Alberich

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio, vedi Alberico.
Alberich visto da Arthur Rackham.

Alberich (in Italiano "Alberico") è un nano dotato di poteri magici appartenente alla mitologia e delle saghe epiche franco merovinge nate intorno al V-VIII secolo dopo Cristo. Il nome significa letteralmente re degli elfi, ma è conosciuto anche come re dei nani. Possiede la capacità di rendersi invisibile grazie ad un cappuccio fatato (nel Canto dei Nibelunghi) o ad un elmo creato dal fratello Mime (nel ciclo de "L'Anello del Nibelungo").

Nel poema La canzone dei Nibelunghi egli è un nano che protegge il tesoro dei Nibelunghi e che viene sopraffatto da Sigfrido.

Nel ciclo di opere di Wagner L'anello del Nibelungo, Alberich è il re dei nibelunghi, una razza di nani, ed è l'antagonista principale. Il personaggio di Wagner è basato principalmente su La canzone dei Nibelunghi e su Andvari della mitologia norrena.

Alcuni studiosi ritengono che alcuni personaggi come Oberon e Elegast possano essere ispirati ad Alberich.

Altri media[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga[modifica | modifica wikitesto]

Nell'anime I cavalieri dello zodiaco il personaggio di Alberich di Megres, malvagio Cavaliere di Asgard, è parzialmente basato su Alberich.

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Nel film tv La saga dei Nibelunghi il personaggio è interpreatato da Sean Higgins: assale Sigfrido per tentare di rubargli il tesoro; fallisce e per aver salva la vita gli consegna il Tannhelm un elmo magico che consente di cambiare aspetto. Successivamente preparerà su richiesta del figlio Hagen una pozione che fara innamorare alla follia il re di Xanten di Crimilde. Verrà poi ucciso da Hagen.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]