia Restituta (Krzyzem Komandorskim Orderu Odrodzenia Polski) [4].

Nel 2002 è stato rappresentato su un francobollo polacco.[5].

Nel 2012 ha ricevuto la Medaglia d'oro Frombork [6].

Nel 2020 gli è stata assegnata la Medaglia Bohdan Paczynski [7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN165628036 · ISNI (EN0000 0001 1340 9321 · LCCN (ENno2009128073 · BNF (FRcb137744249 (data) · WorldCat Identities (ENviaf-165628036