Aldo Pasetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Aldo Pasetti (Milano, 15 luglio 19031975[1]) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Aldo Pasetti entrò nel giornalismo all'età di diciannove anni; lavorò come inviato speciale per L'Ambrosiano, Il Popolo d'Italia, Oggi e Settimo giorno.

Durante la seconda guerra mondiale fu corrispondente di guerra imbarcato sulle navi della marina militare; sulle esperienze di guerra vissute incentrò un romanzo, Omega 9, con cui si classificò secondo al Premio Bancarella.[2]

All'attività giornalistica alternò quella di scrittore: pubblicò altri titoli, come Realtà e leggenda, Breve storia della navigazione, Il generale Fara, e collaborò con racconti a giornali e riviste, come Corriere di Milano, Corriere Lombardo, Epoca[3], Domenica del Corriere e Corriere dei Piccoli.[4]

Nel 1938 una visita al Vittoriale degli Italiani, in occasione dei funerali di Gabriele D'Annunzio, gli permise di scoprire il manoscritto di un romanzo inedito, La Bocca Velata, dello scrittore abruzzese.[5]

Alla fine degli anni '50 introdusse in Italia lo Scarabeo, variante italiana del famoso gioco da tavolo Scrabble.[6]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia di bronzo al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valor militare
«Corrispondente di guerra, nato a Milano il 15-7-1903 - "sul campo" - Corrispondente di guerra imbarcato su una corazzata durante una missione di guerra, espletava con slancio, abnegazione e sprezzo del pericolo il suo compito. Impegnato combattimento contro forze navali avversarie, si esponeva nella zona colpita da una granata nemica, invasa dalle fiamme. Mare Jonio, 9 luglio 1940. (Determinazione del 23 agosto 1940).»
— 1º settembre 1940[7]
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare
«Corrispondente di guerra per la Marina, durante un lungo periodo di imbarco su unità maggiori e siluranti, partecipava a missioni di guerra di ogni tipo, assolvendo sempre, ed in particolar modo, durante gli scontri col nemico, il suo compito specifico con capacità e competenza navale, traendo da numerosi fatti d'arme argomenti di efficaci corrispondenze.»
— 14 febbraio 1943[7]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Pasetti, Il Duce: racconto della sua vita per i giovani, Milano, Liber, 1932.
  • Aldo Pasetti, Generale Gustavo Faca, Milano, O. Zucchi, 1940.
  • Aldo Pasetti, Breve storia della navigazione, Brescia, La Scuola, 1959.
  • Aldo Pasetti, Realtà e leggenda: personaggi ed eroi della storia e della fantasia, Firenze, R. Sandron, 1966.
  • Aldo Pasetti, Omega 9, Milano, Bietti, 1968.
  • Aldo Pasetti, L'ora delle lucertole: romanzo dell'anno 6.010.546.576 dopo Cristo, precede un dialogo di Dino Buzzati, Milano, Bietti, 1971.
  • Aldo Pasetti, Il balcone, Milano, Mursia, 1974.
  • Aldo Pasetti, Il miracolo della Torre Velasca, Milano, Bietti, 1979.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda SBN, opac.sbn.it.
  2. ^ Varietà. Pontremoli - Premio Bancarella, Caleidoscopio Ciac, 03 settembre 1969. URL consultato il 22 maggio 2016.
  3. ^ Elena Gaiardoni, La storia di una famiglia sotto il segno del Capitano, il Giornale.it, 28 marzo 2013. URL consultato il 22 maggio 2016.
  4. ^ Gennaro Vaccaro, PASETTI Aldo, in Panorama biografico degli italiani d'oggi, Roma, ed. Curcio, 1956, p. 1152.
  5. ^ Piero Chiara, Vita di Gabriele D'Annunzio, Milano, Club degli Editori, 1979, p. 457.
  6. ^ G. D., Lo Scrabble compie 50 anni, La Stampa, 05 settembre 1981. URL consultato il 22 maggio 2016.
  7. ^ a b Istituto Nastro Azzurro, decoratialvalormilitare.istitutonastroazzurro.org. URL consultato il 24 agosto 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90114141 · SBN: IT\ICCU\CFIV\007977 · BNF: (FRcb15349839m (data)