Alcimede

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alcimede
SagaLe Argonautiche
Nome orig.Ἀλκιμέδη
SessoFemmina

Alcimede (in greco antico: Ἀλκιμέδη) è un personaggio della mitologia greca, figlia di Filaco e di Climene.

Alcimede era conosciuta anche con i nomi di Anfinome (in greco antico: Ἀμφινόμη) o Polimela (in greco antico: Πολυμήδη).

Mitologia[modifica | modifica wikitesto]

Alcimede secondo la leggenda fu la sposa di Esone e la madre di Giasone[1], colui che guidò gli argonauti alla conquista del vello d'oro.

Pareri secondari[modifica | modifica wikitesto]

Secondo altri mitografi Alcimede non era la madre bensì uno dei figli di Giasone scampato, sempre in questa versione, alla morte da parte di sua madre Medea e colei che uccise i suoi figli per vendicarsi del marito Giasone.
Alcimede, insieme ai suoi fratelli rimasti in vita, venne uccisa dagli abitanti di Corinto, per vendicare Glauce e Creonte anch'essi morti per mano della madre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Diodoro Siculo, Library of History, 4. 53. 2

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Moderna[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Mitologia greca Portale Mitologia greca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia greca